HOME Contatti Direttore WebTv News News Sport Cultura ed Eventi
 
È morto il “Pibe de Oro”, inizia la leggenda

25/11/2020

Ormai le agenzia di stampa di tutto il mondo hanno battuto la notizia della morte di Diego Armando Maradona, deceduto oggi all’età di 60 anni per un arresto cardiorespiratorio mentre si trovava nella casa di Tigres, dove era tornato dopo essere stato dimesso dalla clinica in cui era stato operato alla testa. Sul posto sono poi sopraggiunte tre ambulanze.
Maradona era stato ricoverato d’urgenza il 3 novembre a causa di un coagulo di sangue al cervello, che aveva richiesto l’intervento in una clinica privata di Buenos Aires. Il chirurgo Luque aveva spiegato come l’operazione fosse “andata bene”.
La storia del “Pibe de oro” ha ispirato film e documentari - il più famoso diretto da Emir Kusturica - esempio più fulgido di un talento che bacia coloro che nascono tra la miseria e la povertà come nel suo caso, a Villa Fiorito nei sobborghi della capitale argentina. Si racconta che, a soli 8 anni, fosse capace di salire fino al terzo piano di un edificio palleggiando.
I soldi e la fama sono arrivati all’improvviso, condizionando la vita di un uomo che, fuori dal campo, è stato letteralmente travolto dal successo che ha fatto venire fuori tutte le sue debolezze, affogate nella droga prima e nell’alcool, poi.
Ma nel rettangolo di gioco cambiava tutto: lì comandava lui e agli altri non rimaneva che guardare come abbia stregato il mondo e Napoli.
Professionalmente, indubbiamente, nella città partenopea ha vissuto la sua epopea di campione e star amata alla follia. Arriva all’ombra del Vesuvio nel 1984, per 13 miliardi di lire. Una cifra, allora, incredibile e secondo qualcuno pagata dalla camorra. In realtà, tutto l’acquisto dal Barcellona fu reso possibile grazie allo sforzo del presidente Ferlaino e del Banco di Napoli. Ma un ruolo importante lo ebbe anche Maradona, che obbligò i catalani a cederlo agli azzurri.
Un titolo mondiale vinto con la nazionale argentina, due scudetti e una Coppa Uefa alzata da capitano del Napoli, sono state le sue più grandi vittorie. Nel mondiale vinto in Messico nel 1986 segna il gol più bello di sempre contro l’Inghilterra nei quarti di finale, dopo averla messo dentro con un mano (la famosa mano di Dio, riferita alla giustizia divina per la guerra delle Malvinas).
Fino alla finale di Italia ‘90, raggiunta con una squadra davvero modesta unicamente grazie alla sua leadership.
I fischi all’inno e la sconfitta per un calcio di rigore piuttosto dubbio, segnarono l’inizio del declino. Nel ‘91, secondo qualcuno come rappresaglia per avere eliminato la nostra nazionale in semifinale, arriva la squalifica per doping, quindi l’arresto per droga. “Io ho fatto sognare la gente, lei chi è”, si narra disse al magistrato che lo stava interrogando.
Poi arriva la resurrezione al mondiale negli Stati Uniti del 1994: gli sponsor latitano, il fiasco è dietro l’angolo ed ecco che lo vanno a pregare affinché tornasse in campo con la sua nazionale. All’Argentina non dice di no, si rimette in forma e, sostenuto da una compagine per la prima volta davvero all’altezza, a 34 anni, che all’epoca erano davvero tanti, il “Diez” inizia a dare spettacolo fino a quando torna lo spettro del doping. “Avevano paura che avrebbe vinto l’Argentina e lo hanno boicottato”, si dirà in seguito.
Ma la vita di Maradona non è stata certo solo sport, dal figlio a Napoli non riconosciuto fino al 2007 con l’amante Cristina Sinagra (madre di Diego Armando Junior), alle tante scappatelle durante il matrimonio con Claudia Villafane (da cui nacquero Dalma e Giannina).
Alla politica, anche da quel punto di visto è sempre stato uno molto scomodo. Si diceva che gli Stati Uniti non volevano concedergli il visto per i problemi con la droga mentre, in realtà, pare che il problema fosse la sua amicizia con Fidel Castro. Per non parlare di quella successiva con il leader venezuelano Hugo Chavez.
Ma, alla fine, ciò che resta è semplicemente che Maradona verrà ricordato come il più grande calciatore della storia del calcio.

“È morto Diego Armando Maradona, il più immenso calciatore di tutti i tempi. Diego ha fatto sognare il nostro popolo, ha riscattato Napoli con la sua genialità, ci ha reso protagonisti di un’era calcistica.
Nel 2017 lo abbiamo reso nostro cittadino onorario, ma non perché fosse necessario, visto il legame viscerale con la nostra città, ma perché era un atto dovuto.
Diego, napoletano e argentino, ci hai donato gioia e lacrime di felicità!
Napoli ti ama, Napoli ti piangerà per sempre”, ricordo via social il sindaco di Napoli Luigi De Magistris.
“Tutti si aspettano le nostre parole. Ma quali parole possiamo usare per un dolore come quello che stiamo vivendo? Ora è il momento delle lacrime. Poi ci sarà il momento delle parole”, si legge nella pagina Facebook del Napoli.

Gianfranco Aurilio
Lasiritide.it

 

 

ALTRE NEWS


Notizie dall'Italia e dall'Estero - Lasiritide OUT -
28/06/2022 - Il Premio Apulia Voice approda a Taranto: le novità dell'edizione 2022

Arriva a Taranto la finalissima del Premio Apulia Voice, in una delle più suggestive location della città, il Teatro Orfeo, che negli anni ha ospitato artisti del panorama nazionale ed internazionale. Le serate della finali saranno il 28 e 29 Luglio 2022. Il 28 luglio la fin...-->continua

28/06/2022 - L’alta velocità taglia fuori Taranto, la denuncia della Confcommercio

«L’alta velocità esclude il Salento. Una scelta che divide, contraria alle finalità del Pnrr». Così Leonardo Giangrande, presidente provinciale della Confcommercio di Taranto, in riferimento ai collegamenti per il capoluogo jonico. «“Come arrivare – La Puglia ...-->continua

28/06/2022 - La Polizia di Stato e Airbnb tornano a diffondere i consigli anti-truffa

La Polizia di Stato e Airbnb rinnovano la campagna di prevenzione per aiutare chi si affaccia per la prima volta alle prenotazioni online a riconoscere e stare alla larga dai tentativi di raggiro più diffusi. Perché se prenotare online un alloggio per le vacan...-->continua

24/06/2022 - Bicinpuglia va a Putignano: domenica c'è il 5° Trofeo del Carnevale

Torna Bicinpuglia, torna l'appuntamento, il nono stagionale, con le XC Challenge. 
Il circuito UISP coordinato da Giovanni Punzi da tappa a Putignano per il 5° Trofeo Città del Carnevale, organizzato dall'Asd Amatori Putignano.
"La nostra è una società...-->continua

23/06/2022 - Più pagamenti elettronici dal 1° luglio: arriva il “POS digitale” di TeamSystem

L’Italia non riesce a fare a meno del contante: secondo il Cash Intensity Index 2022 di The European House – Ambrosetti, >il nostro Paese è oggi 29° al mondo per incidenza del contante sull'economia e si posiziona al 24&...-->continua

22/06/2022 - Vittime di mafia e di reati violenti: indennizzi per oltre 2mln di euro

Il Comitato di solidarietà per le vittime dei reati di tipo mafioso e dei reati intenzionali violenti, presieduto dal Commissario Felice Colombrino, nella seduta di oggi, ha concesso benefici economici per oltre 2mln di euro alle vittime di reati di tipo mafio...-->continua

22/06/2022 - Operazione moscow mule 2: arrestata nuovamente hacker Russa

La Polizia di Stato ha arrestato una cittadina russa appartenente ad un'organizzazione criminale transnazionale dedita alle frodi informatiche di ultima generazione, alla ricettazione ed al riciclaggio.

Gli investigatori del Compartimento Polizia Post...-->continua


CRONACA BASILICATA

29/06/2022 - Mafia nel Metapontino, sentenza a Matera: 25 anni a Gerardo Schettino
29/06/2022 - Covid Basilicata: 558 nuove positività e 52 ricoveri
29/06/2022 - Emessi, dal Questore di Potenza, sette D.A.Spo. e due D.A.C.Ur tra Pignola, Potenza, Melfi, Tito e Rotonda
29/06/2022 - Roccanova: una giovane ricercatrice la migliore nel PhDay dello IUSS di Pavia

SPORT BASILICATA

29/06/2022 - Domenico Acerenza: ''se è un sogno, non svegliatemi''
28/06/2022 - Volley Lagonegro: arriva alla corte di Barbiero Andrea Orlando Boscardini
28/06/2022 - A Venosa ottimi risultati per gli atleti senisesi nella gara di pesistica
28/06/2022 - A Viggiano il Trofeo delle Due Pinete

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI
1/12/2021 Ultimo lotto Bradanica, domani alle 11.30 l’apertura al traffico

Come annunciato nei giorni scorsi verrà aperto domani, 2 dicembre, l’ultimo lotto “La Martella” della strada Statale “Bradanica”.
L’apertura al traffico è in programma alle ore 11.30 al km 135 lato La Martella.
Sarà presente l’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità, Donatella Merra.

28/11/2021 Poste Italiane: estesi orari apertura di tre uffici postali lucani

Poste Italiane comunica che a partire lunedì 29 novembre, gli Uffici Postali di Matera 5, Melfi e Moliterno saranno interessati da un potenziamento degli orari di apertura al pubblico.
In particolare, gli uffici postali di Melfi e Moliterno (PZ) saranno aperti dal lunedì al venerdì, dalle ore 8:20 – 19:05, il sabato dalle ore 8:20 alle 12:35. Matera 5 osserverà l’orario di apertura su 6 giorni lavorativi. Lun/ven 08:20 – 13:45, sabato  08:20 – 12:45.
Questi interventi confermano la vicinanza di Poste Italiane al territorio e alle sue comunità e la volontà di continuare a garantire un sostegno concreto all’intero territorio nazionale. Anche durante la pandemia, infatti, Poste Italiane ha assicurato con continuità l’erogazione dei servizi essenziali per andare incontro alle esigenze della clientela, tutelando sempre la salute dei propri lavoratori e dei cittadini.
L’Azienda coglie l’occasione per rinnovare l’invito ai cittadini a recarsi negli Uffici Postali nel rispetto delle norme sanitarie e di distanziamento vigenti, utilizzando, quando possibile, gli oltre 8.000 ATM Postamat disponibili su tutto il territorio nazionale e i canali di accesso da remoto ai servizi come le App “Ufficio Postale”, “BancoPosta”, “Postepay” e il sito www.poste.it. 

15/11/2021 Obbligo di catene o pneumatici da neve

E’ stata emessa questa mattina e trasmessa alla Prefettura ed a tutte le Forze dell’ordine, l’ordinanza firmata dal Dirigente dell’Ufficio Viabilità e Trasporti della Provincia, l’ing. Antonio Mancusi, con la quale si fa obbligo:“A tutti i conducenti di veicoli a motore, che dal 01 Dicembre 2021 fino al 31 Marzo 2022 transitano sulla rete viaria di competenza di questa Provincia di Potenza, di essere muniti di pneumatici invernali (da neve) conformi alle disposizioni della direttiva comunitaria 92/33 CEE recepita dal Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti 30/03/1994 e s.m.i. o a quelle dei Regolamenti in materia, ovvero di avere a bordo catene o altri mezzi antisdrucciolevoli omologati ed idonei ad essere prontamente utilizzati, ove necessario, sui veicoli sopraindicati.

Tale obbligo ha validità, anche al di fuori del pericolo previsto in concomitanza al verificarsi di precipitazioni nevose o formazione di ghiaccio”.





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo