HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Nuova ordinanza di Bardi su emergenza Covid

18/05/2020

(Misure urgenti per evitare la diffusione sul territorio regionale del COVID-19)
1. Al fine di contrastare il diffondersi dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, ferme restando le misure statali e regionali già vigenti di contenimento del rischio sanitario, tutte le persone fisiche, anche se asintomatiche, che fanno ingresso nel territorio regionale della Basilicata tramite trasporto di linea aereo, marittimo, ferroviario o terrestre, dopo aver soggiornato o che siano transitate in altre regioni o dall’estero e vi soggiornino anche temporaneamente, devono comunicarlo immediatamente al proprio medico di medicina generale (MMG) ovvero pediatra di libera scelta (PLS) ovvero al numero verde appositamente istituito dalla Regione 800996688, e sono sottoposte all’obbligo di osservare la misura della permanenza domiciliare fiduciaria per un periodo di quattordici giorni presso l’abitazione, dimora o luogo di soggiorno preventivamente indicata nella medesima comunicazione, con divieto di contatti sociali, spostamenti o viaggi, e di rimanere raggiungibili per le attività di sorveglianza.

2.Il medico di medicina generale (MMG) ovvero pediatra di libera scelta (PLS) ovvero gli operatori del numero verde appositamente istituito dalla Regione 800996688, sulla base delle comunicazioni ricevute, informano immediatamente l’autorità sanitaria competente che, nel rispetto del principio di precauzione e proporzionalità, provvede a contattare la persona fisica che ha fatto ingresso in Regione. Il medico competente, effettuata la valutazione epidemiologica per affezioni respiratorie, verificherà la negatività al virus con l’esecuzione del tampone rino-faringeo per SARS-COV-2 ovvero con altri test diagnostici per il SARS-COV-2, in applicazione delle indicazioni di prevenzione e controllo emanate dalla direzione generale della prevenzione sanitaria e dal Consiglio superiore della sanità del Ministero della salute.

3. In caso di negatività al virus con l’esecuzione del tampone ovvero di altro test diagnostico, dalla data di acquisizione del risultato, cessa la permanenza domiciliare fiduciaria. In caso di risultato positivo al COVID-19, l’esito del trattamento sarà segnalato al proprio medico di medicina generale (MMG) ovvero al pediatra di libera scelta (PLS) e la persona fisica sarà presa in carico dalle unità sanitarie speciali COVID-19 di competenza, fermo restando la permanenza domiciliare.

4. Le disposizioni di cui al comma 1 non si applicano in ragione di comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute, nonché ai soggetti che facciano ingresso in Basilicata in ragione di spostamenti funzionali allo svolgimento delle attività inerenti gli Organi Costituzionali, di funzioni pubbliche anche di natura elettiva, comprese quelle inerenti gli incarichi istituzionali.

5. In deroga a quanto previsto al comma 1, esclusivamente per comprovate esigenze lavorative, la misura della permanenza domiciliare fiduciaria per quattordici giorni non si applica ai lavoratori in ingresso o in uscita dal territorio regionale e per il conseguente rientro nella propria residenza, abitazione o dimora con frequenza giornaliera o settimanale. Per il periodo di permanenza nel territorio regionale, i predetti lavoratori sono comunque tenuti ad osservare la permanenza domiciliare fiduciaria. Tale permanenza cessa in caso di accertata negatività al virus con l’esecuzione su base volontaria del tampone rino-faringeo per SARS-COV-2 ovvero con altri test diagnostici per il SARS-COV-2.



Art. 2
(Misure ulteriori)


1. A decorrere dal 18 maggio 2020 sono consentiti gli spostamenti all’interno del territorio regionale e cessano di avere effetto le misure limitative della circolazione all’interno del medesimo territorio.

2. Sono vietati gli assembramenti di più persone nei luoghi pubblici o aperti al pubblico, ai sensi dell’articolo 1, comma 8, primo periodo, del decreto-legge 15 maggio 2020, n. 33, salvo che tra conviventi in proprietà pubblica o privata.

3. Resta fermo il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.

4. E’ consentito l’accesso del pubblico a parchi, ville e ai giardini pubblici, a condizione che sia rispettata la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro e fermo restando il divieto di assembramento di cui all’articolo 1, comma 8, primo periodo, del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33. E’ consentito l’accesso dei minori, anche accompagnati dai loro familiari o da altre persone abitualmente conviventi o deputate alla loro cura, alle aree gioco all’interno dei parchi, ville o giardini pubblici, per svolgere attività ludica o ricreativa all’aperto, nel rispetto delle linee guida per la gestione in sicurezza di opportunità organizzate di socialità e gioco per bambini ed adolescenti nella fase 2 dell’emergenza COVID-19 del dipartimento per le politiche della famiglia di cui all’allegato 8 del decreto del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 17 maggio 2020.

5. Fino al termine dello stato di emergenza deliberato dal Consiglio dei Ministri, è fatto obbligo sull’intero territorio regionale di usare i dispositivi di protezione individuale (cd.“mascherine”) nei luoghi chiusi accessibili al pubblico, e comunque in tutte le occasioni in cui non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza, nonché per accedere a tutte le attività di vendita al chiuso, per l’accesso agli uffici della pubblica amministrazione, alle strutture sanitarie e socio-sanitarie, nonché all’aperto all’interno di mercati. Non sono soggetti a detto obbligo i bambini al di sotto dei sei anni e i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l’uso delle mascherine ovvero i soggetti che interagiscono con i predetti, e i soggetti che svolgono attività motoria o sportiva in luogo isolato.


Art. 3
(Disposizioni per le attività economiche e produttive)

1. Fermo restando le attività produttive e commerciali non sospese alla data di entrata in vigore della presente ordinanza, sono consentite le attività commerciali di vendita al dettaglio, ivi comprese le attività di vendita al dettaglio al di fuori di negozi, banchi e mercati, nonché il commercio al dettaglio ambulante. Sono consentite, altresì, le attività dei servizi immobiliari, delle agenzie di viaggio e degli altri servizi di supporto alle imprese. Deve essere garantita, in ogni caso, la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro. Le predette attività devono svolgersi nel rispetto dei contenuti delle Linee Guida per la riapertura delle attività economiche e produttive della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome del 16 maggio 2020, di cui all’allegato 17 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 17 maggio 2020, annesso alla presente ordinanza e comunque in coerenza con i criteri di cui all’allegato 10 del predetto decreto.

2. Sono consentite le attività dei servizi di ristorazione, tra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie, pizzerie, rosticcerie. Dette attività devono svolgersi nel rispetto dei contenuti delle Linee Guida per la riapertura delle attività economiche e produttive della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome del 16 maggio 2020, di cui all’allegato 17 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 17 maggio 2020, annesso alla presente ordinanza, e comunque in coerenza con i criteri di cui all’allegato 10 del predetto decreto.

3. Resta comunque consentita la ristorazione con consegna a domicilio e la ristorazione da asporto, nel rispetto della disciplina in materia igienico-sanitaria, e fermo restando l’obbligo di rispettare la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.



4.



4.Ferme restando le attività già consentite sulla base del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 26 aprile 2020, sono consentite le attività inerenti i servizi per la persona (tra cui parrucchieri, barbieri, trattamenti estetici e gli altri servizi o centri per il benessere fisico), a condizione siano rispettati i contenuti delle Linee Guida per la riapertura delle attività economiche e produttive della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome del 16 maggio 2020, di cui all’allegato 17 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 17 maggio 2020, annesso alla presente ordinanza, e comunque in coerenza con i criteri di cui all’allegato 10 del predetto decreto.

5. Sono sospese le attività e gli spettacoli inerenti cinema, sale teatrali, sale da concerto, scuole di ballo, discoteche e locali assimilati, sale giochi, sale scommesse e sale bingo.


Art. 4
(Misure in materia di attività sportiva e altre disposizioni)


1. Restano sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici e privati.

2. Fino al 25 maggio 2020 sono sospese le attività delle palestre, ovvero le altre strutture ove si svolgono attività dirette al benessere dell’individuo attraverso l’esercizio fisico, centri sportivi, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali (ad eccezione per quelli che erogano prestazioni rientranti nei livelli essenziali delle prestazioni), centri e circoli culturali, centri sociali e centri ricreativi.

3. Ferma la sospensione delle suindicate attività, al fine di assicurare la graduale ripresa delle attività sportive sono consentite, nell’ambito del territorio regionale, le sessioni di allenamento degli atleti professionisti e non professionisti – riconosciuti di interesse nazionale dal Comitato olimpico nazionale italiano (CONI), dal Comitato Italiano Paraolimpico (CIP) e dalle rispettive federazioni sportive - in strutture pubbliche o private a porte chiuse, fermo il divieto di assembramento e presenza di pubblico e nel rispetto del distanziamento sociale di almeno due metri per l’attività sportiva e di almeno un metro per altre attività. A tale fine trovano applicazione le Linee-Guida a cura dell’Ufficio per lo Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri, su proposta del Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI) e del Comitato Italiano Paralimpico (CIP), sentita la Federazione Medico Sportiva Italiana (FMSI), le Federazioni Sportive Nazionali, le Discipline Sportive Associate e gli Enti di Promozione Sportiva.

4.E’ consentita l’attività sportiva e l’attività motoria all’aperto, purchè nel rispetto del distanziamento interpersonale di almeno due metri per l’attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività, salvo che per la presenza di un accompagnatore per i minori o le persone non completamente autosufficienti.

5. L’attività sportiva, per tutte le discipline sportive riconosciute dal CONI, è consentita anche all’interno delle strutture, degli impianti e dei circoli sportivi, se svolta all’aperto e tale da consentire detta attività nel rispetto del distanziamento sociale ed evitare il contatto fisico tra i singoli atleti. Resta precluso, nelle predette strutture, l’utilizzo degli spazi comuni quali gli spogliatoi, le docce, le palestre e le piscine. Ai fini dell’attuazione del presente comma i gestori delle predette strutture sono tenuti all’applicazione delle Linee Guida per la riapertura delle attività economiche e produttive della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome del 16 maggio 2020, di cui all’allegato 17 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 17 maggio 2020, annesso alla presente ordinanza.

6. E’ consentita, nell’intero territorio regionale, la pesca sportiva e ricreativa, sia da terra che in acque interne o in mare, fermo restando il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.
7. E’ consentito, nell’intero territorio regionale, in attuazione dei piani approvati dai relativi enti parco, il prelievo selettivo della specie cinghiale (cd.“Sus scrofa Linnaeus”) sull’intero territorio regionale, previa autorizzazione degli enti parco sul territorio protetto e dagli ambiti territoriali di caccia (A.T.C.) sul territorio libero, in conformità alla disciplina statale e regionale vigente in materia, fermo restando l’osservanza di tutte le prescrizioni necessarie in ordine al distanziamento sociale, igiene e sicurezza come riportato nei rispettivi piani di abbattimento.

8. E’ consentita, nell’intero territorio regionale, nel rispetto della vigente disciplina, l’attività di allevamento, addestramento e allenamento di animali anche presso centri di addestramento, compresa l’attività del servizio di custodia, fermo il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro.
9. A decorrere dal 25 maggio 2020 sono consentite, nell’intero territorio regionale, le attività turistiche degli stabilimenti balneari. Per dette attività, nelle spiagge libere e negli arenili, deve essere in ogni caso assicurato il rispetto della distanza interpersonale di sicurezza di almeno un metro. Per tali attività trovano applicazione le Linee Guida per la riapertura delle attività economiche e produttive della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome del 16 maggio 2020, di cui all’allegato 17 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 17 maggio 2020, annesso alla presente ordinanza.
10. A decorrere dal 25 maggio 2020 sono consentite le attività delle strutture ricettive nel rispetto delle norme di distanziamento sociale di almeno un metro negli spazi comuni e senza alcun assembramento, secondo le Linee Guida per la riapertura delle attività economiche e produttive approvate dalla Conferenza delle regioni e delle Province autonome in data 16 maggio 2020, di cui all’allegato 17 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 17 maggio 2020, annesso alla presente ordinanza, e comunque in coerenza con i criteri di cui all’allegato 10 del predetto decreto.







Art. 5

(Disposizioni in materia di trasporto pubblico locale)

1. In attuazione delle disposizioni di cui all’articolo 1, comma 1, lett .ii) del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 17 maggio 2020, a decorrere dal 18 maggio 2020 è disposto sul territorio regionale che siano esercitati i servizi di Trasporto Pubblico rispondenti ai criteri riportati al successivo comma 2 del presente articolo. Al fine di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19, tutte le aziende esercenti servizi di Trasporto pubblico locale devono esercitare i servizi nel pieno e totale rispetto delle disposizioni di cui all’allegato 14 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 17 maggio 2020 recante “Protocollo condiviso di regolamentazione per il contenimento della diffusione del COVID-19 nel settore del trasporto e della logistica” di settore sottoscritto in data 20 marzo 2020, nonché dell’allegato 15 al medesimo decreto recante “Linee guida per l’informazione agli utenti e le modalità organizzative per il contenimento della diffusione del COVID-19”.
2. Devono essere garantiti i seguenti servizi minimi essenziali di Trasporto pubblico locale:
a) i servizi da e verso gli ospedali e le altre strutture sanitarie, di cui ai programmi di esercizio dei rispettivi contratti di servizio, con particolare riguardo ai collegamenti negli orari utili al trasporto degli operatori del settore sanitario;
b) tutti i servizi da e verso tutte le aree industriali della regione in cui vi sono stabilimenti produttivi in attività, così come da programmi di esercizio dei contratti di servizio. Al fine di garantire il rispetto della distanza interpersonale minima di un metro a bordo dei mezzi di trasporto, il COTRAB deve attuare a far data dal giorno 21 maggio 2020, data di ripresa a regime della produzione industriale presso il sito di San Nicola di Melfi, un programma di potenziamento delle corse operaie di trasporto pubblico locale mediante la conversione delle percorrenze chilometriche non espletate, tra cui anche quelle delle linee scolastiche non svolte dal 5 marzo 2020, in percorrenze per corse operaie, anche ai sensi e nel rispetto della delibera della Giunta regionale della Basilicata n. 182 del 12.03.2020 e nei limiti delle risorse finanziarie di cui ai contratti di servizio provinciali;
c) i servizi in fascia pendolare per gli addetti ai pubblici servizi e per i fruitori dei servizi istituzionali essenziali erogati dalla pubblica amministrazione, di cui ai programmi di esercizio dei contratti di servizio e potenziando, laddove necessario, le corse dei servizi al fine di garantire il rispetto della distanza interpersonale minima di un metro a bordo dei mezzi di trasporto e nei limiti delle risorse finanziarie di cui ai contratti di servizio provinciali;

d) Il COTRAB è tenuto altresì a garantire i servizi di trasporto pubblico da e verso tutte le aree industriali della regione aggiuntivi rispetto a quelli previsti nei contratti di servizio provinciali, come riportati di seguito:
 linea Ferrandina - Pisticci - Viggiano Zona Industriale;
 linea Irsina-San Nicola di Melfi-Crob Rionero;
 corse automobilistiche Avigliano - San Nicola di Melfi, previste in parallelo con la linea n.265 del contratto di servizio provinciale, con capolinea ad Avigliano e ritorno;
 corse automobilistiche sulla relazione Lagopesole-San Nicola di Melfi in andata e San Nicola di Melfi- San Nicola di Pietragalla al ritorno, a completamento della linea n. 266 del contratto di servizio provinciale;
 Linea Potenza - Viggiano (Centro Oli) con percorso Potenza-Brienza-Autostazione Paterno/Galaino-Viggiano (Centro Oli) e viceversa.

3. Al fine dell’applicazione omogenea ed uniforme su tutti i mezzi di trasporto delle misure di carattere generale di contenimento della diffusione del COVID-19, delle raccomandazioni da dare agli utenti dei mezzi di trasporto, nonché delle misure specifiche applicabili alla modalità del trasporto automobilistico, il COTRAB è tenuto ad impartire a tutte le aziende consorziate precise disposizioni e direttive al fine del pieno delle Linee Guida di cui all’allegato 15 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 17 maggio 2020 in modo che ciascuna azienda applichi le suddette misure di sicurezza, tra cui, in via non esaustiva:
- sanificare e igienizzare i locali, i mezzi di trasporto e i mezzi di lavoro secondo le modalità definite dalle specifiche circolari del Ministero della Salute e dell’Istituto Superiore di Sanità;
- dotare gli operatori dei servizi di TPL dei dpi necessari;
- sospendere l’attività di vendita e di controllo dei titoli di viaggio a bordo dei mezzi da parte degli autisti;
- adottare sistemi di informazione e di divulgazione, nei luoghi di transito dell’utenza, relativi al corretto uso dei dispositivi di protezione individuale, nonché sui comportamenti che la stessa utenza è obbligata a tenere all’interno dei mezzi di trasporto nella fase di salita e discesa dal mezzo di trasporto e durante il trasporto medesimo;
- predisporre da parte di ciascuna delle aziende consorziate specifiche misure organizzative e piani operativi di sicurezza nel rispetto delle vigenti disposizioni normative;
- garantire sugli autobus un numero massimo di passeggeri in modo da consentire il rispetto della distanza di un metro tra gli stessi; i posti che non possono essere occupati devono essere contrassegnati con marker;
- procedere anche alla utilizzazione in verticale delle sedute sui mezzi di trasporto, al fine di perseguire una migliore e funzionale capienza dei mezzi di trasporto pubblico e ottimizzare gli spazi, fermo restando l’obbligo di indossare una mascherina di protezione. Tale modalità, ove realizzabile, potrà consentire, escludendo un posizionamento c.d. “faccia a faccia”, di ridurre la distanza interpersonale di un metro con un maggiore indice di riempimento dei mezzi;
- garantire la salita e la discesa dei passeggeri dal mezzo secondo flussi separati, negli autobus prevedere la salita da una porta e la discesa dall’altra porta, ove possibile e rispettare idonei tempi di attesa al fine di evitare contatto tra chi scende e chi sale, anche eventualmente con un’apertura differenziata delle porte.

4. Il COTRAB deve trasmettere alle Province, titolari dei contratti di servizio, e alla Direzione generale del Dipartimento Infrastrutture e Mobilità della Regione Basilicata, entro il giorno 19 maggio 2020, il programma di esercizio completo dei quadri orari secondo la modulistica utilizzata nella gestione dei contratti provinciali, di tutti i servizi di cui alle lettere a), b) e c) del precedente comma 2, attivati ai sensi della presente ordinanza, compreso il relativo programma di potenziamento indicato.
5. Il COTRAB deve inoltre trasmettere alle amministrazioni provinciali e al Dipartimento Infrastrutture e mobilità della Regione Basilicata, sempre entro il 19 maggio 2020, i programmi di esercizio con i relativi quadri orari dei servizi di cui alla lettera d) del precedente comma 2.
6. Le amministrazioni provinciali procedono alla verifica dei programmi di esercizio trasmessi nel rispetto della presente Ordinanza, impartendo le relative disposizioni al gestore dei servizi.
7. La Società Trenitalia SpA svolge i servizi ferroviari, secondo quanto riportato con la nota prot. n. TRNT-CPR DRPU\P\2020\17172 del 15.05.2020, ferma l’esigenza di assicurare i servizi minimi essenziali. Il successivo incremento dell’offerta commerciale sarà valutato ed autorizzato con le competenti disposizioni da parte del Dipartimento Infrastrutture e Mobilità, anche in base all’evoluzione della domanda di trasporto in relazione alla graduale ripresa delle attività.
8. La Società Ferrovie Appulo Lucane srl svolge i servizi ferroviari, secondo quanto riportato con la nota prot. n. DT/1350 del 18 marzo 2020 e nota DT/1428 del 25.03.2020, ferma l’esigenza di assicurare i servizi minimi essenziali. Il successivo incremento dell’offerta commerciale sarà valutato ed autorizzato con le competenti disposizioni da parte del Dipartimento Infrastrutture e Mobilità, anche in base anche in base all’evoluzione della domanda di trasporto in relazione alla graduale ripresa delle attività.
9. Le Società Trenitalia SpA e la Società FAL srl sono tenute a dare la più ampia diffusione della nuova programmazione dei servizi minimi essenziali di servizio a tutti gli utenti sui propri siti istituzionali e con ogni altro mezzo di comunicazione, nonchè alle stazioni, garantendo le necessarie distanze di sicurezza interpersonale tra i passeggeri quale principale misura di contenimento della diffusione da COVID-19, e comunque in applicazione delle disposizioni degli allegati 14 e 15 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 17 maggio 2020.
10. Entro due giorni dalla presente ordinanza, la società Trenitalia SpA. Direzione regionale Basilicata e la società Ferrovie Appulo Lucane srl (FAL), per i servizi ferroviari ed automobilistici di competenza, comunicano alla Direzione Generale del Dipartimento Infrastrutture e Mobilità della Regione Basilicata l’attuazione dei servizi di TPL secondo i criteri di cui al precedente comma 2 e trasmettono il relativo programma di esercizio.
11. In relazione a quanto disposto con la presente ordinanza, le aziende di Trasporto pubblico locale automobilistico esercenti servizi extraurbani e comunali, la Società Trenitalia SpA e la società Ferrovie Appulo Lucane Srl sono tenute a dare la più ampia diffusione della nuova programmazione dei servizi minimi essenziali a tutti gli utenti sui propri siti istituzionali e con ogni altro mezzo di comunicazione, nonché alle stazioni e devono svolgere una rilevazione giornaliera delle frequentazioni su tutte le corse effettuate, da trasmettere perentoriamente alle rispettive Amministrazioni titolari dei contratti di servizio con cadenza settimanale.
12. I Comuni titolari di servizi di trasporto Pubblico Locale comunale /urbano procedono alla verifica che i servizi di competenza siano esercitati da parte dei rispettivi gestori nel rispetto della presente ordinanza.

13. E’ fatto obbligo, ai concessionari dei servizi di trasporto pubblico e privato, nonchè agli esercenti di società o servizi di noleggio di autoveicoli con sedi nel territorio regionale, di mettere a disposizione della Regione Basilicata i nominativi e i recapiti dei viaggiatori trasportati e che fanno ingresso in Basilicata sulle linee di collegamento con destinazione del territorio regionale, provenienti da altre Regioni, secondo le modalità da concordare con il Dipartimento delle Infrastrutture e mobilità della Regione Basilicata.

14. I nominativi e i recapiti acquisiti ai sensi del precedente comma 13, sono trattati dalla Regione Basilicata, ai sensi dell’articolo 5 dell’ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile n. 630 del 3 febbraio 2020 nel rispetto del Regolamento n. 2016/679/UE, secondo misure appropriate e proporzionate alla tutela dei diritti e delle libertà degli interessati, sono inseriti in un apposito data base regionale, utilizzato esclusivamente per le azioni di monitoraggio dei soggetti interessati nei quattordici giorni successivi all’arrivo nel territorio regionale, in particolare per i soggetti interessati nei quattordici giorni di prescritto isolamento fiduciario come disposto dal precedente articolo 1, comma 1.


Art. 6
(Disposizioni finali)

1. Salvo che il fatto non costituisca più grave reato, il mancato rispetto delle misure di contenimento di cui al presente provvedimento è punito ai sensi e per gli effetti dell’articolo 2 del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33.

2. Per quanto non espressamente disciplinato dalla presente ordinanza, si fa rinvio alle disposizioni del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 17 maggio 2020 e dei relativi allegati.

3. L’efficacia delle disposizioni delle ordinanze 21 marzo 2020, n. 8 (“Ulteriori misure urgenti per la prevenzione e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19. Ordinanza ai sensi dell'articolo 32, comma 3, della legge 23 dicembre 1978, n. 833. Disposizioni in materia di trattamento dei rifiuti urbani.”) e 31 marzo 2020, n. 13 (“Articolo 191 del Decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e successive modificazioni e integrazioni. Disposizioni per consentire il ricorso temporaneo a speciali forme di gestione dei rifiuti urbani”) già prorogata al 17 maggio 2020, è ulteriormente prorogata fino alla data del 3 giugno 2020.

4.La presente ordinanza è comunicata, quale proposta di adozione di apposito DPCM ai sensi e per gli effetti dell’articolo 2, comma 1, del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro della salute, al Ministro dell’interno, al Ministro della difesa, al Ministro dell’economia e delle finanze.

5. La presente ordinanza è altresì comunicata ai Prefetti della Regione Basilicata e all’ANCI Basilicata per il successivo invio ai Comuni della Regione.

6.Avverso la presente ordinanza è ammesso ricorso giurisdizionale innanzi al Tribunale Amministrativo Regionale nel termine di giorni sessanta dalla comunicazione, ovvero ricorso straordinario al Capo dello Stato entro il termine di giorni centoventi.

7.Le disposizioni della presente ordinanza producono effetto dalla data del 18 maggio 2020 e sono efficaci fino alla data del 3 giugno 2020, fatti salvi i diversi termini previsti dalle disposizioni di cui ai precedenti articoli, e salvo successivo provvedimento in ragione dell’andamento della situazione epidemiologica ai sensi e per gli effetti dell’articolo 1, comma 16, del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33.

8.La presente ordinanza è pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Basilicata e sul sito istituzionale della Giunta della Regione.


ALLEGATI



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
10/07/2020 - Adduce replica a Perrino

Ho fatto una rapida verifica. Negli ultimi tre anni sui giornali e sugli altri media si parla di Gianni Perrino solo quando egli associa il suo nome al mio. Per questo qualche tempo fa minacciai di rivolgermi ai Carabinieri. Alla luce del suo ennesimo comunicato in cui inopi...-->continua

10/07/2020 - Malore per Maurizio Bolognetti dopo manifestazione a Potenza

Di ritorno dalla manifestazione di questa mattina in via Anzio, Maurizio Bolognetti ha avuto un malore. ''È stato prontamente soccorso da alcuni cittadini di Tito- ha scritto sua moglie Maria Antonietta Ciminelli sui social- che, dopo aver prestato un primo so...-->continua

10/07/2020 - Perrino su Fondazione Matera 2019

Adduce voleva chiamare Carabinieri: ma l’Anticorruzione (ANAC) conferma la correttezza dei nostri rilievi sulla carenza di trasparenza da parte della Fondazione Matera 2019.


Correva la seconda metà di febbraio 2020, nel bel mezzo del Carnevale, ...-->continua

10/07/2020 - Indotto Eni: Summa, Gambardella e Tortorelli diffidano la Regioni

I segretari di Cgil Cisl e Uil contestano la mancata convocazione dell'organismo da parte di Bardi e Cupparo e criticano il ricorso a palliativi che negano anni di conquiste sindacali e prassi concertative.
"Bardi e Cupparo convochino subito il tavolo dell...-->continua

10/07/2020 - Fiammata Cova Viggiano, Rosa: attivati controlli e segnalazioni

In merito a quanto occorso questa mattina al Centro Olio di Viggiano, dove si è verificata una nuova fiammata con conseguente blocco dell’impianto e attivazione del piano di emergenza interno, la Regione Basilicata e l’Arpab, ognuna per le proprie competenze, ...-->continua

10/07/2020 - Carlucci: ‘Monticchio ha bisogno dell’abc’

Dopo ben 3 anni dall'istituzione del Parco del Vulture (mai partito con i lavori), si è tenuto un incontro tra i sindaci dell'area, l’assessore Rosa e il commissario del Parco per addivenire all'unica conclusione che ci sono le risorse per far partire l'Ente (...-->continua

10/07/2020 - ASP: ripresa dall’8 luglio l’attività della CML per rinnovo patenti speciali

L’Asp di Basilicata, nel rettificare il comunicato dello Spi Cgil inviato ieri alla stampa con il quale si asseriva che “tutt’ora non è possibile ottenere il rinnovo delle patenti”, comunica che l’attività della CML, la Commissione Medica Locale incaricata al ...-->continua









WEB TV



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo