HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Una settimana di tragedie sul lavoro. Non è stata ancora effettuata l’autopsia sulla salma di Antonio Marino

22/06/2022



Arrivano le prime reazioni all’incidente sul lavoro che, questa mattina, è costato la vita, a soli 53 anni, a Ciro Pinto, operaio edile di Nova Siri.
“Rischiare la vita non può essere il prezzo del lavoro”, ha affermato in una nota il segretario generale della Cisl Basilicata Vincenzo Cavallo.
 “Oggi - ha aggiunto il sindacalista - piangiamo l’ennesima vittima sul lavoro, ancora una volta in un cantiere edile. È arrivato il momento di mettere ordine in un settore che si sta trasformando in un far west senza regole e senza tutele”.
Questa tristissima notizia è arrivata nel giorno in cui, essendo stato effettuato l’esame autoptico, abbiamo appreso del ritorno in Burkina Faso per l’ultimo saluto della salma di Armel Dabrè: altro operaio morto giovedì scorso, a due mesi dai 29 anni, mentre lavorava nella Centrale del Mercure per una ditta esterna.
Purtroppo, però, in questa drammatica settimana, la Basilicata è stata scossa da un’ulteriore tragedia sul lavoro che ha colpito un altro operaio, Antonio Marino, classe ‘62 originario di San Severino che viveva a Viggianello, morto domenica scorsa all’ospedale di Caserta per un incidente mentre stava lavorando a Sparanise, in Campania, per una ditta non lucana. Su come sia avvenuto il decesso si è parlato prima di un investimento e, poi, delle conseguenze di un malore ma sulle circostanze ancora non c’è chiarezza.
Intanto, i familiari, accanto al dolore per la scomparsa del proprio caro, stanno vivendo anche l’angoscia di non conoscerne minimamente la causa.
Per fare piena luce su quanto accaduto si resta in attesa dell’esito della autopsia, disposta, ma non ancora eseguita, dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere.

Gianfranco Aurilio
Lasiritide.it




ALTRE NEWS

CRONACA

27/06/2022 - Il nuovo sindaco di Policoro è Enrico Bianco
27/06/2022 - Covid19 Basilicata: 359 casi positivi co tasso al 34,19%
26/06/2022 - Aggredito arbitro nel post gara di un torneo a Paterno
26/06/2022 - Maratea: il Consorzio turistico chiede i medici sulle ambulanze del 118

SPORT

26/06/2022 - Nuoto: bronzo mondiale per Domenico Acerenza
25/06/2022 - Volley lagonegro: Andrea di Carlo libero della Cave del Sole
24/06/2022 - FCI Basilicata: gli appuntamenti del weekend tra Potenza e Trecchina
23/06/2022 - Presentata la nuova maglia azzurra della Nazionale Italiana di Calcio Balilla Paralimpico

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

Non con i miei soldi. Non con i nostri soldi
di don Marcello Cozzi

Parlare di pace in tempi di guerra è necessario, ma è tardi.
Non bisogna aspettare una guerra per parlarne. Bisogna farlo prima.
Bisogna farlo quando nessuno parla delle tante guerre dimenticate dall'Africa al Medio Oriente, quando si costruiscono mondi e società sulle logiche tiranniche di un mercato che scarta popoli interi dalla tavola dello sviluppo imbandita solo per pochi frammenti di umanità; bisogna farlo quando la “frusta del denaro”, come ...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo