HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Allarme automotive, i sindacati chiedono alle istituzioni massima attenzione

23/05/2020

Con il passare dei giorni diventa sempre più evidente che l’impatto dell’emergenza COVID-19 sulla filiera della metalmeccanica potrebbe far sentire in maniera pesante i suoi effetti negativi al punto da compromettere un settore nevralgico dell’economia del Paese che occupa 1.6 milioni di addetti.
A Melfi e in Basilicata questa criticità è sempre più evidente e gli strumenti messi in campo, ad oggi, dal Governo risultano essere ancora insufficienti per arginare il contraccolpo causato dal COVID-19.
La crisi che stiamo attraversando è molto più grave di quella affrontata negli anni 2008–2012 con le OO.SS. Fim-Cisl, Uil-Uilm, Fismic, Ugl e Aqcf, impegnate , con grande senso di responsabilità, alla tenuta del tessuto industriale regionale preservando i livelli occupazionali e le professionalità esistenti.
Nell’Automotive, unitamente ad investimenti a all’innovazione, occorre celermente avere nuovi ammortizzatori sociali che consentano alle aziende e ai lavoratori di superare questo periodo di forte crisi generata dall’emergenza epidemiologica.
E’ un percorso che le aziende dovranno affrontare con il supporto di Confindustria Basilicata così come si è verificato negli anni passati.
Il mercato 2020, dalle prime stime, registrerà drastici cali: per le sole autovetture si parla di circa 500.000 immatricolazioni in meno rispetto al 2019. Un colpo pesante per tutta la filiera dell’auto in Basilicata che rappresenta circa 15mila occupati con il Pil prodotto che incide moltissimo nell’economia regionale.
Esortiamo tutte le istituzioni, a partire dal Governo, a trovare strumenti che garantiscano gli ammortizzatori sociali in modo da traghettare la risalita produttiva e superare l’emergenza prevedendo, fra gli altri interventi, anche il sostegno al mercato attraverso incentivi per la rottamazione e l'acquisto di auto eco- compatibili adottando un’imponente politica di incentivazione che consenta al comparto dell'automotive il rilancio della produzione e del mercato in modo da essere, ancora una volta, da traino per la ripresa dell'intero sistema economico.
Ieri, intanto, i lavoratori sono ritornati nello stabilimento Fca di San Nicola di Melfi. Dalle prime segnalazioni sembrano non registrarsi criticità, in termini di sicurezza, sia all’interno della fabbrica sia nel trasporto pubblico che interessa l’area industriale.
Le organizzazioni sindacali, tuttavia, rimarranno vigili sul rispetto delle misure anti Covid-19 e non esiteranno, unitamente alle RSA e RLS, a segnalare eventuali criticità che si dovessero manifestare nei prossimi giorni e a lavorare per la loro soluzione.


FIM UILM FISMIC UGL AQCF
G.Evangelista M.Lomio P.Capocasale G.Palumbo R.Annale



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
9/07/2020 - Cicala e Aliandro: ''Attivare subito tavolo trasparenza petrolio''

“Durante l’incontro sul tema del lavoro legato alle attività estrattive in Val d’Agri, organizzato dai sindaci del comprensorio valdagrino, insieme all’altro consigliere dell’area, Nario Aliandro, abbiamo preso l’impegno di far attivare quanto prima il tavolo della trasparen...-->continua

9/07/2020 - Consigliere comunale Alba: Approvare il regolamento urbanistico è un’occasione di rilancio per la città

“Sarebbe davvero un peccato ed un errore non approvare in via definitiva il Regolamento Urbanistico della città di Matera”. E’ quanto dichiara il Consigliere comunale del Gruppo Matera Cultura Carmine Alba, che invita sindaco e colleghi consiglieri a non sprec...-->continua

9/07/2020 - On. Gianluca Rospi (Popolo Protagonista): “Troppi furti in pochi giorni nelle attività commerciali di Matera

Ho chiesto a più riprese, visto il ripetersi di atti criminosi, l’istituzione di una sezione della Direzione Investigativa Antimafia nel metapontino, fondamentale per la sua posizione baricentrica e strategica, in quanto coprirebbe tutto l’arco dell’alto ionio...-->continua

9/07/2020 - Uil: nelle tasche dei lavoratori lucani in cig mancano oltre 38 milioni di euro

38 milioni 318 mila euro: è quanto manca nelle tasche dei lavoratori dipendenti lucani, al netto dell’IRPEF nazionale e delle addizionali regionali e comunali che, a causa del COVID – 19, sono stati posti in cassa integrazione nei mesi di aprile e maggio (14,9...-->continua

9/07/2020 - Indotto Eni , vertenza lavoratori Nico: ‘’una piccola buona notizia’’

Questa mattina la Nico spa, azienda operante all’interno dell’indotto Eni di Viggiano, ci ha comunicato, in merito al mancato rinnovo dei contratti di lavoro, che, nonostante tutte le difficoltà emerse in queste settimane nei tavoli aziendali e regionali, i co...-->continua

9/07/2020 - Venosa: ripresi i lavori la realizzazione di un impianto di compostaggio della frazione umida dei rifiuti

Il dopo Covid19 della Provincia di Potenza, è segnato dall’avvìo di una intensa attività nel settore dei Lavori Pubblici.
Da quelli relativi alla rete stradale, a quella dell’edilizia scolastica, a quella dei servizi ambientali.
Sono infatti ripresi...-->continua

9/07/2020 - Pacchetto turismo: 1.604 istanze presentate, 784 già in liquidazione

Cupparo sottolinea “la tempestività del lavoro svolto dagli uffici dipartimentali con l’obiettivo di garantire liquidità ai titolari di impresa, duramente colpiti dagli effetti della pandemia, che stanno affrontando la stagione turistica 2020”
Sono stati ...-->continua









WEB TV



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo