HOME Contatti Direttore WebTv News News Sport Cultura ed Eventi
 
''E' giunta l'ora della giustizia per i morti di amianto all' ITALSIDER- ILVA ''

12/06/2019

“Attendiamo da quasi 10 anni anni che ci sia un atto tangibile di giustizia per 'i morti di amianto'
all'ex ITALSIDER-ILVA di Taranto e ci auguriamo vivamente che questa sia la volta buona, con la
conferma in Cassazione delle condanne per gli ex dirigenti aziendali, imputati della morte per
mesotelioma di numerosi lavoratori!”: è quanto ha dichiarato Maura Crudeli, presidente nazionale
di AIEA, Associazione Italiana Esposti Amianto, parte civile nella lunga e dolorosa vicenda
processuale il cui ultimo atto, è previsto giovedì 13 giugno presso la Suprema Corte di Cassazione,
IV Sezione Penale (piano 2).
Un atto che arriva a due anni esatti dalla sentenza del 23 giugno 2017 della Corte d'Appello di
Lecce, Sezione Distaccata di Taranto: furono tre gli ex dirigenti dello stabilimento ex ITALSIDERILVA
di Taranto condannati con l'accusa di omicidio colposo e di omissione dolosa di cautele, ma
che adesso sono rimasti in due, in seguito del decesso di Giambattista Spallanzani, condannato in
appello a 2 anni e 8 mesi (9 anni in primo grado). Rimangono quindi Sergio Noce, condannato a 2
anni e 4 mesi (9 anni e 6 mesi in primo grado) e Attilio Angelini a 2 anni (9 anni e 2 mesi), mentre
Fabio Riva, ex vicepresidente di Riva Fire, e Luigi Capogrosso erano stati precedentemente assolti
dalla Corte d'Appello.
Preoccupazione ampiamente giustificata perchè quella di giovedì 13 giugno è infatti la seconda
convocazione del processo in Cassazione, dopo il rinvio improvviso del febbraio scorso per
“omessa notifica agli imputati non ricorrenti”. L'AIEA sarà presente con il proprio avvocato,
Stefano Palmisano, del foro di Brindisi e con i rappresentanti di Medicina Democratica e del CNA,
Coordinamento Nazionale Amianto, con cui condivide innumerevoli battaglie da un capo all'altro
della Penisola, isole comprese. Sono 11 i lavoratori deceduti per mesotelioma pleurico per i quali si
attende giustizia: Simonelli Domenico, Tillilli Antonio, De Carlo Paolo, De Marco Dalmasso,
Carrieri Marcello, Cito Sante, Russo Angelo, Mariano Vittorio, Casamassima Giuseppe, Lanzo
Antonio, Pisoni Arcangelo.
" Si tratta di una questione fondamentale di principi- ha detto Maura Crudeli- nonostante l'esiguità
della pena, la sentenza della Corte d'Appello di Taranto del 2017 ha riconosciuto il nesso di
causalità fra l'esposizione all'amianto e il mesotelioma e quindi il nesso fra l'amianto e la
morte della gran parte degli operai per mesotelioma e patologie asbesto correlate. E' questa la nostra
battaglia: il riconoscimento penale delle responsabilità, contro tutti i tentativi in atto per arrivare
sostanzialmente ad un nulla di fatto, fra prescrizioni, lungaggini burocratiche infinite e cavilli
giuridici!" Una battaglia di principio che si inscrive in uno scenario drammatico, la cui evidenza è
quotidianamente sotto gli occhi di tutti: Taranto è la provincia con il più alto numero di morti per
malattie professionali, con un aumento preoccupante di patologie tumorali anche fra i giovani e
dove è stato davvero vano il sacrficio dei troppi morti per i lavoro, passati e presenti vista
l'ennesima crisi all'ILVA con i 1.400 operai messi improvvisamente in cassa integrazione.
Questa che arriva in Cassazione a Roma, è infatti vicenda processuale, complessa e dolorosa come
troppe ormai in Italia, cominciata nel 2012 al Tribunale di Taranto: erano 31 in tutto gli operai
dell'ITALSIDER-lLVA di Taranto morti per mesotelioma pleurico ed altre patologie asbesto
correlate, per cui furono 27 gli ex dirigenti dello stabilimento ITALSIDER-ILVA di Taranto,
imputati a vario titolo per la loro morte. E questo è quanto è accaduto: nel processo di 1°grado
furono condannati per complessivi 189 anni di reclusione, ma nel processo del giugno 2017 presso
la Corte di Appello di Lecce, Sezione distaccata di Taranto, furono tutti assolti, tranne tre: una
sentenza clamorosa, che ribaltò in buona parte la sentenza di condanna a varie pene emessa dal
Tribunale di Taranto nel maggio 2014.
Di fatto la Corte d'Appello dichiarò l’estinzione del reato di "omissione dolosa di cautele
antinfortunistiche per intervenuta prescrizione" già alla data del primo processo.
Una storia che si ripete troppo spesso, quella del tentativo di "negazionismo", di "abolizionismo"
rispetto alle patologie causate dall'amianto. La solita ennesima "beffa" per chi è morto per il lavoro
e non potrà mai più difendersi contro chi ne ha provocato la morte e contro i meccanismi "perversi"
di una "giustizia, ballerina", che a volte condanna e a volte assolve, e dove tempi elefantiaci e
meandri burocratici vincono troppo spesso sui diritti fondamentali delle persone.

 

 

ALTRE NEWS


Notizie dall'Italia e dall'Estero - Lasiritide OUT -
20/09/2019 - Paternopoli (AV), Identificato autore di un furto ai danni di un ristorante

I Carabinieri della Stazione di Paternopoli hanno denunciato in stato di libertà un giovane del posto, ritenuto responsabile del reato di “Furto aggravato”.
I fatti risalgono alla notte di domenica scorsa: ignoti, dopo aver forzato una finestra di un bar/ristorante di Pa...-->continua

20/09/2019 - Clima: 'sciopero globale' iniziato, migliaia in piazza

Migliaia di studenti sono scesi in strada in Australia, Thailandia, Indonesia ed India, dando inizio allo 'sciopero globale', in vista del summit Onu sul clima, in programma da lunedì a New York.
Manifestazioni e cortei sono in programma a breve in Giappo...-->continua

20/09/2019 - Rifiuti: sequestrato dal NOE impianto di trattamento nell'avellinese. 2 denunce

E’ continuata senza soste, anche nel corso dell’estate, l’azione di controllo dei Carabinieri del Comando Tutela Ambientale per contrastare il fenomeno delle violazioni in materia ambientale presso i principali impianti di trattamento di rifiuti della Provinci...-->continua

20/09/2019 - Asini incatenati e maltrattati a Martina Franca, una denuncia

Due asini che avevano le zampe anteriori e posteriori legate con catene collegate al capo e che avevano lacerato gli arti e la testa provocando agli animali profonde ferite infette ed infestate da parassiti sono stati trovati dai carabinieri in un'azienda agri...-->continua

20/09/2019 - Migranti, fermati due presunti scafisti

Due uomini di nazionalità ucraina, C.V., di 39 anni, e S.O., di 31, sono stati fermati dalla Polizia di Stato a Siderno perché ritenuti i presunti scafisti dello sbarco di 74 migranti avvenuto sabato scorso a Roccella Jonica. L'accusa formulata nei loro confro...-->continua

20/09/2019 - Cinema Accessibile a Cleto (Cs)

Dopo il successo della rassegna cinematografica estiva “Cleto sotto le stelle” riprende l’attività della Pro Loco e la direzione artistica di Riccardo Cristiano Presidente di Liberi.tv patrocinata dal Comune di Cleto. Questa volta sarà “Cinema per tutti” cinef...-->continua

19/09/2019 - Geologi: a Roma convegno ''Amianto: gestione del sistema e tutela della salute''

Il Consiglio Nazionale dei Geologi e la Società Italiana di Medicina Ambientale organizzano a Roma, il 23 settembre 2019 dalle ore 09:00 alle 17:30 il Convegno Nazionale “Amianto: gestione del sistema e tutela della salute” presso il CNR di Roma. Scienziati ed...-->continua


CRONACA BASILICATA

21/09/2019 - Craco: mezzo pesante fuori strada
21/09/2019 - Gioco d'azzardo: quanti milioni di euro bruciati in Basilicata
21/09/2019 - Oppido, 37enne denunciato:chiedeva offerte per bambini malati ma era una truffa
21/09/2019 - Impianto Syndial-Eni: la Soprintendenza dice no

SPORT BASILICATA

21/09/2019 - Serie D/H: il Francavilla va ad Altamura in cerca della prima vittoria
20/09/2019 - Elettra Marconia, contro il Paternicum è un esame di maturità
19/09/2019 - La PM VOLLEY ASD si presenta alla stampa e tifosi
19/09/2019 - Rinascita Lagonegro,allenamento congiunto con Corigliano

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI
21/09/2019 Comunicazione di sospensione idrica oggi in Basilicata

Nova Siri: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in via Bollita, via Buonarroti e via da Vinci resterà sospesa fino al termine dei lavori di riparazione.
Policoro: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in via Lido sarà sospesa dalle ore 18:00 di oggi fino al termine dei lavori di riparazione.

19/09/2019 Comunicazione sospensione idrica oggi 19 set. in Basilicata

Tramutola: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica resterà sospesa fino al termine dei lavori, nelle seguenti contrade: Tempa di Caolo, San Francesco, Pietra Grattata, Sacramento, Castiglione e zone limitrofe.

18/09/2019 Comunicazione di sospensione idrica oggi in Basilicata

Potenza: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in contrada Pian di Zucchero e nelle zone limitrofe sarà sospesa dalle ore 14:00 alle ore 16:00 di oggi, salvo imprevisti.

Rapone: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica nella parte alta dell'abitato potrebbe subire cali di pressione o essere sospesa fino al termine dei lavori di riparazione.





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo