HOME Contatti Direttore WebTv News News Sport Cultura ed Eventi
 
Corigliano-Rossano, Acquapark: ‘In queste condizioni difficile ripartire’

15/05/2020

Pur avendo preservato, in tutto il periodo di quarantena, l’entusiasmo e la determinazione a riaprire ed a ripartire per la 26esima stagione, non appena ciò fosse stato consentito da normative nazionali (e che ci si augura fino all’ultimo possano essere specifiche per il settore), sulla base delle condizioni attuali e delle incertezze perduranti anche in questa fase 2, è difficilmente ipotizzabile l’apertura dell’Acquapark Odissea 2000.
È quanto fa sapere Milena Marino, direttrice di uno dei parchi acquatici più grandi ed amati d’Italia sottolineando che anche solo immaginare di rimettere in moto una infrastruttura complessa come questa, insieme al correlato sistema di risorse umane indispensabile ad avviare ed a guidare tutta la macchina per un periodo ancora più ridotto del solito, sarebbe un vero e proprio salto nel vuoto che – scandisce – non può essere scaricato soltanto sulle aziende e che comunque, pur volendo, non ci possiamo permettere.
Crisi di liquidità, stagionalità ridotta, costi fissi di gestione molto alti a cominciare da quelli per la manutenzione e per di più incrementati per garantire il rispetto di tutte le normative anti-Covid, previsione di una sensibile riduzione dei flussi di visitatori attesi.
Sono, queste – precisa la direttrice di Odissea 2000 – le principali evidenze ed i principali ostacoli che in queste settimane, nella cornice della gravissima crisi generale del turismo internazionale e nazionale con tutti gli indicatori a picco, vengono denunciati e ribaditi dall’intero settore nazionale dei parchi permanenti di divertimento e che rendono impraticabile, in assenza di adeguati ed urgenti finanziamenti a fondo perduto per affrontare l’imminente stagione estiva, la riapertura anche del nostro parco. Con tutte le conseguenze – aggiunge – di una ricaduta diretta su un indotto turistico e lavorativo complessivo che fra ricettività, ristorazione, bar, merchandising e manutenzioni fa registrare, attorno ad Odissea 2000, circa 400 mila visitatori a stagione, senza contare tutto l’indotto territoriale indirettamente orbitante, anzi tutto in termini di pernottamento collegato al parco. Stiamo parlando – prosegue – di centinaia di posti di lavoro in quest’area, per lo più tutti stagionali (così come accade in tutto il nostro comparto) e tutti a rischio nell’ipotesi, che purtroppo è dietro l’angolo, di una vera e propria paralisi economica legata ad un settore, quello dei parchi che su scala nazionale occupa direttamente oltre 25 mila persone, con 450 milioni di euro di fatturato annuale, ed oltre 1 miliardo di euro come indotto.
Ad aggravare quella che è una fotografia evidentemente drammatica dell’esistente si aggiunge la responsabilità civile e penale in capo al datore di lavoro introdotta dal Governo in caso di infezione da Coronavirus con, addirittura, la presunzione semplice per le attività lavorative che comportano il costante contatto con il pubblico/l’utenza. Una vera e propria spada di Damocle che, nel clima di incertezza nazionale al quale continuiamo ad assistere, ha tutto il sapore di un ulteriore scaricabarile, molto più pesante e grave degli altri a dire il vero. Nel condividere e rilanciare l’appello al Governo ed alle istituzioni competenti lanciato nei giorni scorsi da Giuseppe Ira, presidente dell’associazione Parchi Permanenti Italiani che ha denunciato, tra le altre cose, l’assenza di questo settore strategico dai radar dei nodi politici nazionali, la Marino conferma che sin dall’inizio dell’emergenza tutto il comparto è stato del tutto ignorato pur essendo nevralgico per l’indotto turistico; coglie inoltre l’occasione per ricordare che i parchi necessitano di un preavviso che va dai 40 ai 60 giorni per poter organizzare i lavori di riapertura su una stagione che per molti dura da giugno ai primi di settembre; ritorna sul rischio lavoro per la gran parte degli addetti stagionali per altro esclusi dalla cassa integrazione ed insiste, infine, sulla necessità di prevedere forme di finanziamento a fondo perduto, così come si sta sperimentando in altri Paesi in Europa, per consentire una riapertura a breve per l’estate che altrimenti è irrimediabilmente compromessa ed impossibile da tutti i punti di vista.

(Fonte: Acquapark Odissea 2000 – Comunicazione Istituzionale/Strategica – Lenin Montesanto Comunicazione & Lobbying)

 

 

ALTRE NEWS


Notizie dall'Italia e dall'Estero - Lasiritide OUT -
6/07/2022 - Operazioni New Generation. Riscatto 2: esecuzione di ordinanza custodia cautelare nei confronti di 29 persone

Questa mattina, nelle province di Reggio Calabria, Pavia, Udine, Terni e Catanzaro i Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno dato esecuzione a un’ordinanza di applicazione di misura cautelare emessa dall’ Ufficio del G.I.P. presso il Tribunale di Reggio ...-->continua

6/07/2022 - Corigliano Rossano, bracciante agricolo muore mentre lavora nei campi

Muore mentre lavora nei campi in località Thurio. Antonio Lombisani, 59 anni, bracciante agricolo, residente a Cantinella ha perso la vita nel primo pomeriggio di ieri, mentre lavorava sotto un sole cocente, a una temperatura di oltre i 42 gradi. La procura ap...-->continua

5/07/2022 - Incidente Eboli/Aversa: 5 sacerdoti in ospedale

Nel primo pomeriggio di oggi, si è verificato un incidente stradale lungo la Strada Aversana ad Eboli, dove una Fiat 500 L con a bordo cinque sacerdoti è finita fuori dalla carreggiata per evitare un tamponamento. Nell'incidente sono rimasti coinvolti anche un...-->continua

5/07/2022 - BISCEGLIE - “Dionisie Urbane 2022”: tutto pronto per il Festival dei Monologhi teatrali

Manca pochissimo alle “Dionisie Urbane 2022”, quarta edizione della finale interregionale Puglia e Molise del Festival del Monologo, format ideato dall’associazione di promozione sociale CompagniAurea, diretta da Francesco Sinigaglia, col patrocinio della Regi...-->continua

5/07/2022 - I Supereroi anti-spreco

In Italia nel 2022 è stato registrato uno spreco alimentare pari a 30,95 Kg di cibo a persona, un dato disarmante e in netta crescita, che non può essere più ignorato. Ogni giorno tantissimi prodotti alimentari vengono spr...-->continua

5/07/2022 - NAS Catanzaro: associazione a delinquere per furto e ricettazione di farmaci, eseguite 14 misure cautelari

Nella mattinata del 28 giugno 2022, i Carabinieri del NAS di Catanzaro, al termine di articolata attività di indagine, coordinata e diretta dalla Procura della Repubblica di Lamezia Terme, hanno dato esecuzione a 14 misure cautelari (10 arresti domiciliari, 1 ...-->continua

5/07/2022 - Abbanoa s.p.a. E Polizia di stato in campo contro il Cyber Crimine

La prevenzione ed il contrasto ai crimini informatici delle infrastrutture critiche al centro dell’accordo tra la Polizia Postale e delle Comunicazioni ed Abbanoa S.p.A.

Stamane, nella sede di Cagliari di Abbanoa S.p.A., il Presidente del Consiglio di...-->continua


CRONACA BASILICATA

6/07/2022 - Interdittive antimafia per due imprese del potentino
6/07/2022 - Il dono di un 19enne lucano deceduto: prelievo multiorgano al San Carlo
6/07/2022 - Covid19 Basilicata: altri 1106 nuovi positivi. Tasso di positività al 45%
6/07/2022 - Policoro: il sindaco Bianco presenta la sua Giunta

SPORT BASILICATA

6/07/2022 - Serie D, Lazic: ‘Non ci poniamo limiti, vogliamo dare fastidio a tutti. De Luca è il profilo perfetto per noi'
6/07/2022 - Serie D: il Francavilla riconferma Nicolao e De Marco
6/07/2022 - Volley A2. Lagonegro: conferma dell'iscrizione al prossimo campionato
6/07/2022 - Elettrico protagonista assoluto alla Maratona Dles Dolomites Enel

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI
1/12/2021 Ultimo lotto Bradanica, domani alle 11.30 l’apertura al traffico

Come annunciato nei giorni scorsi verrà aperto domani, 2 dicembre, l’ultimo lotto “La Martella” della strada Statale “Bradanica”.
L’apertura al traffico è in programma alle ore 11.30 al km 135 lato La Martella.
Sarà presente l’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità, Donatella Merra.

28/11/2021 Poste Italiane: estesi orari apertura di tre uffici postali lucani

Poste Italiane comunica che a partire lunedì 29 novembre, gli Uffici Postali di Matera 5, Melfi e Moliterno saranno interessati da un potenziamento degli orari di apertura al pubblico.
In particolare, gli uffici postali di Melfi e Moliterno (PZ) saranno aperti dal lunedì al venerdì, dalle ore 8:20 – 19:05, il sabato dalle ore 8:20 alle 12:35. Matera 5 osserverà l’orario di apertura su 6 giorni lavorativi. Lun/ven 08:20 – 13:45, sabato  08:20 – 12:45.
Questi interventi confermano la vicinanza di Poste Italiane al territorio e alle sue comunità e la volontà di continuare a garantire un sostegno concreto all’intero territorio nazionale. Anche durante la pandemia, infatti, Poste Italiane ha assicurato con continuità l’erogazione dei servizi essenziali per andare incontro alle esigenze della clientela, tutelando sempre la salute dei propri lavoratori e dei cittadini.
L’Azienda coglie l’occasione per rinnovare l’invito ai cittadini a recarsi negli Uffici Postali nel rispetto delle norme sanitarie e di distanziamento vigenti, utilizzando, quando possibile, gli oltre 8.000 ATM Postamat disponibili su tutto il territorio nazionale e i canali di accesso da remoto ai servizi come le App “Ufficio Postale”, “BancoPosta”, “Postepay” e il sito www.poste.it. 

15/11/2021 Obbligo di catene o pneumatici da neve

E’ stata emessa questa mattina e trasmessa alla Prefettura ed a tutte le Forze dell’ordine, l’ordinanza firmata dal Dirigente dell’Ufficio Viabilità e Trasporti della Provincia, l’ing. Antonio Mancusi, con la quale si fa obbligo:“A tutti i conducenti di veicoli a motore, che dal 01 Dicembre 2021 fino al 31 Marzo 2022 transitano sulla rete viaria di competenza di questa Provincia di Potenza, di essere muniti di pneumatici invernali (da neve) conformi alle disposizioni della direttiva comunitaria 92/33 CEE recepita dal Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti 30/03/1994 e s.m.i. o a quelle dei Regolamenti in materia, ovvero di avere a bordo catene o altri mezzi antisdrucciolevoli omologati ed idonei ad essere prontamente utilizzati, ove necessario, sui veicoli sopraindicati.

Tale obbligo ha validità, anche al di fuori del pericolo previsto in concomitanza al verificarsi di precipitazioni nevose o formazione di ghiaccio”.





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo