HOME Contatti Direttore WebTv News News Sport Cultura ed Eventi
 
FAI TOUR,viaggio con la Delegazione FAI Teramo

8/09/2018

Il trabucco o trabocco (nelle varianti abruzzesi e molisane detto anche trabocco, bilancia o travocco)
è un'antica macchina da pesca tipica delle coste garganiche, molisane e abruzzesi, tutelata come
patrimonio monumentale dal Parco Nazionale del Gargano e diffusa nel basso Adriatico.
Il trabocco è un'imponente costruzione realizzata in legno strutturale che consta di una piattaforma
protesa sul mare ancorata alla roccia, dalla quale si allungano, sospesi a qualche metro dall'acqua, due
(o più) lunghi bracci, detti antenne, che sostengono un'enorme rete a maglie strette detta trabocchetto.
La tipologia originale abruzzese, tecnicamente detta bilancia, insiste spesso su litorali meno profondi e
si caratterizza pertanto per la presenza di una piattaforma in posizione trasversale rispetto alla costa,
alla quale è collegata da un ponticello costituito da pedane di legno, inoltre le bilance hanno un solo
argano, azionato elettricamente spesso,
Secondo alcuni storici pugliesi, il trabucco sarebbe un'invenzione importata dai Fenici. La più antica
data di esistenza documentata risale al XVIII secolo, periodo in cui i pescatori dell'Abruzzo dovettero
ingegnarsi per ideare una tecnica di pesca che non fosse soggetta alle condizioni meteomarine della
zona. I trabocchi, infatti, permettono di pescare senza doversi inoltrare per mare: sfruttando la
morfologia rocciosa di alcune zone pescose della costa, venivano costruiti nel punto più prominente di
punte e promontori, gettando le reti verso il largo attraverso un sistema di monumentali bracci lignei.
I primi trabocchi abruzzesi attuali della costa teatina furono costruiti da famiglie ebree intorno alla fine
del XVIII secolo. Nel 1889 Gabriele D'Annunzio affittò una villa presso San Vito Chietino, rimanendo
colpito dai trabocchi, in particolare dal trabocco Turchino, che descrisse nel romanzo Il trionfo della
morte (1894).
Il trabucco è tradizionalmente costruito col legno di pino d'Aleppo, il pino comune in tutto il medio
Adriatico; questo perché è un materiale pressoché inesauribile, data la diffusione nella zona,
modellabile, resistente alla salsedine ed elastico (il trabocco deve resistere alle forti raffiche
di Maestrale che battono il basso Adriatico). Alcuni trabocchi sono stati ricostruiti negli ultimi anni,
grazie anche a finanziamenti pubblici,ma hanno perso da tempo la loro funzione economica che nei
secoli scorsi ne faceva principale fonte di sostentamento di intere famiglie di pescatori, acquistando in
compenso il ruolo di simboli culturali e di attrattiva turistica. Alcuni trabocchi sono stati convertiti in
ristoranti.
La tecnica di pesca, peraltro efficacissima, è a vista. Consiste nell'intercettare, con le grandi reti a trama
fitta, i flussi di pesci che si spostano lungo gli anfratti della costa. I trabocchi sono posizionati là dove il
mare presenta una profondità adeguata (almeno 6m), ed eretti a ridosso di punte rocciose orientate in
genere verso SE o NO, in modo da poter sfruttare favorevolmente le correnti.
Il Trabocco Turchino
Diffusissimi lungo tutta la costa della Provincia di Chieti cui sono originari, i trabocchi sono così
frequenti che danno vita alla cosiddetta Costa dei Trabocchi, che si estende precisamente
da Ortona a Vasto. Il punto focale della costa sono il centro di Fossacesia e San Vito Chietino.
L'Eremo dannunziano (chiamato anche eremo di San Vito) è un casolare (adibito ad eremo) costruito
su un promontorio localizzato nella contrada delle Portelle a San Vito Chietino, dove nell’estate del
1889 risiedette Gabriele d’Annunzio.
La zona, nonché il promontorio stesso e il litorale sottostante, è chiamata promontorio dannunziano. A
poca distanza vi è il Trabocco Turchino e l'omonima spiaggia.
In questa residenza il poeta pescarese soggiornò dal 23 luglio al 22 settembre 1889 insieme alla sua
amante Barbara Leoni (soprannominata la “bella romana”), qui trovò ispirazione e ambientazione per
il Trionfo della Morte, ultimo della cosiddetta trilogia dei Romanzi della Rosa dopo Il
piacere e L'innocente. Nel testo è ai piedi del promontorio che i protagonisti del romanzo perdono la
vita. La residenza è oggi di proprietà privata.
L'abbazia di San Giovanni in Venere si trova nel comune di Fossacesia. Il complesso monastico di
San Giovanni in Venere è composto da una basilica e dal vicino monastero, entrambi costruiti all'inizio
del XIII secolo in luogo del piccolo monastero preesistente . La posizione è, molto panoramica su di
una collina che domina la costa vicina per diversi chilometri verso nord e verso sud. Dal dicembre 2014
il sito è in gestione al Polo museale dell'Abruzzo.
La chiesa presenta la struttura classica delle basiliche di stile cistercense, con tre navate separate da
archi ogivali e soffitto di legno. La facciata principale presenta il portale della Luna, tutto in marmo,
decorato con altorilievi e con materiali antichi di recupero. Sul lato sud si trovano il portale delle Donne
(ingresso laterale, è quello comunemente usato), anch'esso adorno di decorazioni marmoree, ed il
campanile mozzato, le cui feritoie tradiscono l'uso di torre difensiva che ne fu fatto. Opposte alla
facciata principale, si trovano tre absidi, la cui decorazione ad archi e bifore rivela un certo gusto
arabeggiante.
Sotto l'altare maggiore si trova la cripta, in cui fanno bella mostra di sé delle colonne di epoca romana.
Le absidi sono decorate da affreschi del Duecento. Sotto l'ingresso principale è un altro locale, ricavato
nel Duecento dai resti dell'abside dell'antica chiesa paleocristiana.
Del monastero originario rimangono tracce nell'area dell'attuale convento (sul versante orientale, vicino
al campanile interno): era una struttura a rettangolo allungato, su quattro livelli, con accesso
sopraelevato, rifatta e restaurata in età rinascimentale. All'abate Oderisio II si deve
il chiostro duecentesco che si svolgeva su tre lati (in gran parte ricostruito nella prima metà
del Novecento) con trifore con colonnelle in marmo ed abaco a stampella. Sui tre lati si sviluppava il
complesso abitativo e produttivo benedettino del XIII secolo, di cui rimane visibile l'attuale area
conventuale e parte del settore settentrionale basso (più vicino all'ingresso alla chiesa), caratterizzata
da strette feritoie (arciere).
Il riferimento a Venere deriva da una tradizione che individua un tempio pagano sul luogo dell'attuale
chiesa (un tempio, secondo alcuni, costruito nell'80 a.C. e dedicato a Venere Conciliatrice). L'unica
traccia di questo tempio sarebbe rimasta nel toponimo Portus Veneris, che designava un approdo
posto alla foce del fiume Sangro in epoca bizantina (ricordiamo che i Bizantini controllarono le zone
costiere del meridione fino all'XI secolo, quando furono definitivamente cacciati dai Normanni)
Un secondo riferimento a Venere è dato dal fatto che sotto l'Abbazia è ubicata la cosiddetta fonte di
Venere, fontana romana dove secondo una tradizione paganeggiante sussistente fino alla metà del
Novecento, le donne che desideravano concepire un figlio si recavano ad attingere l'acqua sgorgante
dalla stessa.
Sempre secondo la tradizione, il primo nucleo del monastero andrebbe ricercato in un cellario (piccolo
ricovero) per frati benedettini, dotato di una cappella, fatto edificare da un certo frate Martino nel 540.
Questi avrebbe fatto demolire il tempio pagano, ormai abbandonato, per costruirvi il cellario. Il primo
documento storico che parla di Sancti Johannes in foce de fluvio Sangro è, però, solo dell'829; tuttavia,
recenti scavi(1998) hanno riportato alla luce i resti di un edificio di culto paleocristiano ed alcune
sepolture databili al VI-VII secolo. Inoltre nei mesi tra dicembre 2006 e febbraio 2007 ulteriori
ritrovamenti archeologici dovuti alla pavimentazione della piazza antistante l'abbazia hanno riportato
alla luce una necropoli italica risalente al V secolo a.C.
Intorno all'anno Mille è documentata la prima espansione del monastero: i Conti di Chieti Trasmondo I e
Trasmondo II fecero ampliare il cellario, trasformandolo in un'abbazia cassinese, e donarono agli abati
vasti terreni e diritti di pedaggio sul vicino Portus Veneris. Nel 1047 all'Abbazia fu concessa la
protezione imperiale. Intorno al 1060 l'abate Oderisio I, temendo l'avanzata dei Normanni verso la
Contea di Chieti, fece fortificare il monastero sul lato occidentale, come ancora nel XVIII secolo
testimoniava un'epigrafe contemporanea all'opera, e fondò il castrum di Rocca San Giovanni; in
occasione di questa fortificazione, l'antica fonte romana venne inserita all'interno del circuito murario
del Monastero, sottraendola di fatto all'uso dei coloni laici circostanti e rendendola esclusivo
appannaggio dei monaci.
Nel XII secolo l'abbazia raggiunse il culmine del suo splendore. Nel 1165, l'abate Oderisio II di
Collepietro - Pagliara diede il via ai lavori per la costruzione della nuova chiesa e di un monastero molto
più grande. Se la chiesa è quella che vediamo ancora oggi (benché spogliata di tele e sculture), il
monastero attuale è solo una piccola parte di quello che doveva essere intorno al 1200. Pare che
ospitasse stabilmente dagli 80 ai 120 monaci benedettini, in una struttura dotata di aule studio,
laboratori, una grande biblioteca ed un ricco archivio ,locali per gli amanuensi, due chiostri, un forno, un
ambulatorio, delle stalle, un ricovero per i pellegrini ed altro ancora..
Nel XII secolo, nell'Abbazia si ritirò Berardo da Pagliara, uomo di origini teramane e molto noto per la
sua umiltà e la dedizione assoluta alla preghiera. Dopo la morte del vescovo Uberto, nel 1116 Berardo
venne letteralmente preso dai suoi concittadini e ricondotto, con mille preghiere, a Teramo. Ne
divenne vescovo. Dopo la sua morte (1122), Berardo fu proclamato santo e da allora egli è il patrono di
Teramo.Dal punto di vista politico, in quegli anni l'abate di San Giovanni era il più
grande feudatario ecclesiastico del Regno di Sicilia.
Nel Trecento cominciò il declino dell'abbazia, non riuscì più a pagare le imposte alla Curia romana e
per questo, dal 1394, fu soggetta ad abati commendatari, cioè nominati dal Papa anziché eletti
dal Capitolo dell'abbazia.
Nel 1585, Papa Sisto V concesse in perpetuo l'abbazia e quanto rimaneva del suo feudo
alla Congregazione dell'Oratorio di San Filippo Neri. Nel 1626, i Filippini concessero la giurisdizione
religiosa dell'abbazia e dei paesi che da essa dipendevano all'Arcivescovo di Chieti. Nel 1871, infine, il
neonato Regno d'Italia confiscò il monastero ed i suoi beni alla Congregazione. Nel 1881 l'Abbazia fu
dichiarata monumento nazionale ed assegnata in custodia agli stessi Filippini.
I decenni che seguono ne segnarono il progressivo degrado, causato dalla scarsa manutenzione, da
alcuni terremoti e, infine, dai bombardamenti della seconda guerra mondiale.
Dagli anni cinquanta in poi, una lunga serie di restauri ci ha restituito in buone condizioni la chiesa e ciò
che rimane del monastero.

IL Programma
Domenica 30 Settembre 2018
Partenza :h. 7,45 da Piazza Garibaldi || h. 8,00 sosta a piazzale San Francesco
h. 10.00 Arrivo a Fossacesia e visita all'Abbazia di San Giovanni
in Venere.
h. 11,30 Visita al trabocco didattico di Punta Tufano di Rinaldo Verì a Rocca
San Giovanni , dimostrazione di pesca e aperitivo con degustazioni
di oli locali e marmellate agli agrumi.
h. 13.00| 15.00 Pausa pranzo . Possibilità di prenotare direttamente il pranzo
h. 15.00 |16.30 Partenza per San Vito Chietino. Visita al promontorio dannunziano
con affaccio sul Trabocco Turchino e visita all’Eremo dannunziano
h. 16,30|17.30 Visita al belvedere "Guglielmo Marconi" di San Vito
Chietino.
ore 17,30 partenza per Teramo. Arrivo previsto h. 19.30
Durante il percorso saremo assistiti dalla guida turistica Gabriella Carlini.

Quota individuale di partecipazione (iscrizioni entro lunedì 17 settembre ) :
€ 30; iscritti FAI € 25 ; volontari € 23

La quota comprende: Trasporto in pulman, guida, aperitivo sul trabocco
La Quota NON comprende il pranzo che è possibile prenotare
DIRETTAMENTE : Osteria Baracconda , presso il trabocco di Punta
Tufano, contrada Vallevò, cell. 333 4436 831 sig. Rinaldo
Iscrizioni alla gita entro lunedì 17 settembre presso:
Sede FAI Teramo: via Delfico 73, 2° piano - Teramo.
La sede è aperta al pubblico nei giorni:
martedì e giovedì h. 9.30 - 12.30, venerdì h. 15.30 - 18.30

Per informazioni:
MAIL teramo@delegazionefai.fondoambiente.it;
Cell.349 123 8617, Maria Pia Gramenzi


 

 

ALTRE NEWS


Notizie dall'Italia e dall'Estero - Lasiritide OUT -
21/02/2020 - Orsomarso, scuolabus fuori strada: autista ferito, illesi 4 ragazzini

Paura ieri ad Orsomarso, in provincia di Cosenza ed in pieno Parco Nazionale del Pollino, dove uno scuolabus, per cause in fase di accertamento, è finito fuori strada ed ha terminato la sua corsa in mezzo ai rovi.
In quel momento, sul mezzo si trovavano quattro ragazzini...-->continua

21/02/2020 - Rende: seuqestri a una Fondazione. Denunicate 11 persone

I finanzieri del Comando Provinciale di Bologna hanno dato esecuzione ad un provvedimento di sequestro emesso dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bologna, Dott.sa Roberta Dioguardi, dell’intero patrimonio mobiliare ed immobiliare della “Fo...-->continua

20/02/2020 - Sequestrati oltre 5 milioni di maschere, trucchi e decorazioni non sicuri

Avrebbero allietato le feste di Carnevale di bambini e adulti mettendone a repentaglio salute e sicurezza i 5,2 milioni di articoli – tra addobbi, decorazioni a tema, trucchi, costumi e maschere per il travestimento - sequestrati nella Capitale e nell’hinterla...-->continua

20/02/2020 - Operazione Oil Flood: sequestrati 55 milioni di euro per frode fiscale

Ieri mattina i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Pistoia hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo finalizzato alla confisca, emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Pistoia, Dott.ssa Patrizi...-->continua

18/02/2020 - Operazione Evasione continua, mezzo miliardo di euro di false operazioni

La Guardia di Finanza di Brescia - con il coordinamento della locale Procura della Repubblica e con il supporto del Servizio Centrale Investigativo Criminalità Organizzata (SCICO) di Roma - ha individuato, presso uno studio commercialista bresciano, una vera e...-->continua

18/02/2020 - Sequestrata discarica abusiva: tonnellate di rifiuti e cartelle sanitarie

Nell’ambito del piano di controllo del territorio finalizzato a prevenire e reprimere traffici illeciti - coordinato dal I Gruppo della Guardia di Finanza di Bari - i militari della dipendente Compagnia di Monopoli hanno concluso un’operazione di servizio a co...-->continua

18/02/2020 - Cosenza: condanne pesanti per provocato aborto per incassare assicurazione

La Corte d’Assise di Cosenza ha emesso condanne pesanti a carico di quattro persone, riconosciute colpevoli di omicidio volontario e premeditato, per avere provocato in concorso l’aborto di Stefania Russo, al sesto mese di gravidanza, simulando un incidente st...-->continua


CRONACA BASILICATA

22/02/2020 - Coronavirus, task force: nessun contagio per lucani provenienti da Codogno
22/02/2020 - Scanzano: il 24 febbraio Commissione Antimafia in missione in Basilicata
22/02/2020 - Carabinieri: sorpreso alla guida di un’auto rubata. Sottoposto a fermo
22/02/2020 - Geologi Basilicata: attive il 40% delle 10.000 frane censite sul territorio

SPORT BASILICATA

22/02/2020 - Serie D/H: il Francavilla espugna Agropoli e torna in zona play-out
21/02/2020 - Serie D/H: il Francavilla anticipa sul campo del fanalino di coda Agropoli
21/02/2020 - Volley, Serie D: La Sassi Volley Academy Matera ospita la PM Potenza
21/02/2020 - Bocce: il “Trofeo Sarachella" apre il Sessantennale de “La Potentina”

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI
21/02/2020 Sospensioni idriche

TURSI Viale Sant'Anna, Via Cristiano, Via del Gelseto e zone limitrofe: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 09:00 di oggi fino al termine dei lavori.

Montemurro: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 19:00 di oggi alle ore 07:00 di domani mattina salvo imprevisti. MONTEMURRO: Contrade: Santissimo, Migliarino, Cifalupo, Madonna delle grazie, Castelluccio, Le Piane, Buttacarro, Romantica e zone limitrofe.

Lavello, Venosa, Montemilone, Genzano di Lucania, Banzi, Palazzo San Gervasio: per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 16:00 del giorno 25-02-2020 alle ore 08:00 del giorno 26-02-2020 salvo imprevisti. LAVELLO: contrade Finocchiaro, Santa Lucia e zone limitrofe; VENOSA: contrade Rendina, Inviso, Boreano, Sant’Angelo, Grotta Piana e zone limitrofe MONTEMILONE: contrada Macinali, Spina Amara e zone limitrofe GENZANO DI LUCANIA: contrade Basentello, Masseria Mastronicola, Spada, Monte Pote e Terre D’Apulia, Li Cugni, Cerreto e zone limitrofe BANZI: contrade Mattina Grande, Masseria dell’Agli, Silos Mancusi, Parco Cassano, Carrera della Regina e zone limitrofe PALAZZO SAN GERVASIO: contrada Piani, Terzo di Capo, e zone limitrofe.

Sant'Angelo Le Fratte: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 18:30 di oggi alle ore 06:30 di domani mattina salvo imprevisti. SANT'ANGELO LE FRATTE: intero abitato

20/02/2020 Sospensioni idriche

ROTONDELLA Contrada Trisaia-Rotondella 2 e zone limitrofe: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 09:30 di oggi fino al termine dei lavori.

Filiano: per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 13:30 di oggi fino al termine dei lavori. FILIANO: Corso Giovanni XXIII °.

19/02/2020 Sospensione idrica a Maratea

Maratea: per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 21:00 di oggi alle ore 06:00 di domani mattina salvo imprevisti. MARATEA: Loc. Massa via Prato e via Pizarrone





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo