HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Viggianello: celebrata la giornata della memoria contro la mafia

21/03/2019



In Basilicata, Viggianello è stata scelta quale piazza regionale principale per celebrare la “Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti della mafia”.
“Ho tenuto in modo particolare a questa iniziativa – ci ha spiegato il sindaco Rizzo – innanzitutto perché mi inorgoglisce che Viggianello sia il riferimento regionale scelto da Libera per ricordare le vittime innocenti della mafia, ma soprattutto per il grande messaggio dato al mondo: poiché anche in un piccola realtà periferica come la nostra c’è bisogno di ricordare, affinché non si ripetano le tante brutte esperienze vissute dal nostro paese nel corso degli anni”.
La celebrazione, molto partecipata, è iniziata alle 10 di questa mattina, con il raduno presso l’istituto omnicomprensivo di Anzoleconte. Presenti don Marcello Cozzi e Gerardo Melchionda di “Libera”, Gianfranco Donadio, capo della Procura della Repubblica di Lagonegro, il sindaco di Viggianello Antonio Rizzo e il dirigente scolastico Antonio Pongitore.
“Celebrare la giornata a scuola – ha aggiunto Rizzo – ha consentito che i destinatari del messaggio che si voleva trasmettere fossero proprio i ragazzi, affinché possano crescere meglio di noi in modo che resti viva la memoria e per cercare di impedire che altre vittime innocenti perdano la vita in quanto eliminate da chi, temendoli, vuole sbarazzarsene per continuare a perseguire i propri interessi».
Come ogni anno la rete di Libera, gli enti locali, le scuole, i cittadini, assieme alle centinaia di familiari delle vittime, si sono ritrovati in tutta Italia per ricordare nome per nome tutti gli innocenti morti per mano delle mafie. Ovunque sono stati tanti gli interventi degli studenti, e alle 11 in punto c’è stata l’emozionante lettura dei 950 nomi delle vittime innocenti della mafia.
“Viggianello – ha proseguito Rizzo – è orgogliosa di aver ospitato questa bellissima giornata e proprio da Viggianello deve partire un urlo proveniente soprattutto delle nuove generazioni, che faccia capire che noi non dimentichiamo e che dia il segnale a tutti circa l’importanza di evitare i silenzi. Perché, come diceva Peppino Impastato, la mafia uccide e il silenzio pure: questa è la ragione per la quale è necessario dare voce a tutte le testimonianze, segnalazioni e denunce”.

Gianfranco Aurilio
lasiritide.it





ALTRE NEWS

CRONACA

4/04/2020 - Coronavirus: decimo paziente guarito, è l’amministratore di Acquedotto Lucano
4/04/2020 - Coronavirus: un caso a Rotonda
4/04/2020 - Melfi (PZ): Arrestato dai Carabinieri un 28enne sorpreso con 14 grammi di cocaina
4/04/2020 - Ospedale Policoro: negativi 18 tamponi

SPORT

4/04/2020 - Potenza Calcio,il punto del patron Caiata sulla ripresa del campionato
3/04/2020 - LND: sospensione attività prorogata fino al 13 aprile
31/03/2020 - Scomparsa del presidente del Paternicum, il cordoglio del LND Basilicata
30/03/2020 - Picerno:estratto del lungo intervento del DG Mitro

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

4/04/2020 Sospensioni idriche 4 aprile 2020

Muro Lucano: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 17:00 di oggi alle ore 06:30 di domani mattina salvo imprevisti. MURO LUCANO: C/da Zaparone, C/da Bussi, C/da S. Luca e zone limitrofe

4/04/2020 Comunicazione sospensione idrica a San Severino

San Severino Lucano: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 10:00 di oggi fino al termine dei lavori. SAN SEVERINO LUCANO: centro abitato e fraz. Cropani

2/04/2020 Comunicazione di sospensione idrica

Marsico Nuovo: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 14:30 di oggi fino al termine dei lavori. MARSICO NUOVO: Via Portello e zone limitrofe

Restiamo umani se ci ricordiamo che dietro i numeri ci sono le storie
di Mariapaola Vergallito

Ho cercato tra i libri, in rete e tra gli appunti nei cassetti ma non ho trovato nulla. Non ho trovato parola alcuna che mi spieghi come si faccia.
Nessun manuale o libretto d’istruzioni, nessun vecchio quaderno sopravvissuto all’università, nessun libro divorato per l’esame di Stato.

Niente che mi insegni come si possa raccontare la storia di un ragazzo morto a 38 anni ucciso da un virus globale in una cittadina di una regione del sud Italia....-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo