HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Indebite percezioni di contributi pubblici: Sequestro conservativo di oltre 99milioni di €. Impianti anche in Basilicata

2/10/2023



I finanzieri dei Comandi provinciali di Roma e Bolzano hanno dato esecuzione al decreto di sequestro conservativo ante causam per complessivi € 99.096.751,34 emesso dal Presidente della Sezione Giurisdizionale per il Lazio della Corte dei Conti su richiesta della Procura Regionale per il Lazio della Corte dei Conti nei confronti di 61 privati, indebiti percettori – in qualità di rappresentanti legali di 49 società titolari di altrettanti impianti solari fotovoltaici – di contributi pubblici per la produzione di energia elettrica erogati dal Gestore dei Servizi Energetici - G.S.E. S.p.A..
Nel corso delle investigazioni erariali – delegate dalla Procura Regionale presso la Sezione Giurisdizionale della Corte dei conti per il Lazio e inizialmente oggetto di indagini penali nel cui ambito erano state accertate violazioni nell’ottenimento di incentivi statali per la produzione di energia elettrica da fonte solare mediante la realizzazione di impianti fotovoltaici su terreni agricoli siti nella regione Basilicata (Materano) – i finanzieri hanno appurato che gli impianti beneficiari dei contributi statali erano stati costruiti in assenza di idoneo titolo giuridico autorizzativo e che i responsabili avevano anche ricorso all’artato frazionamento dei terreni e a prestanome.
A fronte dei profili di pregiudizio erariale emersi, i finanzieri hanno segnalato all'Autorità Giudiziaria contabile un nocumento erariale pari ad Euro 99.096.751,34, corrispondente al quantum degli incentivi pubblici erogati da G.S.E. S.p.A. e indebitamente percepiti, fino al giugno 2022, dalle società titolari degli impianti fotovoltaici.
Per tale nocumento sono stati ritenuti responsabili a titolo doloso 61 soggetti nei cui confronti è stato notificato l’invito a dedurre e operato, su tutto il territorio nazionale, il sequestro conservativo ante causam dei beni mobili, immobili, disponibilità finanziarie e partecipazioni societarie, fino alla concorrenza del danno constatato.
Il provvedimento oggi eseguito è il risultato della trasversalità dell’azione ispettiva della Guardia di Finanza che, contando su poteri e competenze specifiche e di settore, rappresenta una vera e propria polizia della spesa pubblica, a costante tutela dei bilanci europeo, nazionale e locali e in piena collaborazione con l’Autorità giudiziaria contabile e penale.




ALTRE NEWS

CRONACA

12/07/2024 - Carabinieri: Campagna di prevenzione delle truffe in danno degli anziani
12/07/2024 - ''Subito ordinanza per il divieto di lavoro nelle ore calde anche nei cantieri''
11/07/2024 - Salta a Matera la rassegna ''Fuori dal Comune''. Arrestato direttore artistico
11/07/2024 - Tre lavoratori in nero, sospesi due stabilimenti balneari lucani

SPORT

12/07/2024 - Per il Rotonda Calcio niente Serie D, il futuro passa per il settore giovanile
12/07/2024 - Antonio Petraglia cede la maggioranza dell'Fc Matera
11/07/2024 - Melfi: Al via i lavori di rifacimento dello stadio e della piscina comunale
11/07/2024 - La Libertas Montescaglioso riconferma Petruzzo e Montemurro

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

Non con i miei soldi. Non con i nostri soldi
di don Marcello Cozzi

Parlare di pace in tempi di guerra è necessario, ma è tardi.
Non bisogna aspettare una guerra per parlarne. Bisogna farlo prima.
Bisogna farlo quando nessuno parla delle tante guerre dimenticate dall'Africa al Medio Oriente, quando si costruiscono mondi e società sulle logiche tiranniche di un mercato che scarta popoli interi dalla tavola dello sviluppo imbandita solo per pochi frammenti di umanità; bisogna farlo quando la “frusta del denaro”, come ...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo