HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

SERVIZI

FOTO

TERRITORIO

 

Successo per U strittul ru zafaran 2019

13/08/2019



Si è conclusa con una serata finale che ha fatto registrare il pienone tra i vicoli del centro storico di Senise la diciottesima edizione de ‘U strittul ru zafaran’ (Il vicolo del peperone). L’evento è stato ideato e organizzato dall’associazione Assa con il supporto dell’amministrazione comunale, del Consorzio di Tutela del peperone Igp di Senise e la Regione Basilicata e numerosi partner pubblici e privati.
Nella serata finale, che ha visto l’apertura del percorso artistico ed enogastronomico da piazza Municipio e piazzetta Barletta, nel cuore dell’antico borgo senisese, sono state circa 4mila le presenze registrate e calcolate in base ai piatti venduti (erano due i punti di degustazione gestiti direttamente dall’Assa oltre a quelli gestiti dal Consorzio di Tutela).
Successo per l’iniziativa volta ad eliminare piatti, posate e bicchieri di plastica con l’introduzione, quest’anno, di materiale bio-compost.
“E’ stata un’edizione memorabile- ha detto la presidente Giulia Cirigliano- che ha superato, sinceramente, tutte le nostre aspettative. Ringrazio tutti coloro i quali hanno contribuito, supportato e organizzato l’evento. Ma stiamo già pensando al futuro. Questa manifestazione ormai è una consolidata realtà che aveva come obiettivo prioritario quello di riportare i grandi flussi turistici nel nostro centro storico. A tal proposito, nonostante i grandi numeri, non intendiamo barattare collocazioni più agevoli in termini di spazio con la scelta di altri luoghi e, anzi, stiamo già pensando alla possibilità di ampliare il percorso nei vicoli e nelle piazzette del borgo. Per questo, se sarà possibile e di concerto con l’amministrazione, chiederemo di rendere altri luoghi del centro storico privi di barriere architettoniche in un’ottica di fruizione agevole del borgo e, in riferimento al nostro evento, per garantire che i flussi possano muoversi più facilmente senza creare ingorghi”.

Foto di Gasparinetti Umberto







ALTRE NEWS

CRONACA

20/11/2019 - Corleto Perticara: uomo trovato morto carbonizzato a casa sua
20/11/2019 - UILM-FISMIC: ritirate lettere di licenziamento lavoratrici Logistica Cassino
20/11/2019 - A San Severino lucano ha aperto l’asilo nido
20/11/2019 - Donna morta a Potenza. Era stata trovata in casa sepolta dai rifiuti

SPORT

20/11/2019 - Rimonta Vultur, Rotonda ko: finale col Lavello. Sarà anche Oppido-Venosa
20/11/2019 - Il tecnico Inter, Simone Chinelli, in visita alla ASD Matheola Matera
20/11/2019 - Volley Lagonegro: il commento di Falabella dopo la vittoria a Reggio Emilia
20/11/2019 - Judo, a Policoro la finale di Coppa Italia A2 e A1

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

20/11/2019 Sospensione idrica oggi in Basilicata

Potenza: per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione, è in corso la sospensione dell'acqua potabile in via Sandro Pertini. Il ripristino è previsto alle ore 15:30 di oggi, salvo imprevisti.

Maschito: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 14:30 di oggi alle ore 07:00 di domani mattina, salvo imprevisti.

Forenza: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 21:00 di oggi alle ore 07:00 di domani mattina, salvo imprevisti.

19/11/2019 COMUNICATO SOSPENSIONI IDRICHE

Tursi: a causa di un guasto improvviso, è in corso la sospensione dell'erogazione idrica in corso Vittorio Emanuele e zone limitrofe. Il ripristino è previsto al termine dei lavori di riparazione.

19/11/2019 COMUNICATO SOSPENSIONI IDRICHE

Potenza: per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa in contrada San Francesco e zone limitrofe dalle ore 12:00 di oggi fino al termine dei lavori.

Il fuoco del ghetto illumini le nostre coscienze
di Mariapaola Vergallito

Nessuno di noi dovrà più tornare indietro da quanto accaduto ieri. Nessuno di noi dovrà poter cancellare il capitolo nero marchiato col fuoco del ghetto della Felandina di Metaponto. Non che di vergogna e di indecenza prima di ieri non ce ne fossero abbastanza. Ma forse si doveva arrivare alla morte di una povera donna nigeriana resa irriconoscibile dal fuoco di un’alba lucana per accenderne un altro, di fuoco: quello dell’indignazione attiva, della coscienz...-->continua





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo