HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Chiaromonte: smaltimento illecito, denunciato proprietario di un frantoio

19/11/2019



Rotonda – I militari della Stazione Parco di Chiaromonte e San Severino Lucano hanno nei giorni scorsi denunciato all’Autorità Giudiziaria competente il titolare di un frantoio del luogo per smaltimento illecito di acque di vegetazione. In particolare i militari, intenti in questo particolare periodo ad effettuare una serie di controlli mirati al corretto smaltimento delle acque di vegetazione prodotte dalla molitura delle olive, hanno rinvenuto diversi sversamenti di sostanze oleose in una area boscata posta in località S.Uopo del Comune di Chiaromonte, località questa che ricade in zona 2 del parco Nazionale del Pollino. Su tutti i punti era bene evidente il ruscellamento dell’acqua sversata sicuramente mediante l’utilizzo di un tubo collegato ad una cisterna. Nel luogo dello sversamento era intenso un odore nauseante di sostanze oleose, classico delle acque di vegetazione, tanto da far presupporre ai militari che lo sversamento era avvenuto da poco tempo. Seguendo i segni ben evidenti lasciati dai cingoli di un trattore si è giunti ad un opificio posto a poca distanza. Il controllo ambientale effettuato, finalizzato al rispetto della vigente normativa nazionale e regionale afferente la corretta gestione dei residui di lavorazione del frantoio oleario, sanse umide e acque di vegetazione fa supporre che le acque illecitamente smaltite con l’utilizzo di una cisterna trainata da un trattore cingolato provenivano da tale struttura. Attività che ha cagionato un danno alle risorse ambientali e paesaggistiche protette del territorio in violazione alla normativa ambientale che regola tale attività.



ALTRE NEWS

CRONACA

9/12/2019 - Farmaci ritirati per rischio cancro: anche Ranitidina DOC GENERICI
9/12/2019 - ''Velocizzare riforma dell’affido condiviso e della bigenitorialità''
9/12/2019 - Pugni in testa alla madre: donna arrestata a Forenza
9/12/2019 - Meteo Basilicata: torna la pioggia ma il week end sarà nel segno del beltempo

SPORT

9/12/2019 - Sesta vittoria consecutiva per l’Olimpia Basket Matera
9/12/2019 - Volley: vittoria esterna per il Lagonegro e 2 punti conquistati
9/12/2019 - Volley: PM Asci Potenza perde a Bari
8/12/2019 - Prima Ctg/B: il Viggianello vince al termine di un’incredibile rimonta

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

9/12/2019 Sospensioni erogazioni idriche 9 dicembre 2019

Melfi: a causa di un guasto improvviso nella frazione Leonessa, potrebbero verificarsi cali di pressione e o mancanza di erogazione idrica. Il ripristino è previsto al termine dei lavori.
Tursi : per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione, è in corso al sospensione dell'erogazione dell'acqua potabile nella zona del centro storico e nella parte alta dell'abitato. Il ripristino è previsto al termine dei lavori.
Moliterno: a causa di un guasto improvviso, l'erogazione idrica sarà sospesa in via Roma e via Sciaviola dalle ore 11:30 di oggi fino al termine dei lavori.
Noepoli: a causa di un guasto improvviso, l'erogazione idrica, nell'intero abitato, potrebbe subire cali di pressione o essere sospesa dalle ore 12:30 di oggi fino al termine dei lavori.

6/12/2019 Montalbano Jonico: sospensione idrica

A causa di un guasto improvviso, l'erogazione idrica potrebbe subire cali di pressione o essere sospesa dalle ore 19:00 di oggi e fino al termine dei lavori, in via Miele, da via dei Caduti fino a zona Montesano.

6/12/2019 Atella: sospensione idrica

A causa di un guasto improvviso, l'erogazione idrica sarà sospesa nella zona industriale di valle di Vitalba dalle ore 18:00 di oggi fino al termine dei lavori.

Il fuoco del ghetto illumini le nostre coscienze
di Mariapaola Vergallito

Nessuno di noi dovrà più tornare indietro da quanto accaduto ieri. Nessuno di noi dovrà poter cancellare il capitolo nero marchiato col fuoco del ghetto della Felandina di Metaponto. Non che di vergogna e di indecenza prima di ieri non ce ne fossero abbastanza. Ma forse si doveva arrivare alla morte di una povera donna nigeriana resa irriconoscibile dal fuoco di un’alba lucana per accenderne un altro, di fuoco: quello dell’indignazione attiva, della coscienz...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo