HOME Contatti Direttore WebTv News News Sport Cultura ed Eventi
 
'Ndrangheta: operazione carabinieri nel Crotonese, 31 arresti

4/10/2022

Nelle prime ore di lunedì 03 ottobre 2022, i Carabinieri del Comando Provinciale di Crotone, unitamente a quelli del ROS e del NIPAF di Cosenza, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Catanzaro, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia – nei confronti di 31 (trentuno) soggetti (per 27 dei quali è stata disposta la custodia cautelare in carcere, mentre per i restanti 4 gli arresti domiciliari), a vario titolo indagati per i delitti di associazione per delinquere di matrice mafiosa, concorso esterno nella stessa, estorsioni aggravate dal metodo mafioso, associazione per delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti, attività organizzata per il traffico illecito di rifiuti, truffa ai danni del Gestore del Servizio Energetico nazionale (GSE), truffa per il conseguimento di erogazioni pubbliche, indebita percezione di quest’ ultime, omessi controlli e vigilanza sulle attività d’impresa, turbata libertà degli incanti, concessione di sub appalti senza autorizzazione, frode in pubbliche forniture, falso in atto amministrativo, illecita concorrenza in attività commerciale, intestazione fittizia dei beni, furto aggravato, associazione per delinquere finalizzata al traffico, alla produzione ed allo spaccio di sostanze stupefacenti, con l’aggravante di essere un’associazione armata.
L’ordinanza compendia le risultanze investigative raccolte dai suddetti reparti dell’Arma, in un arco temporale compreso tra gli anni 2014 e i giorni nostri, in distinte ma convergenti manovre di contrasto, coordinate e dirette da questa Procura della Repubblica, nei confronti della “Locale” di ‘ndrangheta di Mesoraca (KR).
In particolare, il filone d’indagine sviluppato dal Nucleo Investigativo di Crotone, con l’apporto fornito dall’Aliquota Operativa della Compagnia di Petilia Policastro (KR), attraverso l’esecuzione di indagini c.d. tradizionali (intercettazioni di conversazioni telefoniche tra presenti, servizi dinamici di OCP, videosorveglianza remotizzata di luoghi, accertamenti documentali) corroborate dal contributo dichiarativo di collaboratori di Giustizia, ha consentito di configurare la gravità indiziaria in ordine:
- all’operatività della suddetta consorteria, agli elementi strutturali ed i collegamenti con le omologhe organizzazioni criminali della provincia di Crotone, nonché di talune delle province di Reggio Calabria e Cosenza;
- a una pluralità di c.d. reati fine del sodalizio, quale esecuzione del programma criminoso della compagine. Tra i vari reati, quelli estorsivi in pregiudizio d’imprenditori e commercianti, di illecita concorrenza nell’attività commerciale e di turbativa di incanti pubblici;
- all’operatività del gruppo in materia di narcotraffico, posta in essere attraverso il controllo delle piazze di spaccio di droga attivate nei comuni di Mesoraca (KR) e Petilia Policastro (KR). In tale ambito, numerosi sono stati i sequestri probatori eseguiti nel corso delle indagini.
Nel quadro degli accertamenti effettuati nel corso delle investigazioni si è proceduto:
- a effettuare sequestri di armi nella disponibilità dell’organizzazione criminale;
- a ipotizzare la ricorrenza di illeciti interessi dell’organizzazione nell’imponente indotto economico costituito dall’area boschiva silana delle province di Crotone e Catanzaro. In tale ambito, taluni degli esponenti del sodalizio risultano titolari di aziende di settore, che operano nel taglio e nella lavorazione del materiale legnoso, da conferire, successivamente, alle centrali a biomasse, presenti nella provincia di Crotone ed in particolare a quella di Cutro (KR).
E’ proprio in tale ultimo ambito che le investigazioni sopra descritte hanno trovato una convergenza con le coeve attività d’indagine condotte dal ROS e dal NIPAF di Cosenza. Detti reparti, infatti, avevano avviato-preliminarmente- accertamenti integrativi di riscontro, a seguito delle risultanze ottenute nel corso dell’operazione denominata “STIGE” (che hanno trovato prime conferme nelle pronunce di condanna del relativo processo incardinato), in relazione agli interessi della “Locale” di ‘ndrangheta di Cirò (KR) nel settore dello sfruttamento del patrimonio boschivo silano, coltivati attraverso la realizzazione di una serie sistematica di condotte illecite.
In particolare, attraverso il contributo dichiarativo di collaboratori di Giustizia, corroborato da indagini tecniche, tali ulteriori investigazioni si erano alla fine concentrate su alcuni imprenditori e soggetti reputati contigui alla “Locale” di Mesoraca (KR), e raggiunti da indizi di appartenenza a una associazione per delinquere finalizzata all’attività organizzata del traffico illecito di rifiuti ed alla frode al Gestore del servizio elettrico nazionale.
Si è ipotizzato, in particolare, gli i soggetti raggiunti da gravi indizi di colpevolezza operassero in regime di sostanziale monopolio, al fine di perpetrare in maniera sistematica operazioni di taglio boschivo non autorizzate, difformi e comunque pericolose per l’ambiente, conferendo quindi – presso le Centrali biomassa dislocate nel territorio regionale - un prodotto legnoso (c.d. cippato) non tracciabile e/o di qualità non in linea con gli standard di legge e pertanto da considerarsi a tutti gli effetti un “rifiuto”.
Tali sistematiche condotte illecite, favorite anche dal ravvisato contributo di tecnici agronomi1, operatori e funzionari delle Centrali biomassa, investiti delle mansioni di controllo della qualità del prodotto conferito e della regolarità delle documentazioni di accompagnamento del prodotto, comportavano un ingiusto profitto non solo per le imprese boschive collegate alle organizzazioni criminali, ma anche alle società gestori delle Centrali Biomassa che indebitamente percepivano dal GSE incentivi maggiorati e basati su conferimenti di prodotto legnoso effettuati in difformità della normativa vigente del settore (o perché trattasi di prodotto scadente o perché derivante da taglio non autorizzato).
Contemporaneamente all’esecuzione delle misure personali, verrà eseguito un sequestro preventivo nei confronti di 8 imprese boschive della provincia di Crotone e 4 della provincia di Cosenza. Tra le imprese oggetto di sequestro anche quella proprietaria della centrale biomasse di Cutro (KR).
Il valore complessivo di tali sequestri si aggira sulla cifra di 16 milioni di Euro circa.
I particolari dell’operazione verranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà presso questa Procura della Repubblica.

 

 

ALTRE NEWS


Notizie dall'Italia e dall'Estero - Lasiritide OUT -
24/05/2024 - Terremoto di magnitudo 3.8 nel Mar Ionio vicino alla Puglia

Una scossa di terremoto di magnitudo 3.8 è stata registrata alle 5:29 nel Mar Ionio settentrionale, a sudest della costa meridionale della Puglia.

Lo rende noto l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), secondo cui il sisma ha avuto ipocentro a dieci ...-->continua

24/05/2024 - Calabria. Furbetti del contatore: raffica di denunce nella Piana di Gioia Tauro

Nei giorni passati, una task force dei militari dell’Arma e dell’Enel ha effettuato controlli intensivi in tutto il territorio della Piana di Gioia Tauro per smascherare i “furbetti del contattore”. Le verifiche congiunte si inseriscono nell’ambito del protoco...-->continua

22/05/2024 - La DIA sequestra beni per circa 1 milione di euro nei confronti di un affiliato al clan Lo Russo

La Direzione Investigativa Antimafia, ha eseguito un provvedimento di sequestro di prevenzione emesso dal Tribunale di Napoli – Sezione Misure di Prevenzione nei confronti di un soggetto già condannato per la sua partecipazione al Clan Lo Russo (Capitoni). -->continua

22/05/2024 - Operazione “ALBANA”. 15 arresti per associazione a delinquere finalizzata alla produzione e al traffico di sos

Nelle prime ore di questa mattina i Carabinieri del ROS, coadiuvati nella fase operativa da personale dei Comandi Provinciali Carabinieri di Enna, Caltanissetta, Catania e Brescia, hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare emessa nel corso d...-->continua

22/05/2024 - Uso eccessivo dello smartphone: adolescenti a rischio di dipendenza dai social

Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista Archives of Disease in Childhood, le giovani ragazze sono a rischio per l'uso eccessivo dello smartphone e in particolare dei social media. Alcune adolescenti passano quasi 6 ore al giorno sui loro smartphone, lo pr...-->continua

22/05/2024 - Nuova scossa di terremoto ai Campi Flegrei: magnitudo 3.6

Una nuova scossa di terremoto ha colpito la zona dei Campi Flegrei alle 8:28, con una magnitudo di 3.6 registrata dall'Ingv a una profondità di 4 chilometri. La scossa è stata avvertita ai piani alti di diversi quartieri di Napoli e nei comuni più vicini alla ...-->continua

22/05/2024 - Il festival del cinema sostenibile torna a Noto dal 5 al 9 giugno

Dopo il successo della prima edizione, e della winter edition svoltasi a novembre 2023 arriva dal 5 al 9 giugno la 2° edizione di Vision 2030, il Festival del Cinema Sostenibile diretto da Giulia Morello, prodotto da Smile Vision in partnership con Dire Fare C...-->continua


CRONACA BASILICATA

27/05/2024 - Lavello: un arresto, una denuncia e 4 segnalazioni
27/05/2024 - Sant'Arcangelo: minaccia di buttarsi dal terrazzo, donna salvata dai carabinieri
27/05/2024 - Tito: installate centraline per monitoraggio delle sostanze odorigene
26/05/2024 - ''Chiudete il CpR di Palazzo San Gervasio'', presidio a Potenza

SPORT BASILICATA

27/05/2024 - 7° Memorial “Mauro Tartaglia", l'omaggio di Melfi a Gigi Riva
26/05/2024 - Al bocciodromo di Francavilla in Sinni il Memorial ''Giorgio Fioravanti''
26/05/2024 - Giro di Italia 2024: il veterano Pozzovivo conclude in 20esima posizione
26/05/2024 - Orsola D’Onofrio è bronzo ai Campionati Nazionali Universitari

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI
1/12/2021 Ultimo lotto Bradanica, domani alle 11.30 l’apertura al traffico

Come annunciato nei giorni scorsi verrà aperto domani, 2 dicembre, l’ultimo lotto “La Martella” della strada Statale “Bradanica”.
L’apertura al traffico è in programma alle ore 11.30 al km 135 lato La Martella.
Sarà presente l’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità, Donatella Merra.

28/11/2021 Poste Italiane: estesi orari apertura di tre uffici postali lucani

Poste Italiane comunica che a partire lunedì 29 novembre, gli Uffici Postali di Matera 5, Melfi e Moliterno saranno interessati da un potenziamento degli orari di apertura al pubblico.
In particolare, gli uffici postali di Melfi e Moliterno (PZ) saranno aperti dal lunedì al venerdì, dalle ore 8:20 – 19:05, il sabato dalle ore 8:20 alle 12:35. Matera 5 osserverà l’orario di apertura su 6 giorni lavorativi. Lun/ven 08:20 – 13:45, sabato  08:20 – 12:45.
Questi interventi confermano la vicinanza di Poste Italiane al territorio e alle sue comunità e la volontà di continuare a garantire un sostegno concreto all’intero territorio nazionale. Anche durante la pandemia, infatti, Poste Italiane ha assicurato con continuità l’erogazione dei servizi essenziali per andare incontro alle esigenze della clientela, tutelando sempre la salute dei propri lavoratori e dei cittadini.
L’Azienda coglie l’occasione per rinnovare l’invito ai cittadini a recarsi negli Uffici Postali nel rispetto delle norme sanitarie e di distanziamento vigenti, utilizzando, quando possibile, gli oltre 8.000 ATM Postamat disponibili su tutto il territorio nazionale e i canali di accesso da remoto ai servizi come le App “Ufficio Postale”, “BancoPosta”, “Postepay” e il sito www.poste.it. 

15/11/2021 Obbligo di catene o pneumatici da neve

E’ stata emessa questa mattina e trasmessa alla Prefettura ed a tutte le Forze dell’ordine, l’ordinanza firmata dal Dirigente dell’Ufficio Viabilità e Trasporti della Provincia, l’ing. Antonio Mancusi, con la quale si fa obbligo:“A tutti i conducenti di veicoli a motore, che dal 01 Dicembre 2021 fino al 31 Marzo 2022 transitano sulla rete viaria di competenza di questa Provincia di Potenza, di essere muniti di pneumatici invernali (da neve) conformi alle disposizioni della direttiva comunitaria 92/33 CEE recepita dal Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti 30/03/1994 e s.m.i. o a quelle dei Regolamenti in materia, ovvero di avere a bordo catene o altri mezzi antisdrucciolevoli omologati ed idonei ad essere prontamente utilizzati, ove necessario, sui veicoli sopraindicati.

Tale obbligo ha validità, anche al di fuori del pericolo previsto in concomitanza al verificarsi di precipitazioni nevose o formazione di ghiaccio”.





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo