HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Potenza,violenza contro la moglie, la figlia chiama i carabinieri.Uomo arrestato

10/02/2024



 Il suono metallico delle porte del carcere di Potenza che si chiudono dietro le spalle del marito, sancisce la fine dellincubo per una giovane donna e le sue figlie.
Squilla il telefono della Centrale Operativa dei Carabinieri di Potenza: una voce femminile spaventata e tremante ma anche tanto, troppo, giovane che con poche semplici parole chiede aiuto perché suo padre, ancora una volta, ha picchiato la madre e lha minacciata di morte davanti ai suoi occhi e a quelli della sorellina. Dallaltra parte del filo, un militare dellArma con troppa esperienza per non comprendere che dietro quelle parole poteva esserci molto di più. Le sirene dei Carabinieri scuotono la quiete delle strade del capoluogo potentino fino a giungere in prossimità dellabitazione della giovane donna. Allinterno solo lei e le figlie, nessuna traccia del marito, uno straniero regolarmente residente in Italia che si era dato alla fuga. Le donne venivano immediatamente portate presso la Stazione Carabinieri di Potenza dove, una volta al sicuro, sono state affidate alle cure del 118 e degli assistenti sociali del Comune di Potenza. Le ricerche andavano avanti per tutta la notte concludendosi solo allalba del giorno successivo quando i Carabinieri della Sezione Radiomobile lo rintracciavano alle porte del capoluogo e procedevano al suo arresto conducendolo presso la Casa Circondariale di Potenza per i maltrattamenti e le violenze perpetrate a danno della moglie. Condotte che, come emerso nelle ore successive dalle parole della donna, non si sarebbero limitate ad un solo momento di ordinaria follia consumatosi quella sera alla presenza delle loro figliolette ma sarebbero state solo lennesimo episodio di maltrattamenti e vessazioni, che già da tempo si alternava nel silenzio delle mura domestiche. Ludienza tenutasi dinanzi al GIP di Potenza convalidava larresto operato dai Carabinieri e disponeva la custodia cautelare in carcere per il cittadino straniero che ora è a disposizione della competente Autorità Giudiziaria chiamata a giudicare sui fatti per i quali, sino a sentenza definitiva di condanna, vige la presunzione di innocenza per lindagato.
Un atto di coraggio da parte della giovane ragazza che ha scelto di vincere le sue paure e chiamare il 112 permettendo così il tempestivo intervento dei Carabinieri di Potenza che ha interrotto una spregevole routine e, forse, evitato conseguenze ancora più tragiche come ormai tristemente ci hanno abituato le cronache nazionali.
I Carabinieri del Comando Provinciale di Potenza si raccomandano di ricorrere ai presidi dellArma sul territorio o al NUE 112 senza alcuna remora e sin dai primi segnali di pericolo o timore perché se da una parte cè qualcuno che chiede aiuto, dallaltra, ricordano, ci sarà sempre un Carabiniere che risponderà: Possiamo Aiutarvi.




ALTRE NEWS

CRONACA

27/02/2024 - Gravi maltrattamenti in famiglia: allontanamento per 20enne materano
27/02/2024 - Bolletta del gas salata a consumatrice: ‘’grazie ad Adiconsum la società ha riconosciuto l’errore’’
26/02/2024 - Muro Lucano: cocaina in viaggio verso la Basilicata. Arrestato 43enne salernitan
26/02/2024 - Coldiretti Basilicata a Bruxelles per chiedere stop burocrazia e una nuova Pac

SPORT

27/02/2024 - Tricolore Formula Challenge 2024: si parte dal ''Magna Grecia''
26/02/2024 - Il Martina vuole Salvatore Novelli, talent scout del Rotonda Calcio
26/02/2024 - Convegno tecnico regionale dei giudici di gara della federcicliclismo di Basilicata e Calabria
25/02/2024 - Eccellenza Basilicata. Tutto invariato in testa dopo la 23^ giornata. I risultati e la Classifica

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

Non con i miei soldi. Non con i nostri soldi
di don Marcello Cozzi

Parlare di pace in tempi di guerra è necessario, ma è tardi.
Non bisogna aspettare una guerra per parlarne. Bisogna farlo prima.
Bisogna farlo quando nessuno parla delle tante guerre dimenticate dall'Africa al Medio Oriente, quando si costruiscono mondi e società sulle logiche tiranniche di un mercato che scarta popoli interi dalla tavola dello sviluppo imbandita solo per pochi frammenti di umanità; bisogna farlo quando la “frusta del denaro”, come ...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo