HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Dal rischio fallimento alla quotazione in Borsa: una storia che parla lucano

23/07/2019



La sua storia è un fenomeno mediatico: Enzo Muscia è un uomo che da dipendente licenziato è diventato imprenditore di successo. A Novo Italia è un’azienda italiana, con il quartier generale a Saronno, che opera con successo nel settore dell’ assistenza post vendita e della riparazione di apparecchiature elettroniche, per grandi brand internazionali. Nel 2011 la multinazionale decide di avviare i licenziamenti in tronco. Tra i 232 sfortunati, c’è anche Enzo Muscia. Così, nel 2012, l’azienda è ripartita da zero. Enzo Muscia ha assunto gli ex colleghi mandati a casa, scegliendoli in base alle competenze allora necessarie all’azienda per rimettersi in marcia. Per la sua impresa, Enzo Muscia è stato insignito dal Presidente Sergio Mattarella del titolo di Cavaliere dell’ordine al Merito della Repubblica Italiana. L'azienda, che oggi conta una quarantina di dipendenti e un fatturato da 2,8 milioni di euro, diventerà entro la fine dell'anno una spa. "Quella di Enzo Muscia è una storia che bisognerebbe sempre raccontare - spiega Antonio Quintino Chieffo, Ceo di AC Finance e Cfo di A Novo Italia -. Gli imprenditori italiani hanno bisogno di conoscere un modo di fare impresa così genuino. Per A Novo i prossimi mesi saranno importanti: superate le difficoltà iniziali ora bisognerà passare alla fase di consolidamento. Stiamo valutando anche la quotazione in Borsa". Ieri in visita nello stabilimento il deputato di Forza Italia Claudio Pedrazzini che ha incontrato l'imprenditore di Saronno. "Bisogna fare i complimenti a Enzo Muscia perché è riuscito a vincere una sfida difficile - dice il deputato di Forza Italia, Claudio Pedrazzini -. A Novo è un'azienda che trasmette a tutti un messaggio molto positivo. Ho sentito tanto parlare di Muscia e sono orgoglioso di averlo conosciuto". Da ottobre scorso A Novo Italia ha aperto anche una filiale a Torino. “Anche in questo caso, ho ripreso persone che avevano perso il lavoro. Le cose vanno bene, l’obiettivo che mi pongo è fare altre dieci assunzioni ogni anno” sottolinea Muscia che poi aggiunge: "La mia è la storia di una persona che non ha mai mollato nonostante le difficoltà. E' un messaggio che vorrei trasmettere soprattutto ai più giovani. Io sto facendo impresa rispettando i valori che mi hanno trasmesso i miei genitori. Ho avuto possibilità di assumere buona parte dei miei ex colleghi e sono molto contento".



ALTRE NEWS

CRONACA

22/10/2020 - E' finalmente arrivato (ed è negativo) l'esito del tampone del signor Nicola
22/10/2020 - Eventi sportivi, pubblicato chiarimento su Ordinanza di ieri di Bardi
22/10/2020 - Covid: negativi i tracciamenti tra Rotonda e Viggianello
22/10/2020 - Ripacandida (PZ): Giovane sorpreso in casa con oltre 70 grammi di droga. Arrestato dai Carabinieri

SPORT

22/10/2020 - Ritorno Coppa Italia: Real Senise - U.S. Castelluccio
22/10/2020 - Bernalda Futsal. Verso l’esordio al “PalaCampagna”
22/10/2020 - Due perle nell’annata Elettrica più dura di sempre
19/10/2020 -  Cave del Sole Geomerdical Lagonegro - Kemas Lupi Santa Croce (33-31, 21-25, 25

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

22/10/2020 Sospensione idrica a San Fele

San Fele: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 22:00 di oggi alle ore 07:30 di domani mattina salvo imprevisti. SAN FELE: Centro Abitato, si potrebbero verificare cali di pressione o mancanza di erogazione idrica.

22/10/2020 Sospensione idrica a Potenza

Potenza: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 17:30 di oggi fino al termine dei lavori. POTENZA: Via ISCA Verde, Via Sant'Oronzo e zone limitrofi

21/10/2020 Sospensione idrica a Potenza

Potenza: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 13:30 di oggi fino al termine dei lavori. POTENZA: Contrada San Luca Branca, C. Da Costa della Gaveta e zone limitrofi

Il lungo inverno che ci aspetta in tempi di Covid
di Vincenzo Diego

E’ tempo di domandarsi come mai tanti casi positivi in Basilicata. I titoli dei giornali a marzo, aprile e maggio erano questi: “6 novi positivi nelle ultime 24 ore”; Ansa: “solo 4 nuovi contagiati”; “Basilicata, Molise ed Umbria da due giorni quasi a contagio zero”; lunedì 20 aprile, “Umbria, Basilicata, Calabria e Valle d'Aosta sono a contagio zero”; 27 maggio, “Buone notizie: Ancora zero contagi”. Bene, anzi male, da quei giorni sembra essere passato chi...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo