HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Stellantis Melfi, rivelato il quinto modello. Bardi: ''Compass a Melfi in due versioni é una notizia importante''

3/10/2023



"Siamo felici che Stellantis abbia ribadito la centralità dello stabilimento lucano di Melfi. L'annuncio di oggi della produzione di Compass in due versioni (elettrica e ibrida) conferma quanto già anticipato nei vari incontri e testimonia anche l'impegno della Regione per difendere i lavoratori e lo stabilimento. Non ci siamo mai tirati indietro e siamo sempre stati disponibili verso l'azienda e i lavoratori, anche mettendo sul tavolo nazionale un contributo regionale di grande valenza economica e strutturale. L'annuncio di oggi mi auguro abbia una valenza anche per l'indotto, che dunque la produzione abbia una proiezione positiva anche sul lavoro e sul tessuto imprenditoriale lucano. Continueremo pertanto a fare la nostra parte per sostenere l’industria e il lavoro. Come Regione seguiremo sempre con grande attenzione il passaggio all'elettrico, il futuro dell'automotive e del più grande stabilimento industriale in terra lucana". Lo afferma in una nota il Presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi.


Stellantis Melfi, rivelato il quinto modello
Si è concluso l’incontro tra le OO.SS e Stellantis Melfi, avvenuto a seguito delle mobilitazioni delle settimane scorse. Nell’incontro odierno, l’Azienda ha illustrato il cronoprogramma per il prossimo futuro dello stabilimento di Melfi e ha reso pubblico il quinto modello che verrà prodotto. “Finalmente Stellantis ha tolto il velo al segreto sulla produzione dei 5 modelli elettrici, più uno ibrido da produrre nello stabilimento di Melfi, che così avrà assicurato il futuro occupazionale e produttivo per i prossimi anni. – dichiara il segretario generale Fismic Confsal, Roberto Di Maulo - La mobilitazione avvenuta nei giorni scorsi ha pagato e oggi siamo in grado di affrontare il confronto col ministro Urso con minori preoccupazioni per i lavoratori di quello stabilimento.”
“Si tratta di un primo significativo risultato che premia la risolutezza con il quale il Sindacato ha promosso un serrato confronto sul futuro dell’Automotive in Italia che coinvolge il Governo nazionale e le Regioni, l’ANFIA e tutte le OO.SS. rappresentative nel sistema Automotive in Italia.”, continua Di Maulo.
“Inoltre, nei prossimi giorni Stellantis aprirà un confronto con i Sindacati Territoriali per iniziare a dettagliare le iniziative di riconversione industriali previste a Torino nell’area di Mirafiori e sarà programmato un incontro con la Join Venture ACC per iniziare un confronto settato sui tempi, sui modi e sulle modalità di ricollocazione del personale, oggi occupato a produrre motori per veicoli endotermici, che in futuro dovrà essere ricollocato nella sua interezza nella Gigafactory che produrrà batterie per motori elettrici.2, prosegue il segretario generale Fismic Confsal. “Tutti questi impegni dovranno poi trovare un collocamento positivo nel confronto avviato a luglio e proseguito ad agosto per individuare gli strumenti per proteggere i lavoratori nella difficile fase della transizione ecologica, che rischia di bruciare migliaia di posti di lavoro e di ridimensionare il settore Automotive nel nostro Paese che continua ad essere un importante motore del PIL nazionale e non può essere sacrificato sull’altare di una transizione troppo rapida le cui conseguenze le verrebbero a pagare non solo direttamente gli occupati nel manifatturiero, nell’indotto e nei servizi, ma rischiano di essere pagati in termini di minore possibilità di mobilità per i cittadini, soprattutto per gli strati sociali meno abbienti.”, conclude Di Maulo.

“Oggi per Melfi è giornata di festa, finalmente si fa chiarezza su tutta la missione produttiva e vengono smentiti gli uccelli del malaugurio che non credevano possibile la rivalsa del sito; con le dichiarazioni di oggi, sono stati sconfitti. – dichiara il segretario nazionale Fismic Confsal, Pasquale Capocasale – Ora si apre la stagione dei frutti per Melfi, era che per noi è sempre stata una certezza e ora è divenuta una solida realtà. Non ci sono più alibi, Melfi ha il suo futuro assicurato, ma questo è solo un inizio, continueremo a lavorare e a incontrare Azienda e Regione per vigilare su tutto il processo.”



Stellantis: Tortorelli (Uil), occasione storica per legare il futuro di Melfi all’indotto
“Adesso che Stellantis ha scoperto le sue “carte” e che Melfi torna ad essere lo stabilimento centrale per i nuovi modelli della transizione energetica non possiamo perdere questa occasione storica per legare il futuro di Melfi all’indotto, oggi ancora anello debole dei nuovi programmi dell’automotive”. Così Vincenzo Tortorelli, segretario regionale Uil Basilicata che ha sollecitato il Presidente Bardi a convocare subito il Tavolo permanente Stellantis-automotive per “un confronto necessario a mettere in campo le azioni necessarie ad accompagnare i programmi Stellantis e a garantire la stessa centralità all’indotto”. “I nuovi modelli a Melfi – sottolinea – sono il risultato di una lunga ed estenuante concertazione che i sindacati confederali di categoria hanno tenuto in questi mesi. Dunque entriamo in una nuova fase della storia dello stabilimento di Melfi che comunque va costantemente monitorata. Lo stesso deve avvenire per l’indotto per mettere al passo le attività industriali e l’occupazione esistente. Soprattutto l’attuale tessuto industriale di San Nicola ha bisogno di adeguarsi e rafforzarsi per reggere la nuova sfida dell’automotive. E su questo la Regione deve fare la sua parte condividendo il Patto per Melfi che abbiamo proposto e che ha tra gli obiettivi quello di legare i lavoratori alle commesse future, perché attraverso l’elettrico verranno appaltate tante nuove opportunità che dovranno rimanere a Melfi e per i lavoratori di Melfi”.




ALTRE NEWS

CRONACA

22/06/2024 - Foggia: 8 arresti per associazione a delinquere, rapine e furti aggravati anche in Basilicata
22/06/2024 - Rionero: una comunità paralizzata dalla chiusura dell'ufficio postale centrale
22/06/2024 - Sanità, un tavolo tecnico con il dg del Miulli di Acquaviva
21/06/2024 - 19enne viene condotto in carcere dalla Polizia di Stato dopo essere evaso dai domiciliari

SPORT

23/06/2024 - Rotonda Calcio: due under nel mirino dell’Enna
22/06/2024 - Volley. Un nuovo centrale per la Rinascita: ecco Gabriele Tognoni
21/06/2024 - Lettera aperta del presidente del Potenza Calcio: nessuna cambiale, né conflitti di interesse
20/06/2024 - A Lorica il primo raduno tecnico interappenninico Fisi

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

Non con i miei soldi. Non con i nostri soldi
di don Marcello Cozzi

Parlare di pace in tempi di guerra è necessario, ma è tardi.
Non bisogna aspettare una guerra per parlarne. Bisogna farlo prima.
Bisogna farlo quando nessuno parla delle tante guerre dimenticate dall'Africa al Medio Oriente, quando si costruiscono mondi e società sulle logiche tiranniche di un mercato che scarta popoli interi dalla tavola dello sviluppo imbandita solo per pochi frammenti di umanità; bisogna farlo quando la “frusta del denaro”, come ...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo