HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Stop al genocidio in Palestina: iniziativa a Potenza

22/02/2024



Nell’ambito della mobilitazione nazionale “CESSATE IL FUOCO IN PALESTINA ED IN UCRAINA” promossa da Europe for Peace e AssisiPaceGiusta, il 24 febbraio prossimo, a due anni dall’inizio della guerra in Ucraina, saremo nuovamente in piazza per ribadire con forza che è urgente fermare il genocidio a Gaza, è urgente fermare la guerra in Ucraina, è urgente fermare tutte le guerre.


L’escalation dell’orrore a cui stiamo assistendo in Palestina non ha eguali: in quattro mesi sono stati uccisi dall’esercito israeliano quasi 30mila palestinesi e più di 68mila sono i feriti; uccisi più di 12mila bambini, almeno 17mila orfani e quasi tutti (circa un milione e duecentomila) bisognosi di cure psicologiche per i traumi subiti.


Oltre l’85% dei residenti di Gaza è senza casa, scarseggiano cibo e acqua, le reti fognarie sono distrutte, il rischio epidemie è sempre più alto, gli ospedali sono distrutti o assediati. In questi giorni Israele sta bombardando l'ultimo lembo della striscia di Gaza, dove sono ammassati 1 milione e 400mila civili palestinesi in fuga e si prepara per l'offensiva di terra: un'ulteriore catastrofe umanitaria è imminente. Ci uniamo all’appello di Europe for Peace e AssisiPaceGiusta per affermare con forza che non vogliamo rassegnarci all’idea che la guerra possa tornare ad essere uno strumento “ordinario” di regolazione dei conflitti, che l’ordine mondiale debba essere basato sullo scontro tra blocchi e non sulla collaborazione e la giustizia tra i popoli. L’unica via per fermare la follia criminale delle guerre ed eliminare il rischio di un conflitto nucleare, è unire le forze, assumere le nostre responsabilità civiche e democratiche, schierarsi per la pace, per il diritto internazionale, per la riconversione civile e sostenibile dell’economia, promuovendo la cooperazione e la sovranità dei popoli, eliminando vecchie e nuove forme di colonialismo insieme alla politica dei “due pesi e due misure”, alla sicurezza impostata sulla deterrenza nucleare e sui blocchi militari contrapposti; abbiamo il compito di costruire insieme una società globale pacifica, nonviolenta, responsabile, per consegnare alle future generazioni un mondo migliore di quello che abbiamo ricevuto.


Non ci sarà giustizia sociale e climatica, lavoro dignitoso e piena democrazia in un mondo sempre più in guerra, che usa le risorse per la morte e non per la vita, nel quale la giustizia, il diritto internazionale e umanitario vengono calpestati nell’impunità dei colpevoli. La guerra non è mai una soluzione e l’orrore non deve diventare un’abitudine. Mobilitarsi oggi per la pace, per il disarmo, per la nonviolenza, significa affrontare le sfide globali che abbiamo di fronte pena la distruzione dei diritti, della convivenza, delle democrazie e del pianeta. Aderiscono: Comitato per la Pace Potenza, ACLI Potenza, Associazione Insieme, ANPI “Bruna Dradi” Potenza, ANPI Provinciale Potenza, CGIL Potenza, CESTRIM, CTA Basilicata, Libera Basilicata, Libera Potenza, Osservatorio Popolare Val d’Agri, Rete Studenti Medi Potenza, Sefora Cardone ETS, USB Basilicata




ALTRE NEWS

CRONACA

17/04/2024 - Montalbano J., strada intitolata Tenente Colonnello Giuseppe Cipriano
17/04/2024 - Policoro, 30enne arrestato con 4,956 kg. di marijuana, denunciata la compagna
17/04/2024 - Le misure di sicurezza per ordinazione episcopale di don Domenico Beneventi
17/04/2024 - Matera. Turista tedesca cade nei pressi del ponte in legno

SPORT

16/04/2024 - Bernalda Futsal, verso i Play Off. Grossi: “In ognuno di noi c’è una luce diversa''
16/04/2024 - Rotonda, mister Pagana: ‘Il rispetto degli avversari è il miglior risultato’
15/04/2024 - Tricolore Formula Challenge ACI SPORT: a Potenza Coviello tiene le chiavi della città
15/04/2024 - Promozione Basilicata. Il Melfi vince a lagonegro e conquista il campionato

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

Non con i miei soldi. Non con i nostri soldi
di don Marcello Cozzi

Parlare di pace in tempi di guerra è necessario, ma è tardi.
Non bisogna aspettare una guerra per parlarne. Bisogna farlo prima.
Bisogna farlo quando nessuno parla delle tante guerre dimenticate dall'Africa al Medio Oriente, quando si costruiscono mondi e società sulle logiche tiranniche di un mercato che scarta popoli interi dalla tavola dello sviluppo imbandita solo per pochi frammenti di umanità; bisogna farlo quando la “frusta del denaro”, come ...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo