HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Incontro su Stellantis al MIMIT: le prime dichiarazioni dei sindacati

2/04/2024



Si è svolto in data odierna il Tavolo Automotive specifico per la regione Basilicata, alla presenza del Ministro Urso. Erano presenti le sigle sindacali e anche una delegazione di Stellantis, che incontrerà il governo regionale dopo le elezioni. Durante l'incontro si è discusso della salvaguardia dell'indotto, in particolare della logistica. Di seguito riportiamo i primi commenti delle sigle sindacali.
La Fismic Confsal ha partecipato all'incontro con una delegazione guidata dal vicesegretario generale, Sara Rinaudo, e dal segretario nazionale, Pasquale Capocasale.
"L'allarme lanciato dalla Fismic Confsal, già due anni fa, sulla logistica dell'area di Melfi, si è concretizzato, e questo obbliga tutte le parti ad agire subito. Abbiamo, e soprattutto i lavoratori hanno, bisogno di chiarezza immediata. Apprezziamo la risposta del Governo alla nostra richiesta di procedere all'analisi per distretto industriale, e per quanto riguarda Melfi, il nostro obiettivo è tenere insieme tutta l'area industriale. Occorre rendere esigibile subito l’emendamento già̀ presentato al Ministero del Lavoro, che consentirebbe di abbattere del 20% il costo dell’ammortizzatore sociale, non più a carico dell’azienda. Questo aiuta la tutela nelle aree di crisi” dichiarano Sara Rinaudo, vicesegretario generale Fismic Confsal e Pasquale Capocasale, segretario nazionale Fismic Confsal.
“Per lo stabilimento Stellantis di Melfi, nello specifico, va precisato il piano industriale con la calendarizzazione della produzione dei nuovi modelli, che devono essere versioni spendibili sul mercato; calendarizzazione che aiuterebbe anche il grosso problema di incertezza che sta affrontando tutto l’indotto. C'è un'alta preoccupazione per le aziende dell'indotto, al netto delle commesse, che però non tengono in piedi la piena occupazione attuale. Se non agiamo subito, molte di queste aziende non avranno neanche la commessa, e ciò vorrebbe dire un ridimensionamento della forza lavoro, situazione che non possiamo permetterci a livello sociale. Va esplicitata, chiarita, specificata la missione produttiva di Melfi. Stellantis ha un grande impatto poiché si possono creare quelle possibilità ulteriori per l'indotto e auspichiamo che questo Tavolo porti a risultato concreti.”, concludono Rinaudo e Capocasale.

 Per i rappresentanti sindacali Mega (Cgil Basilicata), Calamita (Fiom Cgil Basilicata), Esposito (Cgil Potenza) un nulla di fatto : “All’incontro al Mimit un nulla di fatto. Non ci sono certezze per l’indotto e lo stabilimento di Melfi, sospesi nel limbo”

“Stellantis, laddove ce ne fosse ancora bisogno, ha buttato la maschera. Al di là delle enunciazioni di principio, non ci sono certezze e prospettive chiare rispetto allo stabilimento di Melfi, dove la situazione resta invariata ed è drammaticamente sotto gli occhi di tutti”. Lo hanno affermato il segretario generale della Cgil Basilicata, Fernando Mega, la segretaria generale della Fiom Cgil Basilicata, Giorgia Calamita e il segretari generale della Cgil di Potenza, Vincenzo Esposito, a margine dell’incontro che si è svolto oggi al Mimit tra Governo, sindacati e azienda.
“L'azienda – hanno proseguito - non fa chiarezza sulla tenuta produttiva e occupazionale dello stabilimento Stellantis di Melfi e dell’indotto e sui volumi produttivi, non vi è un quadro sui tempi di inizio produzione dei nuovi modelli, manca completamente il cronoprogramma delle nuove produzioni e l'uscita di quelle attuali. Inoltre sull’indotto Stellantis rivendica ulteriormente l’efficienza, ma senza alcuna garanzia sull’acquisizione delle commesse. Rimane in sospeso la drammatica situazione degli oltre 600 addetti alla logistica espulsi dai cicli produttivi. Da tre anni ad oggi sono 1600 le uscite incentivate nello stabilimento Stellantis di Melfi, molti dei quali giovani, e altre 500 sono già in programma. Il resto va avanti tra cassa integrazione a rotazione, contratti di solidarietà e 700 lavoratori sono in trasferta. Non una parola sull’attività formativa prospettica per chi dovrebbe portare avanti la produzione.
È chiaro – hanno sottolineato Mega, Calamita ed Esposito - che una crisi così profonda dell’automotive non la si può gestire soltanto con l’attivazione degli ammortizzatori sociali nell’area di crisi industriale complessa, con la speranza di investimenti diversificati mai specificati e tutti in divenire. Per questo come Cgil, insieme alla Fiom, rivendichiamo la decisione di non avere partecipato alla presentazione dei bandi dell’Accordo di programma per l’area di crisi complessa del comparto dell’automotive e del suo indotto avvenuta nelle scorse settimane a Melfi, il cui risultato è stata una mera passerella elettorale e rivendichiamo il tavolo regionale per discutere sulla programmazione e definizione dei bandi. È necessario il confronto perché si mettano in atto procedure che evitino lo smantellamento dell’area industriale e il consolidamento con investimento che garantiscano l'occupazione. Stellantis, ne ha preso atto anche il ministro, – hanno aggiunto – è latitante. Gli ecoincentivi sono solo per un anno a seguito di verifiche su volumi e produttività, non c’è alcun cronoprogramma sulle nuove produzioni che dovrebbero partire entro il 2026 né è possibile conoscere cosa Stellantis abbia intenzione di fare fino ad allora. Incentivi che, pertanto, non saranno disponibili per le nuove produzioni nello stabilimento di Melfi. A fronte di una tale situazione di incertezza, è evidente che la Cgil continuerà a non sostenere accordi che di fatto svuotino lo stabilimento di Melfi in assenza di nuove assunzioni e di piani di investimento.
Se non c’è una netta inversione di tendenza, si andrà verso un ineludibile smantellamento dall’area industriale di Melfi con conseguenze devastanti in tutta la Basilicata, dove l’automotive regge il 30% del Pil regionale e dove lo scenario negativo, oltre ai posti di lavoro persi, riguarderà tutta l’economia regionale. Il tutto – hanno concluso Mega, Calamita ed Esposito - mentre prosegue una campagna elettorale che vede scendere in campo chi, a pieno titolo, in un silenzio assordante, ha consentito che il più grande polo produttivo dell’automotive in Italia finisse in macerie, così come in macerie è finita la sanità pubblica lucana. Metteremo in atto tutte le azioni possibili affinché si possa avere un confronto con la Regione e con Stellantis per avere risposte concrete per tutti i lavoratori”.




Per l'UglM, "Azienda punti su 5 modelli e garantisca indotto".
"L'Ugl Metalmeccanici ha chiesto di puntare con i 5 modelli elettrificati su Melfi (PZ) per garantire i circa 5.500 lavoratori dello stabilimento lucano. La transizione ormai è avviata e il governo ha garantito il primo anno di incentivi per la somma di circa 950 milioni". Così il Segretario Nazionale Ugl Metalmeccanici, Antonio Spera, che ha partecipato, insieme al Segretario dell'Ugl Potenza, Giuseppe Palumbo, e alla Segretaria dell'Ugl Basilicata, Florence Costanzo, al primo degli incontri programmati in settimana con Stellantis al Mimit. "Un altro punto fondamentale da chiarire e da risolvere per Melfi, come da noi sottolineato nell'incontro odierno, riguarda i 4.000 dipendenti dell'indotto che dovranno avere risposte necessariamente concrete. L'indotto, nella fase di transizione in atto, è importante e, quindi, va garantito. Non possiamo permetterci di perdere le competenze che hanno permesso negli anni allo stabilimento di produrre importanti volumi per il gruppo Fiat", conclude spera




ALTRE NEWS

CRONACA

17/04/2024 - Montalbano J., strada intitolata Tenente Colonnello Giuseppe Cipriano
17/04/2024 - Policoro, 30enne arrestato con 4,956 kg. di marijuana, denunciata la compagna
17/04/2024 - Le misure di sicurezza per ordinazione episcopale di don Domenico Beneventi
17/04/2024 - Matera. Turista tedesca cade nei pressi del ponte in legno

SPORT

16/04/2024 - Bernalda Futsal, verso i Play Off. Grossi: “In ognuno di noi c’è una luce diversa''
16/04/2024 - Rotonda, mister Pagana: ‘Il rispetto degli avversari è il miglior risultato’
15/04/2024 - Tricolore Formula Challenge ACI SPORT: a Potenza Coviello tiene le chiavi della città
15/04/2024 - Promozione Basilicata. Il Melfi vince a lagonegro e conquista il campionato

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

Non con i miei soldi. Non con i nostri soldi
di don Marcello Cozzi

Parlare di pace in tempi di guerra è necessario, ma è tardi.
Non bisogna aspettare una guerra per parlarne. Bisogna farlo prima.
Bisogna farlo quando nessuno parla delle tante guerre dimenticate dall'Africa al Medio Oriente, quando si costruiscono mondi e società sulle logiche tiranniche di un mercato che scarta popoli interi dalla tavola dello sviluppo imbandita solo per pochi frammenti di umanità; bisogna farlo quando la “frusta del denaro”, come ...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo