HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Covid: deceduto 74enne di Rivello nella casa di riposo a Sala Consilina

25/03/2020



E’ deceduto un cittadino di 74 anni residente a Rivello ma in cura a Sala Consilina, presso l’“Istituto Juventus”, gestito dalla Fondazione Opera Giovanile Juventus Don Donato Ippolito Onlus. L’uomo era risultato positivo al Covid 19. Due territori, la Basilicata del Sud e il Vallo di Diano, uniti nuovamente non solo dalla prossimità geografica ma anche dalle notizie che si rincorrono e si incrociano sull’emergenza sanitaria di queste settimane. Ne abbiamo parlato con il collega de Il Mattino Pasquale Sorrentino, che si era occupato da vicino della vicenda ormai nota dei contagi in seguito al raduno religioso di Atena Lucana (che ha riguardato anche un dipendente campano del Tribunale di Lagonegro) e che sta raccontando in queste ore la delicata vicenda legata all’istituto di Sala Consilina. “La struttura ospita oltre 50 persone tra pazienti e operatori- ci spiega al telefono- e serve tutto il Vallo di Diano. L’unico lucano presente nella struttura mi risulta fosse il cittadino deceduto. Tutto succede sabato sera quando un paziente di Sala Consilina si è sentito male ed è stato trasportato all’ospedale di Oliveto Citra. E’ stato sottoposto a tampone che, purtroppo, è risultato positivo al Covid 19. Da quel momento sono scattate ulteriori misure di prevenzione, calcola che già dal 10 marzo scorso, all’indomani del DPCM del 9 marzo, non era più possibile per i familiari l’accesso alla struttura e le visite sono avvenute solo tramite videochiamate o simili ma altre forme di precauzione erano state prese precedentemente”
“Attualmente nella struttura risultano 16 persone positive, 9 pazienti e 7 operatori e siamo in attesa di avere il riscontro di altri tamponi. Bisogna aspettare”.
‘’La vicenda del Covid non è stata affatto trascurata- si legge intanto in una nota della Fondazione diffusa sui social- anzi ritenevamo che fosse il luogo più sicuro per i nostri ospiti per tutte le prevenzioni messe in atto già dal 5 marzo ancor prima che fossero emanati i provvedimenti restrittivi da parte del governo. Guanti , mascherine occhiali protettivi forniti ai dipendenti . Disinfestazione continua e giornaliera e in più disinfezione generale dell’intera struttura con azoto. Erogatori di disinfettante per le mani in ogni angolo . Le cause del contagio e da chi è stato provocato sono da verificare anche a seguito dei tamponi a cui dovrà sottoporsi il resto degli ospiti e dei dipendenti . Settant’anni di attività nel settore dell’assistenza sono un patrimonio di esperienza al servizio della collettività Valdianese che non potrà essere contaminato da un nemico invisibile e pericoloso. Non per ultimo ringraziamo i familiari dei nostri ospiti che hanno dimostrato comprensione e solidarietà . Facciamo inoltre un plauso al coraggio e allo spirito di servizio di tutti i nostri collaboratori che in prima linea stanno combattendo questa battaglia’’ .
“Ci uniamo al dolore della famiglia per questo grave lutto che ha colpito la nostra comunità- ha detto il sindaco di Rivello Francesco Altieri- Vorrei anche tranquillizzare i miei concittadini sul fatto che non ci siano stati contatti recenti con i familiari perché l’istituto aveva assunto tutte le precauzioni del caso”.

Mariapaola Vergallito



ALTRE NEWS

CRONACA

18/09/2020 - Parco del Pollino: chiesta ‘una urgente convocazione aperta del Direttivo’
18/09/2020 - Monitoraggio settimanale Covid-19, report 7-13 settembre
18/09/2020 - Dissesto, sopralluogo di Merra sulla Fondovalle del Racanello
18/09/2020 - Basilicata Covid: tutti negativi i tamponi processati ieri

SPORT

19/09/2020 - Volley Lagonegro: allenamento congiunto contro Prisma Taranto
18/09/2020 - Serie D/H, Picerno: Finizio e D’Angelo a rafforzare difesa e centrocampo
17/09/2020 - Serie D/H, Picerno: Altobello e Dettori altre due importanti conferme
17/09/2020 - Il Picerno riparte da capitan Esposito e Pitarresi

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

19/09/2020 Comunicazione di sospensione idrica oggi in Basilicata

Venosa: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 08:30 di oggi fino al termine dei lavori. VENOSA: Largo Lodovisi, Via Mad. Degli Angeli, via R. Girasoli e vie limitrofi.

Picerno: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 17:00 di oggi alle ore 07:00 di domani mattina salvo imprevisti. PICERNO: Strada Montagna, Strada Convento-Montagna, Strada Torretta, Strada Chiusi, Via don Minzoni

18/09/2020 comunicazione di sospensione idrica oggi in Basilicata

Marsico Nuovo: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 19:00 di oggi fino al termine dei lavori. MARSICO NUOVO: Contrada Pergola e zone limitrofe

Sarconi: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 00:00 alle ore 06:30 di domani mattina salvo imprevisti.

Picerno: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 17:00 di oggi alle ore 07:00 di domani mattina salvo imprevisti. PICERNO: Seguenti Zone: Strada Montagna, Strada Convento - Montagna, Strada Torretta, Strada Chiusi e Via don Minzoni

Sant'Angelo Le Fratte: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 17:30 di oggi alle ore 07:30 di domani mattina salvo imprevisti. SANT'ANGELO LE FRATTE: Contrada Fellana, Farisi, Macchitelle, Matine, parte di San Vito e zone limitrofe

Baragiano: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 16:00 di oggi alle ore 08:00 di domani mattina salvo imprevisti. BARAGIANO: Contrada Isca della Botte;

16/09/2020 Comunicazione di sospensione idrica oggi in Basilicata

San Martino d'Agri: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 14:00 di oggi alle ore 07:00 di domani mattina salvo imprevisti. SAN MARTINO D'AGRI: Cda Frusci

Un anno fa l’incendio della Felandina. Chi ricorda Eris Petty?
di Libera Basilicata

Il 7 agosto 2019, un incendio divampato da una bombola di gas utilizzata per una cucina, ha distrutto l’intero complesso uccidendo Eris Petty, una giovane donna nigeriana ospite della struttura. A seguito di questo evento, il ghetto si è andato progressivamente svuotando fino allo sgombero definitivo deciso dalle autorità competenti e avvenuto il 28 agosto 2019. Gran parte delle persone hanno iniziato dunque a spostarsi nella zona dell’Alto Bradano dove nel ...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo