HOME Contatti Direttore WebTv News News Sport Cultura ed Eventi
 
Il Report di Veneto Agricoltura: ancora in calo nel 2016

2/11/2017

Il Report di Veneto Agricoltura: ancora in calo nel 2016 il volume delle merci scambiate nei mercati ortofrutticoli veneti, rimasto sotto il milione di tonnellate (933mila), come pure il valore complessivo degli scambi (920 mln/€). Al primo posto gli ortaggi, poi frutta. Riprendono però le esportazioni. Import/export, Veneto piattaforma di rilancio.



Negli ultimi cinque anni, a partire dal 2011, la merce scambiata nei mercati ortofrutticoli veneti ha tracciato un trend in flessione. Lo stesso andamento ha segnato purtroppo anche il 2016, visto che i quantitativi si sono mantenuti al di sotto della soglia psicologica del milione di tonnellate, scendendo a circa 933 mila tonnellate (-1,3% rispetto al 2015). Come non bastasse, sempre nel 2016, anche il valore degli scambi risulta essere in calo (920 mln di euro, -4,7% rispetto all’anno precedente), a causa sia della diminuzione del volume delle merci, sia della flessione del prezzo medio delle merci scambiate nei mercati, sceso a 1,02 euro/kg (-3,6% sul 2015). Sono questi i dati più significativi che emergono dalle analisi effettuate dagli esperti dell’Osservatorio Economico Agroalimentare di Veneto Agricoltura sui dati forniti dagli stessi mercati ortofrutticoli regionali.

Vediamo più nel dettaglio l’andamento delle merci scambiate.

Gli ortaggi si confermano al primo posto (poco più di 470 mila tonnellate, -1,6%), con una quota pari al 50,6% degli scambi, seguiti dalla frutta fresca (312 mila t, -2,2%) con una quota del 33,4% sul totale delle quantità veicolate. Gli agrumi rappresentano circa il 15% delle merci scambiate (142 mila t, +1,8%) mentre è del tutto residuale la quantità di frutta secca (meno di 7 mila t).

I mercati di redistribuzione (Verona, Padova e Treviso) rappresentano il fulcro degli scambi mercatali della nostra regione con una quota dell’84% del totale della merce veicolata (poco meno di 790 mila t).

Per quanto riguarda invece i mercati alla produzione, le merci scambiate si attestano sulle 69 mila t, mentre la quantità veicolata dai mercati al consumo raggiunge le 75.000 t. In quest’ultimo ambito, va sottolineata la dinamica positiva registrata dai mercati di Venezia-Mestre (+7%) e Bassano del Grappa (+3%), a conferma del rinnovato impulso registrato negli ultimi anni da questa tipologia di mercati.

Veniamo all’import/export.

Risultano in calo le quantità di merci importate (211 mila tonnellate, -10,9%), la cui quota scende dal 25,1% al 22,6% del totale. Le importazioni provengono per la maggior parte (60%) dall’Unione Europea e in particolare da Spagna e Paesi Bassi, che da soli effettuano quasi il 50% delle spedizioni di frutta verso i mercati veneti. In crescita le importazioni da Sud America e dall’America centrale (circa 52 mila tonnellate, +4,7), che soddisfano le esigenze di frutta e ortaggi nei periodi di contro stagionalità.

Il Veneto svolge un importante ruolo di piattaforma di rilancio dei prodotti ortofrutticoli, ricevendo le merci provenienti dalle altre regioni italiane, in particolare dal Sud Italia (oltre la metà delle merci proviene da Sicilia, Puglia e Calabria), redistribuendole verso l’estero, la cui quota sul totale delle merci in uscita cresce fino a toccare quasi il 40% (371 mila tonnellate, +10%). Le esportazioni sono ovviamente orientate principalmente verso i Paesi più vicini: Croazia (16%), Germania e Slovenia (entrambe con una quota del 15%). Tra le “altre” destinazioni estere, la maggior parte sono rivolte verso Paesi dell’Est Europa, quali Ucraina, Repubbliche Baltiche, Polonia e Repubblica Ceca. Tutto ciò a scapito delle spedizioni verso le regioni italiani confinanti, che sono invece in calo (-4,6%), attestandosi su un valore pari a circa 177 mila tonnellate per una quota che scende dal 21,3 al 19%, e delle merci che rimangono all’interno dei confini regionali, che registrano una brusca riduzione rispetto all’anno precedente (385 mila tonnellate, -8,9%) e la cui quota nel complesso scende dal 45% al 41%.

Da segnalare, tuttavia, il leggero aumento delle merci che rimangono all’interno del comune e della provincia rispetto alla sede dei mercati (la cui quota sale da 13,7% al 16,1%) a conferma di un rinnovato ruolo di fornitura del mercato locale svolto dai mercati al consumo. Una dinamica che replica quella registrata nel 2015 e che sembra segnalare un deciso interesse da parte di una certa tipologia di acquirenti (dettaglianti fissi e ambulanti, ho.re.ca,ecc.), a rifornirsi direttamente presso i mercati ortofrutticoli all’ingrosso presenti sul territorio regionale.

Il report completo “Analisi dei mercati ortofrutticoli regionali 2016” è disponibile su:

http://www.venetoagricoltura.org/basic.php?ID=6799


 

 

ALTRE NEWS


Notizie dall'Italia e dall'Estero - Lasiritide OUT -
18/02/2020 - Operazione Evasione continua, mezzo miliardo di euro di false operazioni

La Guardia di Finanza di Brescia - con il coordinamento della locale Procura della Repubblica e con il supporto del Servizio Centrale Investigativo Criminalità Organizzata (SCICO) di Roma - ha individuato, presso uno studio commercialista bresciano, una vera e propria “fabbr...-->continua

18/02/2020 - Sequestrata discarica abusiva: tonnellate di rifiuti e cartelle sanitarie

Nell’ambito del piano di controllo del territorio finalizzato a prevenire e reprimere traffici illeciti - coordinato dal I Gruppo della Guardia di Finanza di Bari - i militari della dipendente Compagnia di Monopoli hanno concluso un’operazione di servizio a co...-->continua

18/02/2020 - Cosenza: condanne pesanti per provocato aborto per incassare assicurazione

La Corte d’Assise di Cosenza ha emesso condanne pesanti a carico di quattro persone, riconosciute colpevoli di omicidio volontario e premeditato, per avere provocato in concorso l’aborto di Stefania Russo, al sesto mese di gravidanza, simulando un incidente st...-->continua

17/02/2020 - Carabiniere non in servizio arresta autore di un tentato furto

Lo scorso 15 febbraio a Vignola, in provincia di Modena, un 37enne italiano, già noto alle forze dell'ordine, è stato arrestato dai Carabinieri della locale Tenenza per tentato furto aggravato in flagranza.
L’uomo si era appropriato di una valigetta cont...-->continua

17/02/2020 - Carabinieri Salerno: sequestrata carne fresca priva di tracciabilità

Carne fresca ma priva di informazioni su tracciabilità e provenienza, lavorata e manipolata in ambienti non idonei dal punto di vista igienico sanitario, ritenuta quindi pericolosa per la salute dei cittadini. Ne sono stati sequestrati ben 150 quintali in uno...-->continua

17/02/2020 - Carabinieri NAS: controlli e sequestri in tutta Italia

on l’approssimarsi del carnevale i NAS, su indicazioni del Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, sono impegnati in una serie di controlli straordinari finalizzati a verificare la regolarità di giocattoli, maschere e gadget commercializzati in Italia....-->continua

16/02/2020 - SS106, lotta alla prostituzione: un arresto e identificati anche clienti

Nel prosieguo dei servizi di vigilanza e controlli in alcune aree del territorio del comune di Corigliano-Rossano ed in particolare sulla SS106, finalizzati anche al contrasto del fenomeno della prostituzione, personale della Polizia di Stato appartenente ...-->continua


CRONACA BASILICATA

19/02/2020 - Montecotugno:si ritorna a parlare dell'imponente infrastruttura lasciata al buio
19/02/2020 - Provincia Matera. Controlli della Polizia contro la guida in stato di ebrezza alcolica
19/02/2020 - Comune di Lagonegro, anni di debiti per milioni di euro: pagamenti nel 2020
19/02/2020 - Operazione Evasione continua a Brescia: indagato anche monsignor Cuccarese

SPORT BASILICATA

19/02/2020 - Pasquale Larocca immenso: ancora primo a Rovaniemi
19/02/2020 - Volley, Geosat Lagonegro: squadra affidata a Iannarella
19/02/2020 - Questura di Potenza: emessi otto Daspo per tifosi del Rotonda
19/02/2020 - Ciclismo. Elettrico cerca il bis a Laigueglia

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI
19/02/2020 Sospensione idrica a Maratea

Maratea: per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 21:00 di oggi alle ore 06:00 di domani mattina salvo imprevisti. MARATEA: Loc. Massa via Prato e via Pizarrone

18/02/2020 Sospensione idrica a Ruvo del Monte e San Fele

Ruvo del Monte: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 20:00 di oggi alle ore 08:00 di domani mattina salvo imprevisti. RUVO DEL MONTE: Contrade:Fronti.Cerrutolo.S.Elia.Bosco Bucito e zone limitrofe
Ruvo del Monte: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 20:00 del giorno 20-02-2020 alle ore 07:00 del giorno 21-02-2020 salvo imprevisti.

San Fele: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 20:00 di domani alle ore 07:00 del giorno 20-02-2020 salvo imprevisti.
San Fele: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 20:00 di domani alle ore 07:00 del giorno 20-02-2020 salvo imprevisti.

17/02/2020 Sospensioni idriche 17 febbraio 2020

--Castronuovo di Sant'Andrea: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 10:30 alle ore 13:30 di oggi salvo imprevisti. CASTRONUOVO DI SANT'ANDREA: Zona bassa centro abitato





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo