HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

CD di Basilicata su nuova organizzazione e situazione politica

16/11/2016

La nuova fase costituente di Centro Democratico in Basilicata, non poteva non partire in un momento cosi delicato e vitale per il futuro della nostra Regione.
Ci sono questioni che necessariamente devono essere il fulcro di occasioni di dibattito e di approfondimento che il pensiero unico dell’ex partito regione, non è più in grado di canalizzare da solo verso un ragionamento che faccia necessariamente sintesi delle criticità istituzionali ed amministrative.
Partendo da queste considerazioni, si è insediato il nuovo Coordinamento Regionale di Centro Democratico (Antonio Autilio, Massimo Macchia, Luigi Scaglione e Pasquale Stella Brienza) che darà seguito alle indicazioni del Presidente Nazionale Bruno Tabacci ed al Vice Segretario Nazionale Vicario, Angelo Sanza, di attivare le rappresentanze locali attraverso la costituzione dei Comitati di Zona e la continuità delle attività politiche a livello provinciale affidate per il potentino a Massimo Macchia e per il Materano a Pasquale Stella Brienza. Mentre per i due Comitati Cittadini si procederà rapidamente alla individuazione dei componenti i rispettivi Comitati.
Nel solco della ridefinizione di una intesa dell’area di Centrosinistra, le prossime scadenze elettorali sono il banco di prova di una necessaria verifica della tenuta di una coalizione che in quanto tale garantisca la pari dignità tra le forze che compongono una coalizione e che contestualmente immagini una legge elettorale a livello nazionale e regionale che proietti questo schema al fine di dare solidità alle azioni di Governo che vengono messe in campo.
Appare altresì limitante delle potenzialità di un governo regionale forte ed autorevole, anche la presenza ed il relativo sostegno di battitori liberi che immaginano di essere alternativi pur lavorando dentro un consesso di governo.
Un forte stimolo, a detta di Centro Democratico, potrà venire dalla ricostituzione di un’area moderata e di Centro che rivedendosi nei principi di un piano di programma e di governo rinnovato sappia diventare elemento di coagulo e non di contrapposizione strumentale e capace altresì di limitare le tentazioni di chi gioca al rialzo per calcoli personali. E in questa prospettiva locale e nazionale lavoreremo nelle prossime settimane.
Le politiche sociali, quelle di difesa del sistema sanitario regionale con le sue specificità tipiche dei distretti locali e la conferma dei punti specialistici, l’abbattimento della spesa improduttiva che favorisca gli investimenti e non la spesa corrente come opportunamente è stato sostenuto nelle ultime intese Regione-Governo, la riorganizzazione di una struttura che guidi la Programmazione e gestisca il Bilancio regionale secondo lo schema di una nuova dinamica di sviluppo condiviso e partecipato e non più solo locale sono solo alcuni dei punti cardine del progetto di rilancio delle politiche regionali. E poi una necessaria e maggiore condivisione con i partner della coalizione dall’inizio della legislatura, proprio su queste materie, non sarebbe stata una ennesima occasione persa.
Ben oltre lo scontro fratricida sul referendum e sulle questioni di bottega che non possono inficiare lo sforzo amministrativo da rilanciare.
In questo contesto, continua Centro Democratico di Basilicata, la crisi delle due città capoluogo appare irreversibile.
Ne prendano atto tutti gli interlocutori. E se mentre a Matera l’area di Centro-sinistra ha fatto una scelta coerente tenendo ben differenziato il suo ruolo da quello della confusa maggioranza di governo, a Potenza continua lo stillicidio di un Governo confuso ed arraffazzonato, frutto di mediazioni tra i vertici di quella sinistra Pd che oggi dileggia i suoi avversari a livello nazionale e che a Potenza fa quello che a Roma contesta e quell’area di mezzo che rischia di essere spazzata via a causa della improvvisazione su provvedimenti e momenti di gestione.
A Matera si rischia di perdere la grande occasione di una rinata voglia di protagonismo culturale, sociale ed economico di cui deve giovarsi tutta la Regione.
A Potenza, si rischia l’implosione per il caos nel settore traffico, trasporti, lavori pubblici, raccolta differenziata e non ultimo (visto che finalmente anche le componenti delle commissioni pari opportunità lo hanno rilevato) per i numeri dei suoi componenti e delle rappresentanze di genere.
Si naviga a vista, senza una idea concettuale di comunità politica dove non basta una festa di Capodanno in piazza a ridare vita e vitalità al sogno di rinascita dei centri urbani lucani.
Ora è il momento della svolta e l’area di Centro non può restare inerme.


Il Coordinamento Regionale



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
11/05/2021 - Iniziati i lavori ex SS7 sul ponte di collegamento “Ruoti-San Cataldo"

Sono iniziati i lavori sulla ex SS7 e precisamente sul ponte di collegamento “Ruoti-San Cataldo”.
I suddetti lavori di adeguamento e messa in sicurezza del ponte, fanno parte del contributo ottenuto dal Comune di Ruoti, con molta soddisfazione, relativamente ai progetti ...-->continua

11/05/2021 - Bandiere Blu, Giordano (Ugl):”Metapontino, ennesimo riconoscimento importante”

“Metaponto, Pisticci, Policoro e Nova Siri confermano la Bandiera Blu nel metapontino: tutto il territorio presenta caratteristiche a dir poco fantastiche. La parte del leone la fa ancora una volta la provincia di Matera con la conferma di tutte le precedenti ...-->continua

11/05/2021 - Giornata Internazionale dell’Infermiere: 'Valorizzare i professionisti'

Nel celebrare la giornata Internazionale dell’Infermiere, che ricorre ogni 12 Maggio, non possiamo non ricordare le tante questioni ancora aperte che interessano questa professione, così duramente provata in questa Pandemia. Gli infermieri rappresentano, da se...-->continua

11/05/2021 - Assoturismo Confesercenti: Maratea Bandiera Blu per il 25° anno consecutivo

La Fee Foundation for Environmental Education (Fondazione per l’Educazione Ambientale) ha inserito Maratea, tra le località costiere europee, che sulla base dei servizi offerti e della qualità delle acque, saranno insignite della bandiera BLU.

Tra i p...-->continua

11/05/2021 - 'No alla spettacolarizzazione della giustizia, il Governo intervenga'

Da un anno si susseguono notizie nell’ambito di interessenze a vario titolo tra una parte della Magistratura e le forze politiche e sorprende come il Legislatore ed il Presidente della Repubblica non siano riusciti ad aprire con trasparenza una fase pubblica d...-->continua

10/05/2021 - Muro Lucano, parco eolico: il sindaco replica a Enel Green Power

Non si comprende per quale motivo si tenda a sminuire le preoccupazioni di un’intera comunità tramite un comunicato, anziché fornire delle controprove rispetto allo studio effettuato dall’Ente Locale.
A prescindere da ciò che legittimamente prevedono le pr...-->continua

10/05/2021 - Forestazione: il sindacato USB invita alla mobilitazione domani pomeriggio

Nessuna risposta è stata data alle varie richieste portate al tavolo d'incontro con l'assessore Fanelli nell'ultimo incontro del 19 marzo scorso. A cominciare dal pagamento del mese di dicembre 2020 e per gli impiegati anche dei mesi di gennaio e febbraio 2021...-->continua















WEB TV



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo