HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

La prof.ssa Colella vince la causa contro Eni

9/08/2017



Il Tribunale Ordinario di Roma 1a Sezione Civile con sentenza del 19.07.2017 n. 15676/2017 ha dato ragione alla Prof. Albina Colella, rigettando integralmente la richiesta di risarcimento danni per diffamazione promossa da ENI nei confronti della professoressa, e anche condannando la società petrolifera per lite temeraria. Il Tribunale ha così sancito la legittimità dell'informazione scientifica svolta negli anni dalla Prof. Colella, Ordinario di Geologia dell'Università della Basilicata.
La vicenda trae origine dalla divulgazione dei risultati della ricerca scientifica della Prof. Colella, fatta a seguito di ripetute sollecitazioni di cittadini lucani, sulle acque sotterranee ricche idrocarburi, gas, sali, metalli, fenoli, tensioattivi, ecc., che nel 2011 erano improvvisamente affiorate su suoli agricoli di Contrada la Rossa (Montemurro), a 2,3 km dal pozzo di reiniezione di scarti petroliferi Costa Molina 2 in Val d'Agri, e che mostravano diverse affinità con quelli che sono i caratteri generali dei reflui di scarto petrolifero.
Dopo che i risultati erano stati divulgati anche in trasmissioni televisive nazionali, con interpretazioni sempre espresse nei termini corretti di ipotesi scientifica, il 10 marzo 2015 ENI aveva citato in giudizio la Prof. Colella per chiederle un risarcimento di cinque milioni di euro più 100 mila per diffamazione e danni morali e patrimoniali ipoteticamente subiti dalla società petrolifera.
La difesa della Prof. Colella, assistita dagli avvocati Giovanna Bellizzi e Leonardo Pinto del Foro di Matera, si è basata su una corposa e articolata attività legale e produzione documentale volta a dimostrare non solo la totale infondatezza giuridica della domanda di risarcimento danni per diffamazione promossa da ENI, ma anche finalizzata a provare il fatto che la professoressa ha agito sempre nel pieno rispetto del Codice Etico dell'Università della Basilicata, codice di comportamento che chiede ai docenti universitari di garantire la divulgazione dei loro risultati scientifici alla comunità quando questi riguardano potenziali ricadute sulla vita umana e sull’ambiente, come la sentenza del Tribunale di Roma ha chiaramente riconosciuto.
Gli avvocati Giovanna Bellizzi e Leonardo Pinto esprimono soddisfazione e dichiarano che la sentenza presenta profili di grande interesse, perchè stabilisce il diritto all'informazione in materia ambientale e riconosce la valenza costituzionale della libertà di opinione quando afferma che "non vi è dubbio che la divulgazione dei risultati della ricerca costituisca legittima espressione del diritto di libertà di manifestazione del pensiero, sancito dall'art. 21 della Costituzione, e di libertà della Scienza garantita dall'art. 33 della Costituzione, senza limiti e condizioni".
Inoltre il Tribunale di Roma nella sentenza che dà ragione alla Prof. Colella, afferma che "l'art. 21 della Costituzione, che in questa sede trova diretta applicazione, costituisce un pilastro dello stato democratico e della effettiva possibilità per il popolo di esercitare la propria sovranità essendo stato correttamente informato ed avendo potuto conoscere l'opinione degli esperti in relazione ad ogni settore di rilevante interesse sociale o pubblico".
Gli avvocati Bellizzi e Pinto precisano inoltre che il Tribunale di Roma ha stabilito che la somma richiesta alla Prof. Colella a titolo di risarcimento dei danni, essendo del tutto sganciata da qualsiasi parametro che regola il risarcimento nella presente materia, ha giustificato non solo il rigetto della domanda, ma anche la condanna di ENI per lite temeraria che ai sensi dell'art. 96 del c.p.c si risconosce solo quando la parte soccombente ha agito in giudizio con malafede o colpa grave.
La Prof. Colella, che non ha mai avuto alcun pregiudizio ideologico sul tema delle fonti energetiche fossili, bensì è stata critica sui relativi impatti ambientali e sulla tutela di una georisorsa strategica come l'acqua, e che in passato ha avuto una fruttuosa collaborazione scientifica con ENI sul sottosuolo e sulle risorse idriche della Val d'Agri, auspica che nel futuro si possano avere percorsi di studio condivisi con trasparenza e sereno confronto scientifico.
La Prof. Colella esprime anche soddisfazione per la sentenza, sia perchè ha fatto definitiva chiarezza sull'approccio scientifico che lei ha tenuto sulla questione, sia perchè sancisce il diritto dei lucani ad essere sempre informati in materia ambientale senza dover subire alcun limite o condizione.



ALTRE NEWS

CRONACA

18/07/2019 - Lauria, omicidio in macelleria: Cassazione conferma condanna per Cozzi
18/07/2019 - Polizia. Operazione anticrimine, 2 arresti a Policoro
18/07/2019 - Guardia Finanza Lauria, sequestrati 167 grammi di droga. 29 persone segnalate
18/07/2019 - Matera.Polizia denuncia 61enne per sfruttamento manodopera stranieri irregolare

SPORT

18/07/2019 - Ultime operazioni di mercato per la Rinascita Lagonegro
18/07/2019 - Calcio, Seccafico: ‘In Eccellenza sarà corsa a due’
18/07/2019 - Nuova convezione tra banca mps e lega nazionale dilettanti
18/07/2019 - Terranova di Pollino. Tutto pronto per la Pollino Marathon 2019

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

18/07/2019 Sospensione idrica oggi 18 luglio in Basilicata

Picerno: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 18:30 di oggi alle ore 06:30 di domani mattina, salvo imprevisti, nelle seguenti zone: contrada Alto Cesine, Strada Tarallo, Marmo I e II, Strada provinciale 83, Strada Statale 94, Strada della Cantoniera, Toppo del Fico, Toppa del Casino, Strada delle Querce, Strada degli Orti, Strada della Cantoniera, Strada della Castagna, Strada del Melandro e Strada Castello
Avigliano: per consentire la riparazione di una perdita, l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 18:00 in via Giustino Fortunato, via Don Luigi Sturzo e zone limitrofe, salvo imprevisti. Il ripristino è previsto fino al termine dei lavori.
Maratea: per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione, a partire dalla ore 12:00 e fino alle ore 14:00 circa, salvo imprevisti, in via via Profiti e via Vallina potrebbero verificarsi cali di pressione e/o sospensioni dell'erogazione idrica.
Lauria: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 10:00 di oggi fino al termine dei lavori, nelle localita' Timparossa, Cogliandrino e Pecorella.

18/07/2019 Matera. Arrestato cittadino nigeriano colpito da ordine di esecuzione per reati

Gli Agenti della Squadra Mobile della Questura di Matera hanno arrestato un cittadino nigeriano quarantaquattrenne perché colpito da ordine di esecuzione di pene concorrenti per diversi reati, per i quali dovrà scontare in carcere la pena residua di tre anni, nove mesi e dodici giorni, oltre ad una multa ed alla interdizione perpetua dai pubblici uffici.
Il Provvedimento di cattura è stato emesso dal Procuratore Capo della Repubblica di Matera, dott. Pietro Argentino, ed eseguito a Bari dalla Squadra Mobile di Matera presso il Centro di Permanenza per il Rimpatrio dove si trovava in attesa di essere espulso.

16/07/2019 Sospensione idrica Colobraro

Colobraro: per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa in via Da Vinci dalle ore 12:00 di oggi fino al termine dei lavori.

Buttate le quote rosa come i reggiseni negli anni Settanta
di Mariapaola Vergallito

Puttane. Sante. Streghe. Oche. Chi lo ha detto che alla donna, nei secoli, non sia stato ritagliato un ruolo, riservato un posto incasellato nell’angolino di un mosaico quasi tutto maschile? E non parlo solo del mondo cattolico, come la citazione iniziale farebbe pensare (Guy Bechtel, Le quattro donne di Dio). La donna non è mai veramente stata ‘donna’ e basta. Puttane. Sante. Streghe. Oche. E quote rosa. Nel 2018, in occasione del settantesimo anniversari...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo