HOME Contatti Direttore WebTv News News Sport Cultura ed Eventi
 
Il Report di Veneto Agricoltura: ancora in calo nel 2016

2/11/2017

Il Report di Veneto Agricoltura: ancora in calo nel 2016 il volume delle merci scambiate nei mercati ortofrutticoli veneti, rimasto sotto il milione di tonnellate (933mila), come pure il valore complessivo degli scambi (920 mln/€). Al primo posto gli ortaggi, poi frutta. Riprendono però le esportazioni. Import/export, Veneto piattaforma di rilancio.



Negli ultimi cinque anni, a partire dal 2011, la merce scambiata nei mercati ortofrutticoli veneti ha tracciato un trend in flessione. Lo stesso andamento ha segnato purtroppo anche il 2016, visto che i quantitativi si sono mantenuti al di sotto della soglia psicologica del milione di tonnellate, scendendo a circa 933 mila tonnellate (-1,3% rispetto al 2015). Come non bastasse, sempre nel 2016, anche il valore degli scambi risulta essere in calo (920 mln di euro, -4,7% rispetto all’anno precedente), a causa sia della diminuzione del volume delle merci, sia della flessione del prezzo medio delle merci scambiate nei mercati, sceso a 1,02 euro/kg (-3,6% sul 2015). Sono questi i dati più significativi che emergono dalle analisi effettuate dagli esperti dell’Osservatorio Economico Agroalimentare di Veneto Agricoltura sui dati forniti dagli stessi mercati ortofrutticoli regionali.

Vediamo più nel dettaglio l’andamento delle merci scambiate.

Gli ortaggi si confermano al primo posto (poco più di 470 mila tonnellate, -1,6%), con una quota pari al 50,6% degli scambi, seguiti dalla frutta fresca (312 mila t, -2,2%) con una quota del 33,4% sul totale delle quantità veicolate. Gli agrumi rappresentano circa il 15% delle merci scambiate (142 mila t, +1,8%) mentre è del tutto residuale la quantità di frutta secca (meno di 7 mila t).

I mercati di redistribuzione (Verona, Padova e Treviso) rappresentano il fulcro degli scambi mercatali della nostra regione con una quota dell’84% del totale della merce veicolata (poco meno di 790 mila t).

Per quanto riguarda invece i mercati alla produzione, le merci scambiate si attestano sulle 69 mila t, mentre la quantità veicolata dai mercati al consumo raggiunge le 75.000 t. In quest’ultimo ambito, va sottolineata la dinamica positiva registrata dai mercati di Venezia-Mestre (+7%) e Bassano del Grappa (+3%), a conferma del rinnovato impulso registrato negli ultimi anni da questa tipologia di mercati.

Veniamo all’import/export.

Risultano in calo le quantità di merci importate (211 mila tonnellate, -10,9%), la cui quota scende dal 25,1% al 22,6% del totale. Le importazioni provengono per la maggior parte (60%) dall’Unione Europea e in particolare da Spagna e Paesi Bassi, che da soli effettuano quasi il 50% delle spedizioni di frutta verso i mercati veneti. In crescita le importazioni da Sud America e dall’America centrale (circa 52 mila tonnellate, +4,7), che soddisfano le esigenze di frutta e ortaggi nei periodi di contro stagionalità.

Il Veneto svolge un importante ruolo di piattaforma di rilancio dei prodotti ortofrutticoli, ricevendo le merci provenienti dalle altre regioni italiane, in particolare dal Sud Italia (oltre la metà delle merci proviene da Sicilia, Puglia e Calabria), redistribuendole verso l’estero, la cui quota sul totale delle merci in uscita cresce fino a toccare quasi il 40% (371 mila tonnellate, +10%). Le esportazioni sono ovviamente orientate principalmente verso i Paesi più vicini: Croazia (16%), Germania e Slovenia (entrambe con una quota del 15%). Tra le “altre” destinazioni estere, la maggior parte sono rivolte verso Paesi dell’Est Europa, quali Ucraina, Repubbliche Baltiche, Polonia e Repubblica Ceca. Tutto ciò a scapito delle spedizioni verso le regioni italiani confinanti, che sono invece in calo (-4,6%), attestandosi su un valore pari a circa 177 mila tonnellate per una quota che scende dal 21,3 al 19%, e delle merci che rimangono all’interno dei confini regionali, che registrano una brusca riduzione rispetto all’anno precedente (385 mila tonnellate, -8,9%) e la cui quota nel complesso scende dal 45% al 41%.

Da segnalare, tuttavia, il leggero aumento delle merci che rimangono all’interno del comune e della provincia rispetto alla sede dei mercati (la cui quota sale da 13,7% al 16,1%) a conferma di un rinnovato ruolo di fornitura del mercato locale svolto dai mercati al consumo. Una dinamica che replica quella registrata nel 2015 e che sembra segnalare un deciso interesse da parte di una certa tipologia di acquirenti (dettaglianti fissi e ambulanti, ho.re.ca,ecc.), a rifornirsi direttamente presso i mercati ortofrutticoli all’ingrosso presenti sul territorio regionale.

Il report completo “Analisi dei mercati ortofrutticoli regionali 2016” è disponibile su:

http://www.venetoagricoltura.org/basic.php?ID=6799


 

 

ALTRE NEWS


Notizie dall'Italia e dall'Estero - Lasiritide OUT -
27/09/2020 - Covid: ancora calo dei nuovi positivi ma anche dei tamponi

Ancora in calo il dato dei nuovi positivi: oggi 1.766, mentre ieri erano 1.869 e due giorni fa 1.912, per un totale di 309.870.
Ma sono in calo anche i tamponi processati: 87.714, molti meno dei 104.387 di ieri, per un totale di campioni analizzati dall’inizio del monit...-->continua

26/09/2020 - Covid: situazione stabile ma in Campania quasi 300 nuovi positivi

Oggi, leggero calo dei nuovi positivi (1.869) che comunque rispecchiano il dato di ieri (+1.912): per un bilancio complessivo salito a 308.104 infetti dall’inizio dell’emergenza. Piccola diminuzione anche dei tamponi effettuati: in 24 ore 104.387, contro i 10...-->continua

26/09/2020 - Coronavirus, Cts: non ci sono le condizioni per aumentare il pubblico negli stadi

"Il Comitato Tecnico Scientifico si è riunito in data odierna per analizzare il documento ricevuto dal Ministro della Salute relativo alla partecipazione del pubblico alle manifestazioni sportive, predisposto dalla Conferenza delle Regioni e Province Autonome....-->continua

26/09/2020 - Covid19 Puglia: 51 nuovi contagi. 3 decessi in capitanata e nel tarantino

Tre morti e 51 nuovi casi positivi nel quotidiano bollettino Covid della Regione Puglia. 3.514 i test effettuati. I decessi sono 2 in provincia di Foggia e 1 in provincia di Taranto. I casi positivi sono 27 in provincia di Bari, 5 nella provincia Bat, 2 nel ...-->continua

26/09/2020 - Monitoraggio settimanale Covid-19, report 14-20 settembre

Il numero di casi di COVID-19 e di ricoveri continua ad aumentare. Questo significa che occorre mantenere una linea di massima prudenza. Il grande impegno di tutta la popolazione nella fase di riapertura ed il mantenimento di misure rigorose permette oggi di ...-->continua

25/09/2020 - Covid: oltre 1.900 nuovi casi e 20 vittime

Aumento dei nuovi contagi, saliti oggi a 1.912 contro i 1.786 di ieri (totale 306.235): il dato è venuto fuori da un numero di tamponi leggermente calato in 24 ore, poiché oggi ne risultano processati 107.269 mentre ieri i campioni analizzati erano stati 107.2...-->continua

25/09/2020 - Covid19 Puglia: 90 casi positivi su 3299 test esaminati

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi venerdì 25 settembre 2020 in Puglia, sono stati registrati 3299 test per l'infezione da ...-->continua


CRONACA BASILICATA

28/09/2020 - Pino Giordano interviene a un anno dalla tragica morte della sorella Tina
28/09/2020 - Covid Basilicata, salgono i contagi. Altri 4 positivi a Senise
28/09/2020 - Lauria, il sindaco su messa in sicurezza del Palalberti: ‘Adesso vi accederemo con continuità’
28/09/2020 - Covid: negativi i tamponi effettuati a Lauria e Viggianello

SPORT BASILICATA

28/09/2020 - Il Bernalda Futsal vince il triangolare con Itria Fc e Futsal Potenza
28/09/2020 - Progetto Rete!: il Siproimi di San Severino Lucano in finale a Roma
27/09/2020 - Serie C: per il Potenza buona la prima
27/09/2020 - Serie D/H: Picerno e Taranto finisce a reti bianche

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI
28/09/2020 Sospensione idrica a Latronico

Latronico: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 08:00 alle ore 10:00 di oggi salvo imprevisti. LATRONICO: Frazione agromonte mileo

26/09/2020 Sospensione idrica oggi in Basilicata

Genzano di Lucania: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 12:30 di oggi fino al termine dei lavori. GENZANO DI LUCANIA: P.zza Monti, Via Laviani

23/09/2020 Sospensione idrica in Basilicata

Picerno: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 17:00 di oggi alle ore 07:00 di domani mattina salvo imprevisti. PICERNO: Seguenti zone: Strada Montagna, Strada Convento- Montagna, Strada Torretta, Strada Chiusi e via Don Minzoni





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo