HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Berlinguer: 'Il mio nome è un bersaglio che piace e fa notizia'

2/07/2016



«È un provvedimento non definitivo che ha confuso i ruoli».
Sono le prime parole pronunciate da Aldo Berlinguer, assessore pro tempore all'ambiente e ai trasporti della Regione Basilicata, in seguito alla condanna a risarcire 819mila euro, insieme ad una società e agli amministratori, inflittagli dalla Corte dei Conti della Toscana, in quanto sarebbe stato l'ideatore di un illecito finalizzato ad ottenere un'indebita erogazione di un finanziamento pubblico, di cui ha beneficiato la Sic Service Srl, della quale Berlinguer sarebbe stato amministratore.
Tuttavia, l'assessore senese della Giunta Pittella nega proprio quest'ultima eventualità: «Io della società ero un consulente e non amministratore. Ma il mio nome - conclude Berlinguer - è un bersaglio che piace e fa notizia».
Il componente dell'esecutivo lucano ha inoltre affermato che ricorrerà avverso questa sentenza di condanna della magistratura contabile.
Ricordiamo che gli effetti penali della vicenda sono stati esclusi perché sopraggiunta la prescrizione.

Gianfranco Aurilio
lasiritide.it



ALTRE NEWS

CRONACA

2/07/2022 - Bella: non accettava la fine della relazione, 46enne arrestata per stalking
2/07/2022 - Scontro sulla Provinciale tra Potenza e Avigliano: una vittima
2/07/2022 - L'Amerigo Vespucci pronto a salpare da Livorno. A bordo anche due giovani lucani
2/07/2022 - Caronte persiste: oggi e martedi picchi di 40 gradi

SPORT

2/07/2022 - Record di promossi al Nazionale per la Sezione Arbitrale di Moliterno
2/07/2022 - Arbitri Sez. Policoro: Franco Ferra promosso nel Calcio a 5 Nazionale
1/07/2022 - Francavilla,Cupparo: ‘Ragno ha dato tanto ma si è convinto non potessimo fare di più ed io non sono d’accordo'
30/06/2022 - Muro Lucano: iniziati i lavori al Rigamonti

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

Non con i miei soldi. Non con i nostri soldi
di don Marcello Cozzi

Parlare di pace in tempi di guerra è necessario, ma è tardi.
Non bisogna aspettare una guerra per parlarne. Bisogna farlo prima.
Bisogna farlo quando nessuno parla delle tante guerre dimenticate dall'Africa al Medio Oriente, quando si costruiscono mondi e società sulle logiche tiranniche di un mercato che scarta popoli interi dalla tavola dello sviluppo imbandita solo per pochi frammenti di umanità; bisogna farlo quando la “frusta del denaro”, come ...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo