HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Pericolo antenne 5G: le associazioni scrivono al sindaco di Policoro

18/07/2019

Le associazioni ambientaliste Mediterraneo no triv, Mamme Libere, Cova Contro, Medici per l'Ambiente e No Scorie Trisaia, facendo seguito all'incontro formale avvenuto in data 13 Giugno, hanno inviato via pec una nota formale al Sindaco Enrico Mascia e per sollecitare l'adozione di provvedimenti volti a impedire l'installazione, sul territorio, delle antenne 5 G.
Purtroppo la tecnologia 5G comporterà l’installazione di centinaia di migliaia di nuove antenne wireless nei quartieri delle città e una piccola cella cellulare o un altro trasmettitore saranno collocati ogni 1,5 mt e utilizzerà frequenze millimetriche più elevate con incredibile incremento del livello di elettrosmog.
Al riguardo decine di migliaia di studi scientifici segnalano effetti dannosi per la salute dei cittadini e gli studi del National Toxicology Program degli N.I H. USA e dell’Istituto Ramazzini di Bologna hanno evidenziato il nesso causale tra esposizione a microonde al di sotto della soglia termica (0,5 W/kg per i topi e 0,6 W/kg per i ratti) e insorgenza tumorale.
Inoltre, secondo l'analisi di Martin Pall e della letteratura scientifica pubblicata in questi anni ci sono almeno otto gravi pericoli dimostrati e correlati alle esposizioni alle radiazioni del 5G.
E' indubbio che lo studio scientifico del Prof. Pall, al riguardo, costituisce una base fondamentale per richiedere la messa al bando dello sviluppo della tecnologia 5G in quanto ci sono sufficienti evidenze di rischio per concludere che si tratta di frequenze non sicure per la salute umana e per l’ambiente.
Non si contano, oramai, i comuni in Italia che hanno deciso di deliberare una mozione contro il 5 G e tra questi emblematico è il caso della Città di Firenze che ha deciso, appunto, di impedire la sperimentazione nel proprio territorio( fonte https://oasisana.com/2019/04/05/provoca-danni-al-corpo-firenze-frena-sul-5g-e-applica-il-principio-di-precauzione-approvata-con-voto-quasi-unanime-la-mozione-in-difesa-della-salute-notizia-esclusiva-oasi-sana/).
Al riguardo sono circa una cinquantina le istituzioni che a vario titolo (tra Regioni, Province e Comuni) sollevano criticità attraverso interrogazioni di consiglio o mozioni e delibere Stop 5G già approvate (Roma Capitale Municipio XII, Firenze, Viareggio, Rocca di Papa, Fresagrandinaria, Cinto Euganeo, Cervaro e Savignano Irpino).
A Prato (Smart City) la candidata sindaca Marilena Garnier (lista civica), supportata da 280 firme di cittadini toscani, ha anche presentato un esposto presso il tribunale chiedendo al Procuratore della Repubblica di indagare su eventuali reati, considerato che il “proliferare delle antenne e l’aumentare delle emissioni elettromagnetiche, così come già dimostrato dagli studi effettuati, porterà l’aumento di malati di elettrosensibilità” (fonte https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/05/23/stop-5g-la-mobilitazione-e-arrivata-in-parlamento-e-ora-punta-alleuropa/5195968/).
Tutto ciò dovrebbe fare riflettere i nostri amministratori.
E' indubbio anche che l'installazione della tecnologia 5G comporterà un incremento esponenziale delle installazioni dato che per ogni antenna esistente se ne dovranno aggiungere altre dieci, atteso che per servire l'area oggi coperta da un'antenna ce ne vorranno altre dieci con conseguente maggior inquinamento elettromagnetico, come sostiene Luca Verdi Direttore del Laboratorio di Chimica e Fisica di Bolzano ( fonte https://www.rainews.it/tgr/bolzano/video/2019/03/blz-Rete-5G-antenne-9879a280-94ad-4add-b939-dbb6a5cb5b67.html e purtroppo le nuove frequenze si sommano a quelle che già usiamo.
Per tutti questi motivi le associazioni ambientaliste chiedono che Sindaco, Giunta e consiglieri di maggioranza e di minoranza promuovano incontri pubblici atti alla divulgazione e alla sensibilizzazione rispetto al pericolo per la salute derivante dal 5G e si impegnino a dichiarare pubblicamente, nelle sedi istituzionali e su tutti i mezzi di informazione, la propria contrarietà alla tecnologia 5G.



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
23/10/2019 - Trasporto pubblico regionale Tavella: “Si avvii nuova fase di trasparenza'

“Nel mentre continua un dibattito ozioso e stanco sulla definizione dei bacini, il trasporto pubblico in Basilicata versa in condizioni disastrose”. È quanto afferma il segretario generale Filt Cgil Basilicata Franco Tavella.
“Servizio inefficiente, mezzi insicuri, preca...-->continua

23/10/2019 - Petrolio, Rosa: non prendiamo lezioni da Pittella

“Le dichiarazioni dell’opposizione non mi stupiscono e sono contento che, anche solo dopo aver perso il governo della Regione, hanno compreso che esiste un mondo economico oltre il settore no oil che, date le loro politiche precedenti, evidentemente non conosc...-->continua

23/10/2019 - Fca, Spera (Ugl):” Favorevoli a assemblaggio batterie in sito di Mirafiori”

“Alla notizia che Fca realizzerà a Torino un centro di assemblaggio di batterie in una prima fase d’investimento previsto di circa 50 milioni di euro, l’Ugl plaude con soddisfazione per un progetto che vedrà impiegate 1.200 persone dedicate alla produzione del...-->continua

23/10/2019 - Braia: necessario proseguire le attività promozionali post Matera 2019

“A 5 anni dalla nomina di Matera Capitale Europea della Cultura 2019, e a pochi mesi dalla fine dell’anno, è necessario aprire immediatamente un tavolo tecnico con la Fondazione Matera 2019 e l’Amministrazione Comunale di Matera per individuare tutte le forme ...-->continua

23/10/2019 - M5S. Cosa intende fare la Regione Basilicata sul rinnovo dell’AIA a Tecnoparco?

Il rapporto tra Tecnoparco Valbasento e il territorio circostante non è mai stato idilliaco. Il grosso impatto che lo stabilimento ha a livello ambientale è stato spesso al centro di polemiche e non solo.
Dal 2010, l’azienda ha modificato la sua "mission"...-->continua

22/10/2019 - Sanità privata, audito in quarta Commissione Paduanelli

Marcello Paduanelli, presidente dell’Aiop Basilicata, "Associazione Italiana Ospedalità Privata" è stato audito in quarta Commissione consiliare in merito a problematiche di carattere sanitario. “Come Associazione - ha precisato Paduanelli - rivolgendosi al pr...-->continua

22/10/2019 - Trattative Petrolio Eni-Total, Coviello replica a Polese

“Nella qualità di capogruppo in Consiglio regionale del partito Lega Basilicata per Salvini Premier, intendo replicare alle gravissime accuse e illazioni mosse dal consigliere Polese in ordine all’opportunità di escludere la Lega dai tavoli inerenti la trattat...-->continua







WEB TV



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo