HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Cova Contro: ''Monte Cotugno e Camastra andrebbero declassate, ecco perchè''

11/05/2022



C’è un rapporto di Arpab, datato 2021 ma secondo noi caricato nel 2022, e che alleghiamo, che come al solito è privo di firme e data di ultima revisione, è privo anche di data il caricamento del pdf sul sito agenziale, privo di foto dei prelievi o di certificati di analisi, insomma il solito pdf preconfezionato che chiunque potrebbe fare. Il documento lancia comunque una denuncia pesante e perentoria, che conferma quanto da noi denunciato sia nel 2017 che a novembre 2021. La qualità delle acque della diga del Camastra e di quella di Monte Cotugno nel 2021 a causa di ripetuti sforamenti per: manganese, fosfati, tensioattivi, ossigeno disciolto ed idrocarburi non erano conformi alla categoria A2 e quindi, questo non lo dicono per il solito vezzo di fermarsi alle mezze verità, erano A3 ovvero acque che avrebbero bisogno di controlli e trattamenti che in Basilicata non si possono fare al momento per ciò che ci è noto. L’acqua da potabilizzare ha tre categorie di qualità: A1, A2 e A3. Quella degli invasi lucani da sempre è A2 (non secondo noi come nel caso del Pertusillo che per noi nel 2017 per esempio non era A2) e a questa classe corrisponde un relativo intervento di sanificazione, molto più pesante dell’attuale, ma per il 2021 (Arpab lo dice a fine anno quindi ad impatti consumati) l’acqua sarebbe stata A3 quindi bisognosa di interventi di potabilizzazione molto più spinti, controlli più fitti ed estesi sulla qualità, insomma un sistema che stando alla bassa trasparenza degli enti preposti è lecito pensare che non esista nè oggi, nè sia esistito in passato. Ma chi potabilizza, AQL, e chi controlla la qualità, le aziende sanitarie, non dovevano accorgersi di qualcosa nel 2021 e dar seguito ai dati Arpab? Come hanno fatto a garantire la potabilità dell’acqua se è peggiorata? E se Arpab denota un peggioramento esteso e marcato ricordiamoci che Arpab stesse ammette di non aver potuto ricercare diversi inquinanti quindi è lecito credere che se avessero ricercato tutte le sostanze previste per legge il quadro sarebbe stato più grave. Chissà forse avremmo sforato anche i parametri per la A3?


 


CONTINUA A LEGGERE




ALTRE NEWS

CRONACA

21/05/2022 - Melfi: Polizia di Stato arresta Pusher
21/05/2022 - Cordoglio per la morte dell'avv. Francesco Molfese, originario di Sant'Arcangelo
21/05/2022 - Maratea. Anas: dal 6 giugno fruibile tratta SS 18 ''Tirrena inferiore''
20/05/2022 - Famiglia originaria di Potenza rapita in Mali

SPORT

21/05/2022 - Serie D/H: per il Francavilla 3-3 a Marigliano e ora testa ai play-off
20/05/2022 - Ferrandina, al campo Santa Maria inaugurato il green volley e l’area fitness
20/05/2022 - Domenica 22 maggio torna la Coppa Città di Corleto Perticara
19/05/2022 - Serie D/H: il Rotonda annuncia la discussione di un ricorso

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

1/12/2021 Ultimo lotto Bradanica, domani alle 11.30 l’apertura al traffico

Come annunciato nei giorni scorsi verrà aperto domani, 2 dicembre, l’ultimo lotto “La Martella” della strada Statale “Bradanica”.
L’apertura al traffico è in programma alle ore 11.30 al km 135 lato La Martella.
Sarà presente l’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità, Donatella Merra.

28/11/2021 Poste Italiane: estesi orari apertura di tre uffici postali lucani

Poste Italiane comunica che a partire lunedì 29 novembre, gli Uffici Postali di Matera 5, Melfi e Moliterno saranno interessati da un potenziamento degli orari di apertura al pubblico.
In particolare, gli uffici postali di Melfi e Moliterno (PZ) saranno aperti dal lunedì al venerdì, dalle ore 8:20 – 19:05, il sabato dalle ore 8:20 alle 12:35. Matera 5 osserverà l’orario di apertura su 6 giorni lavorativi. Lun/ven 08:20 – 13:45, sabato  08:20 – 12:45.
Questi interventi confermano la vicinanza di Poste Italiane al territorio e alle sue comunità e la volontà di continuare a garantire un sostegno concreto all’intero territorio nazionale. Anche durante la pandemia, infatti, Poste Italiane ha assicurato con continuità l’erogazione dei servizi essenziali per andare incontro alle esigenze della clientela, tutelando sempre la salute dei propri lavoratori e dei cittadini.
L’Azienda coglie l’occasione per rinnovare l’invito ai cittadini a recarsi negli Uffici Postali nel rispetto delle norme sanitarie e di distanziamento vigenti, utilizzando, quando possibile, gli oltre 8.000 ATM Postamat disponibili su tutto il territorio nazionale e i canali di accesso da remoto ai servizi come le App “Ufficio Postale”, “BancoPosta”, “Postepay” e il sito www.poste.it. 

15/11/2021 Obbligo di catene o pneumatici da neve

E’ stata emessa questa mattina e trasmessa alla Prefettura ed a tutte le Forze dell’ordine, l’ordinanza firmata dal Dirigente dell’Ufficio Viabilità e Trasporti della Provincia, l’ing. Antonio Mancusi, con la quale si fa obbligo:“A tutti i conducenti di veicoli a motore, che dal 01 Dicembre 2021 fino al 31 Marzo 2022 transitano sulla rete viaria di competenza di questa Provincia di Potenza, di essere muniti di pneumatici invernali (da neve) conformi alle disposizioni della direttiva comunitaria 92/33 CEE recepita dal Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti 30/03/1994 e s.m.i. o a quelle dei Regolamenti in materia, ovvero di avere a bordo catene o altri mezzi antisdrucciolevoli omologati ed idonei ad essere prontamente utilizzati, ove necessario, sui veicoli sopraindicati.

Tale obbligo ha validità, anche al di fuori del pericolo previsto in concomitanza al verificarsi di precipitazioni nevose o formazione di ghiaccio”.

Non con i miei soldi. Non con i nostri soldi
di don Marcello Cozzi

Parlare di pace in tempi di guerra è necessario, ma è tardi.
Non bisogna aspettare una guerra per parlarne. Bisogna farlo prima.
Bisogna farlo quando nessuno parla delle tante guerre dimenticate dall'Africa al Medio Oriente, quando si costruiscono mondi e società sulle logiche tiranniche di un mercato che scarta popoli interi dalla tavola dello sviluppo imbandita solo per pochi frammenti di umanità; bisogna farlo quando la “frusta del denaro”, come ...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo