HOME Contatti Direttore WebTv News News Sport Cultura ed Eventi
 
Milano Dati Ispra Italia ingegneri naturalisti, Sicilia – Calabria – Puglia sono a rischio desertificazione

17/05/2024

“A Milano hanno funzionato le casse di espanione, opere idrauliche fatte con ingegneria convenzionale, ma in aggiunta a queste si sarebbero potuti fare anche interventi più ispirati alla natura trattenendo l’acqua. Bisogna attivare le altre casse di espansione. Ci vogliono superfici drenanti e ci vuole la vegetazione che possa assorbire acque in eccesso. L’Ingegneria Naturalistica inizia a diffondersi in Italia. Si tratta di utilizzare le piante vive come materiale da costruzione, grazie alle loro proprietà biotecniche, in abbinamento con materiale biodegradabile possibilmente reperibile in loco come legname e petrame. Ad esempio in Toscana dove c’è una delle più grandi frane esistenti in Europa stiamo applicando l’Ingegneria Naturalistica, mettendo in sicurezza i versanti di montagna con il materiale verde del posto. Con queste tecniche possiamo prevenire il dissesto e mitigarlo. Si tratta di fare opere che vanno a compensare quello che in passato veniva fatto per altri scopi come quelli agricoli. Penso alla riduzione delle pendenze, ai muretti a secco, alle scoline. Nelle zone appenninche, da sistemare, dovremmo fare questo, poi invece nelle città creare quelle condizioni che siano in grado di trattenere l’acqua e regimentarla. Cito Segrate, nel milanese dove si sta realizzando un bacino naturale in grado di mantenere le acque piovane, fito – depurarle e immetterle in falda, facendole ritornare nel ciclo dell’acqua. In prossimità dei fiumi urbani dovremmo realizzare sempre più casse di espanzione anche con interventi naturali”. Lo ha affermato Federico Preti, Presidente Nazionale dell’Associazione Italiana di Ingegneria Naturalistica, pochi minuti fa a Roma, a margine della Conferenza su Emergenza Alluvioni e Desertificazione, organizzata dall’Associazione presso la sede ISPRA.



“L’inventario ISPRA dei fenomeni Franosi in Italia (IFFI) ha censito ad oggi oltre 620.000 fenomeni franosi sul territorio nazionale; da questo dato, emerge che quasi il 94% dei comuni italiani ha al proprio interno aree interessate da rischio dissesto e soggette ad erosione costiera e che oltre 8 milioni di persone abitano in aree ad alta pericolosità da frana e idraulica. La mosaicatura delle aree a pericolosità per frana consente di classificare il 18,4% del territorio nazionale a pericolosità da frana elevata – ha dichiarato Maria Siclari, Direttore Generale dell’ISPRA - molto elevata e/o a pericolosità idraulica media (tempo di ritorno tra 100 e 200 anni). Un altro documento tecnico ISPRA, il “Repertorio Nazionale degli interventi per la Difesa del Suolo (ReNDiS)", fornisce un quadro unitario delle opere e delle risorse impegnate nel campo della difesa del suolo; vi sono censiti 25.000 interventi per un totale di più di 17 miliardi di euro di finanziamenti. Su un campione significativo di questi, il monitoraggio ISPRA ha consentito di acquisire anche informazioni tecniche di dettaglio, tra cui la tipologia delle opere realizzate, da cui emerge che il 33% degli interventi di mitigazione del rischio implementa tecniche di ingegneria naturalistica e che il 30% degli stessi ricade all’interno della rete Natura 2000, la rete delle aree protette dell’Unione Europea”.

Realizzare sistemi adattivi che aumentino infiltrazione e raccolta.

“Occorre urgentemente realizzare sistemi adattativi che aumentino infiltrazione, raccolta, accumulo, riuso delle acque meteoriche, quindi moltiplicando tetti verdi, giardini della pioggia, pizze d’acqua, parchi, giardini, aree di espansione, trasformando strade, rotatorie, parcheggi, in aree filtranti e a verde, così da contribuire anche all’incremento di biodiversità e capitale naturale. Come raccomanda la EU Nature Restoration Law per il ripristino di almeno il 20% delle terre emerse in Europa. E sono i medesimi sistemi verdi adattativi che anche abbattono rumori – ha affermato Flora Vallone, architetto paesaggista, Vice Presidente Nazionale dell’Associazione Italiana di Ingegneria Naturalistica - polveri, CO2 e producono ossigeno e servizi ecosistemici. Diversi i progetti/interventi già in corso, in Italia. Ad esempio in alcuni paesi ci sono progetti per trasformare le strade in giardini della pioggia che possano abbattere anche polveri e temperatura, rigenerando un ampio spazio urbano interconnettendolo con altre aree verdi all’intorno per una nuova rete ecologica per passeggiare, andare in bicicletta, incontrarsi. Si chiama One Health: per il benessere del’ambiente e dell’uomo”.



E Sicilia – Calabria – Puglia sono a rischio desertificazione.

“I dati ci dicono questo e dunque che c’è il cambiamento climatico. Abbiamo zone come la Sicilia, con una siccità feroce ma abbiamo anche l’alluvione di queste ore in Lombardia. C’è bisogno di prevenzione. Le regioni a rischio desertificazione sono Sicilia – ha dichiarato Monica Cairoli, Consigliera nazionale e Coordinatrice del Dipartimento Clima e Ambiente del Consiglio dell’Ordine Nazionale Dottori Agronomi e Dottori Forestali - Puglia e Calabria. Regioni che hanno, da sempre avuto problemi di acqua ma adesso il problema sta diventando molto ma molto importanti. Il Nord da questo punto di vista sembrerebbe stare meglio ma anche perchè ci sono regioni meglio strutturate. Bisogna creare opere che consentano di accumulare l’acqua quando c’è e di rilasciarla quando non c’è”.

La Sicilia ha il grave problema della desertificazione.

La Corte dei Conti d’Europa ha riconosciuto come buona pratica il modello Custonaci, nella spesa dei fondi al fine di contrastare la desertificazione.

“Custonaci è un caso importante, un modello per contrastare la desertificazione, aree che si sono desertificate soprattutto per l’azione dell’uomo e per le cave. Abbiamo agito sfruttando la risorsa mare, abbiamo fertilizzato le aree, abbiamo riconquistato natura – ha affermato Gianluigi Pirrera, ingegnere naturalista, Vice Presidente Nazionale Associazione Italiana Ingegneria Naturalistica - utiulizzando la posidonia spiaggiata che abbiamo parzialmente trasformato facendola diventare un suolo artificiale. Il tutto per riattivare le condizioni pedologiche e iniziali finalizzate all’attecchimento delle piante. Tutto ciò è diventato così importanti che i fondi usati per Custonaci sono stati riconosciuti come buona pratica dalla Corte dei Conti d’Europa”.

Ma la Sicilia è alle prese con il grave problema della siccità.

“La Sicilia si conferma come regione, in Europa, a maggior rischio desertificazione. Abbiamo cartine e dati che dimostrano questo. La piovosità si è ridotta almeno del 30% e questo si va a riscontrare, in particolare, in territori importanti per la biodiversità come il Parco Fluviale dell’Alcantara. Sull’Alcantara sono in corso lavori per andare a ripristinare delle aree umide perchè il fiume è completamente in asciutto. Stiamo andando a prelevare in subalveo - ha dichiarato Lorena Ferrara, biologa, dell’Associazione Italiana di Ingegneria Naturalistica - per portare in superfice l’acqua in modo tale da tutelare la biodiversità e vengano riportati in vita questi habitat particolarmente delicati e fragili. Però abbiamo diversi casi. A Custonaci, secondo comune a maggior rischio desertificazione della Sicilia. A Custonaci abbiamo impiegato, in via sperimentale, la posidonia oceanica e dunque le biomasse che si vengono a spiaggiare per contrastare anche l’erosione. Il primo comune siciliano a rischio desertificazione è Villarosa, nell’entroterra siciliano, dove abbiamo attuato degli interventi. Siamo intervenuti anche nell'area archeologica - Le Rocche di Pietraperzia, con grate vive e impiegando specie autoctone locali, tipiche del paesaggio antico, a tutela dell’area archeologica e della biodiversità”.

 

 

ALTRE NEWS


Notizie dall'Italia e dall'Estero - Lasiritide OUT -
21/06/2024 - Operazione antindrangheta in tutta Italia: 26 indagati

Nella mattinata odierna, 21 giugno 2024, i Carabinieri del ROS e del Comando
Provinciale di Vibo Valentia con il supporto in fase esecutiva dai militari dei Comandi
Provinciali Carabinieri di Reggio Calabria, Pescara, Chieti e Torino, hanno dato
esecuzione all’or...-->continua

20/06/2024 - Cura dei cani in estate: le regole d'oro

L'estate porta con sé giornate lunghe, sole splendente e temperature elevate. Per molti, è la stagione delle vacanze e del relax all'aperto. Tuttavia, per i nostri amici a quattro zampe, l'estate può rappresentare un periodo di sfide particolari. Il caldo inte...-->continua

19/06/2024 - Pedala, Pattina con Mauro per un Mare di Solidarietà

Quinto giorno di ‘ sfida’ con sé stesso e con il mondo, Mauro Guenci dell’ASD Team Roller Senigallia (titolato nel pattinaggio in campo nazionale ed internazionale) e di strada ne è stata fatta. Da Trieste si è arrivati nelle Marche giusto ieri ed oggi si con...-->continua

19/06/2024 - Maxi operazione antidroga della Guardia di Finanza a Taranto

Negli ultimi giorni, i Finanzieri del Comando Provinciale di Taranto hanno intensificato le operazioni di contrasto ai traffici illeciti, con particolare attenzione allo spaccio di sostanze stupefacenti. I controlli, eseguiti con l’ausilio delle unità cinofile...-->continua

19/06/2024 - Spaccio di droga a Cosenza: eseguite 5 misure cautelari

I Carabinieri della Compagnia di Cosenza hanno eseguito un’ordinanza di misura cautelare personale, emessa dal gip del Tribunale di Cosenza su richiesta della Procura locale, nei confronti di cinque indagati noti alle Forze di Polizia. Questi sono ritenuti res...-->continua

19/06/2024 - Macerata: operazione per il contrasto alla criminalità economico – finanziaria

I militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Civitanova Marche, nel contesto di un’operazione condotta nell’ambito del contrasto alla criminalità economico – finanziaria, hanno esperito mirati accertamenti patrimoniali nei confronti di un soggetto gr...-->continua

17/06/2024 - Sono 25 milioni gli italiani alla cassa per la prima rata Imu

Italiani alla cassa per il pagamento della prima rata dell'Imu: l'acconto, pari a metà dell'imposta complessiva, vale circa 11 miliardi di gettito e va versato entro oggi, lunedì 17 giugno. Con l'esclusione della prima casa (a meno che non sia considerata di ...-->continua


CRONACA BASILICATA

21/06/2024 - Basilicata. Rischio eruzione Campi Flegrei, riunione in Prefettura a PZ
21/06/2024 - Matera: eseguito un complesso intervento di cesareo ed asportazione di un tumore
21/06/2024 - Stato di agitazione lavoratori Aias di Potenza
21/06/2024 - Marsiconuovo: ciclista si perde tra i boschi, recuperato dopo allerta al 112

SPORT BASILICATA

20/06/2024 - A Lorica il primo raduno tecnico interappenninico Fisi
20/06/2024 - Nuovo innesto in casa Rinascita: è Filippo Franza
19/06/2024 - Tenta di aggredire tifoso della Juve Stabia, 5 anni di Daspo a ultrà del Potenza
18/06/2024 - Il Gorgoglione si aggiudica anche la dodicesima edizione del Torneo del Sauro

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI
1/12/2021 Ultimo lotto Bradanica, domani alle 11.30 l’apertura al traffico

Come annunciato nei giorni scorsi verrà aperto domani, 2 dicembre, l’ultimo lotto “La Martella” della strada Statale “Bradanica”.
L’apertura al traffico è in programma alle ore 11.30 al km 135 lato La Martella.
Sarà presente l’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità, Donatella Merra.

28/11/2021 Poste Italiane: estesi orari apertura di tre uffici postali lucani

Poste Italiane comunica che a partire lunedì 29 novembre, gli Uffici Postali di Matera 5, Melfi e Moliterno saranno interessati da un potenziamento degli orari di apertura al pubblico.
In particolare, gli uffici postali di Melfi e Moliterno (PZ) saranno aperti dal lunedì al venerdì, dalle ore 8:20 – 19:05, il sabato dalle ore 8:20 alle 12:35. Matera 5 osserverà l’orario di apertura su 6 giorni lavorativi. Lun/ven 08:20 – 13:45, sabato  08:20 – 12:45.
Questi interventi confermano la vicinanza di Poste Italiane al territorio e alle sue comunità e la volontà di continuare a garantire un sostegno concreto all’intero territorio nazionale. Anche durante la pandemia, infatti, Poste Italiane ha assicurato con continuità l’erogazione dei servizi essenziali per andare incontro alle esigenze della clientela, tutelando sempre la salute dei propri lavoratori e dei cittadini.
L’Azienda coglie l’occasione per rinnovare l’invito ai cittadini a recarsi negli Uffici Postali nel rispetto delle norme sanitarie e di distanziamento vigenti, utilizzando, quando possibile, gli oltre 8.000 ATM Postamat disponibili su tutto il territorio nazionale e i canali di accesso da remoto ai servizi come le App “Ufficio Postale”, “BancoPosta”, “Postepay” e il sito www.poste.it. 

15/11/2021 Obbligo di catene o pneumatici da neve

E’ stata emessa questa mattina e trasmessa alla Prefettura ed a tutte le Forze dell’ordine, l’ordinanza firmata dal Dirigente dell’Ufficio Viabilità e Trasporti della Provincia, l’ing. Antonio Mancusi, con la quale si fa obbligo:“A tutti i conducenti di veicoli a motore, che dal 01 Dicembre 2021 fino al 31 Marzo 2022 transitano sulla rete viaria di competenza di questa Provincia di Potenza, di essere muniti di pneumatici invernali (da neve) conformi alle disposizioni della direttiva comunitaria 92/33 CEE recepita dal Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti 30/03/1994 e s.m.i. o a quelle dei Regolamenti in materia, ovvero di avere a bordo catene o altri mezzi antisdrucciolevoli omologati ed idonei ad essere prontamente utilizzati, ove necessario, sui veicoli sopraindicati.

Tale obbligo ha validità, anche al di fuori del pericolo previsto in concomitanza al verificarsi di precipitazioni nevose o formazione di ghiaccio”.





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo