HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Sanità Futura: un’ennesima sconfitta regionale già annunciata

20/07/2019

L’ennesima bocciatura sentenziata dal Tar che annulla la delibera dei tetti per gli anni 2015-2016 e 2017 non è altro che la conferma di come l’intero settore delle strutture accreditate nel Servizio Sanitario pubblico sia stato fino ad ora gestito in modo talmente fallimentare da portare la Regione ad assumere nuovamente il ruolo del “cane bastonato”. I risultati che abbiamo sotto gli occhi, imputabili anche e soprattutto al dirigente generale Pafundi che di fatto sostituiva l’assessore perché da questa delegato, sono schiaccianti. Disattendendo ogni tipo di diposizione nazionale, regionale o anche solo di accordi con le parti sociali, sono state create situazioni così distorte da sconfinare più volte i limiti della legalità esponendo la Regione ad una pioggia di ricorsi senza precedenti; ricorsi dai quali puntualmente ne esce sconfitta.
L’ultima sentenza del TAR, che bacchetta pesantemente la Regione Basilicata, in realtà coincide con quello che l’associazione Sanità Futura dice da anni. Volendo pensare che la giustizia sia soprattutto umana, immaginiamo che anche i giudici del TAR siano stanchi di dover ripiegare il loro delicato compito su una valanga di ricorsi che potevano essere sicuramente evitati.
Sanità Futura ha sempre annunciato pubblicamente, a gran voce, gli errori e i continui ritardi con cui la Regione arrivava a deliberare i tetti delle strutture accreditate. Nei fatti siamo stati costretti a passare questi anni contestando, protestando contro scelte insensate, contro gli abusi e gli assurdi privilegi e contro ogni insulsa stupidocrazia. La sventurata storia della sanità lucana parla per noi. Dal 2015 però, le cose sono peggiorate in un crescendo inarrestabile e viene da chiedersi se ci troviamo di fronte a una incredibile sequenza di errori oppure il tutto si regge su altre logiche meno casuali.
Siamo stati obbligati a spendere le nostre energie e le nostre risorse verso il TAR che aveva già annullato i tetti 2015-2017, verso l’AGCM nazionale (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato) che ha censurato profondamente le delibere regionali. Risultato? Oggi il TAR boccia nuovamente i tetti che aveva già bocciato e l’AGCM resta cinicamente inascoltata.
Non finisce qui. L’attuale IV commissione consiliare, su iniziativa del suo presidente Zullino, approva all’unanimità una mozione per la revoca in autotutela della nuova delibera di qualche settimana fa, e che succede? Niente, anzi, le ASL si stanno già affrettando per la firma di nuovi contratti che si fondano proprio sulla delibera di cui si è chiesta la revoca, che sarà nuovamente impugnata, questa volta anche dall’AGCM! Le domande sono: quante pronunce dovranno ancora essere sentenziate per essere semplicemente ascoltati? Possibile che non interessi a nessuno? Nemmeno al nuovo governo regionale?
Le disposizioni nazionali prevedevano si dei tagli di spesa ma nel paradosso lucano si è preferito “congelare” risorse economiche inutilizzate, danneggiando così le strutture accreditate e di conseguenza i cittadini che non hanno potuto accedere alle cure e che ne erano i naturali destinatari. La sciagura delle liste di attesa e della mobilità passiva non si risolve (ovviamente) con l’alchimia burocratica ma con una sapiente e corretta amministrazione. Gli errori, premeditati o meno, prima o poi vengono al pettine e producono autentici disastri. Se l’ultima delibera sui tetti non sarà revocata il cataclisma è ancora una volta annunciato: le liste di attesa esploderanno, altro che azzerate al 100%! Il saldo passivo di mobilità sanitaria toglierà ulteriori e preziose risorse dal fondo nazionale e la giustizia amministrativa, contabile e penale avranno altro lavoro che poteva essere evitato.
Già con l’errata applicazione del DL 95/2012 “Decreto Balduzzi” la Regione ha creato la prima grossa falla nel sistema, poi ha continuato con la definizione dei tetti di spesa 2014 e degli anni a seguire, fino ad oggi in cui nonostante siano trascorsi più di 6 mesi dall’ inizio dell’anno, si emana una nuova delibera in una situazione di oggettivo ritardo per il quale più volte si è ricevuto la bocciatura dal TAR.
Tutta questa materia, apparentemente ostica e sapientemente mistificata da interpretazioni burocratiche, dovrebbe dare risposta a domande semplici: dov’è la puntuale analisi dei fabbisogni territoriali? Dov’è il diritto dei cittadini di libera scelta e di parità di accesso alle prestazioni sanitarie? E quello delle imprese ad una sana competizione e integrazione nel sistema? Dov’è la riduzione delle liste d’attesa nella quale avrebbero un ruolo fondamentale le strutture accreditate che spesso suppliscono alle mancanze del sistema? Dove sono i gesti concreti per abbattere il saldo di mobilità passiva che ci vede perdenti rispetto ad altre regioni?
E rieccoci qui con Sanità Futura che chiede a questo Governo regionale se davvero vuole dare inizio all’Era del Cambiamento. Chiediamo trasparenza, imparzialità, economicità e buon senso amministrativo, questi dovrebbero essere elementi essenziali nell’operare per il bene pubblico, purtroppo è comprovato che così non è stato e noi, imprese e cittadini, continuiamo a pagarne il prezzo.



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
15/01/2021 - Protesta studenti, Leone: ''Pronto a ricevervi''

“Contestate, se credete che sia per una causa giusta. Ne avete tutto il diritto. Ma sommessamente vi invito a lasciare uno spazio al dubbio, dal momento che la realtà, tante volte, non corrisponde al modo in cui viene rappresentata. I fatti dicono che in Basilicata l’emergen...-->continua

15/01/2021 - Sp Racanello, Merra: “Soluzioni condivise per superare criticità”

Utilizzare temporaneamente circa 338 mila euro di fondi del Po Val d’Agri già destinati alla Fondovalle del Racanello della Provincia di Potenza: questo, per far fronte “con urgenza ad un fenomeno di dissesto che ha reso inevitabile per questioni di sicurezza ...-->continua

15/01/2021 - Corleto Perticara: i dubbi dell'Amministrazione Comunale su Tempa Rossa

Da circa un mese i cittadini di Corleto Perticara sono costretti a subire il malfunzionamento dell’impianto petrolifero del Centro Oli “Tempa Rossa” recentemente avviatosi con la messa in produzione con conseguente molestie acustiche e odorigene che rendono in...-->continua

15/01/2021 - Strada del Racanello: la Provincia condivide la soluzione provvisoria ma...

Il Presidente della Provincia di Potenza, Rocco Guarino, ha preso atto della dichiarazione ufficiale dell’assessore alle Infrastrutture della Regione, Donatella Merra, di voler “utilizzare - per poi restituire in un secondo momento - i 338 mila euro di fondi...-->continua

15/01/2021 - La "Magna Grecia" senza scorie

Le Province di Matera e di Taranto unite nel condividere il secco NO alle scorie radioattive in Puglia e Basilicata. È quanto emerso durante l'assemblea dei sindaci della provincia di Taranto svoltasi questa mattina, a cui ha preso parte il presidente della Pr...-->continua

15/01/2021 - Scorie, da tavoli tecnici le osservazioni contro il deposito unico in Basilicata

Facendo seguito alle intese raggiunte nella riunione del 7 gennaio per la creazione di una cabina di regia attraverso la quale esprimere una posizione univoca rispetto alla “localizzazione, costruzione ed esercizio del deposito nazionale dei rifiuti radioattiv...-->continua

15/01/2021 - Giunta regionale approva il Piano di abbattimento dei cinghiali

“La Regione continua a mettere in campo tutti gli strumenti a disposizione per fronteggiare la costante espansione numerica dei cinghiali, che come è noto determinano risvolti di natura biologica ma anche economica e sociale. Oltre a causare danni diretti e in...-->continua











WEB TV



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo