HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Potenza candidata a "Città italiana dei giovani 2024"

10/12/2023



La città di Potenza ha presentato la candidatura a 'Città italiana dei giovani 2024': è quanto ufficializzato ai giornalisti oggi, in un incontro al quale hanno partecipato con il sindaco Mario Guarente, e gli assessori alle politiche sociali, Fernando Picerno, e a quelle giovanili, Vittoria Rotunno, anche il coordinatore, Antonio Candela, e i presidenti dell'Associazione Extra - Ex studenti dell'Università della Basilicata, del Forum comunale dei giovani e della Consulta degli studenti della provincia di Potenza.


Di seguito il comiunicato
“La nostra candidatura riflette un coinvolgimento giovanile senza precedenti nella città, inizialmente guidato dall’Associazione Ex studenti dell’Università degli Studi della Basilicata. La sinergia inclusiva ha coinvolto i giovani in ogni fase, dall’ideazione del logo alle riunioni del comitato promotore, aprendo al Forum giovanile, alle consulte studentesche e alle organizzazioni che lavorano con i giovani. Un risultato tangibile di questa sinergia è rappresentato da proposte concrete e sostenibili, emerse da oltre 500 giovani della città e della comunità regionale”. Questo quanto dichiarato dall’assessore alle Politiche giovanili Vittoria Rotunno nel corso della conferenza stampa svoltasi nella Sala dell’Arco del Palazzo di Città, per presentare la candidatura di Potenza a ‘Città italiana dei Giovani 2024’. All’incontro con i giornalisti presenti inoltre il sindaco Mario Guarente, l’assessore alle Politiche Sociali Fernando Picerno, il Coordinatore della Candidatura, Antonio Candela insieme ad alcuni membri del coordinamento: Giovanni Albini, Raffaele Vitulli (da remoto) Teresa Grassi, Arianna Di Pietro e il presidente dell’Associazione Extra – Ex studenti dell’Università della Basilicata Michele Cingolani, il presidente del Forum Comunale dei giovani Fabrizio Manna, il presidente della Consulta degli studenti della provincia di Potenza Simone Carcuro. “Questi ragazzi hanno contribuito attivamente alla costruzione del dossier di candidatura, conferendo un ampio e diversificato spettro di voci e prospettive. ispirata dall’Anno Europeo delle Competenze, l’Amministrazione cerca soluzioni per coinvolgere i giovani a Potenza e proporre buone pratiche a livello italiano ed europeo”, le parole dell’assessore Picerno. “L’obiettivo è sperimentare strategie di coinvolgimento giovanile, migliorare le connessioni tra educazione, formazione e settori produttivi, promuovendo l’accesso al lavoro e lo sviluppo sostenibile. La candidatura mira a generare ‘Connessioni Attive’ in città, coinvolgendo i giovani come protagonisti del cambiamento, contrastando narrative negative che li allontanano dai loro territori”. Tre le parole chiave scelte: Giovani, volontariato e Innovazione sociale. Cinque i progetti pilastro realizzati in coprogettazione giovani, connessioni, luoghi, arte, inclusione, Venti i progetti in cogestione con la scena creativa e culturale della Città e il mondo giovanile. Sessanta i partner pubblici e privati che hanno già manifestato il sostegno alla candidatura. “La candidatura ha facilitato l’incontro tra attori pubblici e privati, operanti a Potenza e nella Basilicata, uniti per sostenere Potenza Città dei Giovani 2024. La Regione Basilicata è impegnata nel processo, offrendo fondi per i progetti pilastro e supporto nella definizione di politiche regionali più adatte ai giovani, basandosi sull’esperienza di Potenza” ha aggiunto l’assessore Rotunno. Per il Coordinatore Candela: “Questo progetto rappresenta il culmine di uno sforzo collettivo e dedicato per plasmare una città in armonia con le esigenze e le aspirazioni dei giovani. Attraverso un approccio innovativo e una collaborazione profonda tra una varietà di attori, siamo giunti a un punto cruciale in cui la trasformazione diventa una prospettiva tangibile. Il progetto ha radicato la sua forza nella risposta ai bisogni sociali espressi dai giovani, spesso trascurati o mal gestiti da forme di intervento tradizionali. L’inclusione di iniziative come il ‘City Pact for Skills’, diventanto il primo laboratorio europeo sul tema, il festival delle opportunità, che comincerà gia la prossima settimana con l’avvio della winter school che costruirà ‘gli ambasciatori’ del festival delle opportunità nella regione, e la rigenerazione degli spazi ha aperto nuovi orizzonti, delineando un futuro in cui la città diventa un terreno fertile per l’aggregazione giovanile, la formazione di qualità e l’espressione creativa. “Aver svolto questo importante e corposo lavoro è giù un successo – ha concluso il Sindaco – e, indipendentemente dal risultato che raggiungerà la Candidatura, il fermento e le capacità dimostrati da questi giovani, meritano il massimo impegno da parte dell’Amministrazione comunale che, in ogni caso, realizzerà tutti i progetti che compongono il dossier presentato”.




 


 





ALTRE NEWS

CRONACA

27/02/2024 - Gravi maltrattamenti in famiglia: allontanamento per 20enne materano
27/02/2024 - Bolletta del gas salata a consumatrice: ‘’grazie ad Adiconsum la società ha riconosciuto l’errore’’
26/02/2024 - Muro Lucano: cocaina in viaggio verso la Basilicata. Arrestato 43enne salernitan
26/02/2024 - Coldiretti Basilicata a Bruxelles per chiedere stop burocrazia e una nuova Pac

SPORT

27/02/2024 - Tricolore Formula Challenge 2024: si parte dal ''Magna Grecia''
26/02/2024 - Il Martina vuole Salvatore Novelli, talent scout del Rotonda Calcio
26/02/2024 - Convegno tecnico regionale dei giudici di gara della federcicliclismo di Basilicata e Calabria
25/02/2024 - Eccellenza Basilicata. Tutto invariato in testa dopo la 23^ giornata. I risultati e la Classifica

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

Non con i miei soldi. Non con i nostri soldi
di don Marcello Cozzi

Parlare di pace in tempi di guerra è necessario, ma è tardi.
Non bisogna aspettare una guerra per parlarne. Bisogna farlo prima.
Bisogna farlo quando nessuno parla delle tante guerre dimenticate dall'Africa al Medio Oriente, quando si costruiscono mondi e società sulle logiche tiranniche di un mercato che scarta popoli interi dalla tavola dello sviluppo imbandita solo per pochi frammenti di umanità; bisogna farlo quando la “frusta del denaro”, come ...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo