HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Il ''Cristo rifiutato'': simbolo di chi muore nel silenzio del mondo

24/02/2024



Prendere spunto dal ''Cristo rifiutato'' trovato tra i rifiuti a Chiaromonte e donato a Franchino Ricciardi, che ha deciso di non restaurarlo per la forza evocativa e simbolica che contiene: con il suo corpo martoriato, gli arti divelti e quello stato di abbandono che è in ogni angolo del suo corpo. Ora, quel Cristo, sta diventando di tutti. «Simbolo di tutti i veri crocifissi di oggi, che noi abbandoniamo e che facciamo diventare scarto della società» ha detto don Franco Lacanna parlando ai giovani di Chiaromonte, in Chiesa Madre, nel corso della Via Crucis di ieri pomeriggio. Un venerdi, 24 febbraio, che era anche il secondo anniversario dall'inizio del conflitto in Ucraina. Quel Cristo martoriato, nell'idea di Ricciardi, era proprio questo: simbolo di chi non trova pace, di chi non ha casa, di chi muore sotto le bombe e sotto l'odio. «Di tutte le persone maltrattate, martoriate, che ancora continuano ad essere accusate ingiustamente. Lasciamoci interrogare da questo Crocifisso» ha concluso don Franco.


 



 


lasiritide.it




ALTRE NEWS

CRONACA

17/04/2024 - Montalbano J., strada intitolata Tenente Colonnello Giuseppe Cipriano
17/04/2024 - Policoro, 30enne arrestato con 4,956 kg. di marijuana, denunciata la compagna
17/04/2024 - Le misure di sicurezza per ordinazione episcopale di don Domenico Beneventi
17/04/2024 - Matera. Turista tedesca cade nei pressi del ponte in legno

SPORT

16/04/2024 - Bernalda Futsal, verso i Play Off. Grossi: “In ognuno di noi c’è una luce diversa''
16/04/2024 - Rotonda, mister Pagana: ‘Il rispetto degli avversari è il miglior risultato’
15/04/2024 - Tricolore Formula Challenge ACI SPORT: a Potenza Coviello tiene le chiavi della città
15/04/2024 - Promozione Basilicata. Il Melfi vince a lagonegro e conquista il campionato

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

Non con i miei soldi. Non con i nostri soldi
di don Marcello Cozzi

Parlare di pace in tempi di guerra è necessario, ma è tardi.
Non bisogna aspettare una guerra per parlarne. Bisogna farlo prima.
Bisogna farlo quando nessuno parla delle tante guerre dimenticate dall'Africa al Medio Oriente, quando si costruiscono mondi e società sulle logiche tiranniche di un mercato che scarta popoli interi dalla tavola dello sviluppo imbandita solo per pochi frammenti di umanità; bisogna farlo quando la “frusta del denaro”, come ...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo