HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Lagonegro, accusato di violenza sessuale, assolto dopo sei anni

1/12/2023



Dopo 6 anni un uomo è stato assolto dall'accusa di maltrattamenti e abusi sessuali.  Le motivazioni della decisione ancora non sono note, ma il dispositivo letto dai giudici sancisce che «il fatto non sussiste».


Di seguito la ricostruzione de La Gazzetta del Mezzogiorno:


La Procura di Lagonegro aveva chiesto l'assoluzione solo per il capo di imputazione relativo ai maltrattamenti, mentre aveva chiesto la condanna a quattro anni per quello relativo alla violenza sessuale. La vicenda parte agli inizi del 2017 quando un uomo e una donna (per i quali useremo i nomi di fantasia Diego e Mara) dopo sette anni di convivenza e una figlia decidono di troncare il loro legame. A causare la rottura, secondo quanto emerge dagli atti e anche dalle testimonianze raccolte nel processo, la relazione che Diego ha riallacciato con la sorella di Mara e che ha fatto tornare a galla vecchi conflitti nella coppia.


Dopo qualche mese Mara decide di denunciare Diego, nel frattempo tornato a vivere a casa sua in un paese vicino a quello in cui fino a poco tempo prima viveva insieme a Mara. Le accuse contenute nella querela sono pesanti. In pratica, davanti ai carabinieri, il 3 ottobre del 2017, la donna, dichiara di aver subito vari maltrattamenti dall'ormai ex compagno e cosa più grave di aver subito anche una violenza sessuale. La denuncia viene vagliata dai pm della Procura che successivamente formulano una richiesta di rinvio a giudizio nei confronti dell'uomo. Viene fissata l'udienza preliminare e poi, nel 2020, in base agli elementi raccolti, la decisione del gup di mandare a processo Diego. Una tesi sempre respinta dall'accusato e, ovviamente, posizioni contrapposte che sono approdate nell'aula del tribunale. In questi tre anni si sono susseguite varie udienze durante le quali sono stati ascoltati anche dei testimoni. Alla fine è arrivata la sentenza di primo grado che ha reso nulle le accuse della donna (che non si è mai costituita parte civile al processo) e del pm e ha assolto con formula piena l'uomo sia dai maltrattamenti che dalla violenza sessuale: «Finalmente è stata fatta giustizia. Speriamo che questa sentenza possa mettere fine ad un incubo che ha procurato molta sofferenza al nostro cliente», dichiarano i difensori di Diego, gli avvocati Tiziana Durante e Pasquale Ciancia. Si attendono, a queste punto, le motivazioni della sentenza che saranno depositate entro 90 giorni per comprendere in pieno quali sono le ragioni di questa assoluzione e gli elementi che hanno portato il collegio del tribunale a smentire l'accusa su tutta la linea. Sentenza che sarà vagliata dalla Procura che avrà la possibilità di ricorrere in appello. Dalle varie testimonianze raccolte durante il processo, tra cui quelle della cugina e della zia di Mara, sembrerebbe che non abbia trovato alcuna attendibilità il racconto fatto dalla donna e sembrerebbe che anche gli esami clinici svolti nell'ospedale abbiano escluso la violenza sessuale.




ALTRE NEWS

CRONACA

27/02/2024 - Gravi maltrattamenti in famiglia: allontanamento per 20enne materano
27/02/2024 - Bolletta del gas salata a consumatrice: ‘’grazie ad Adiconsum la società ha riconosciuto l’errore’’
26/02/2024 - Muro Lucano: cocaina in viaggio verso la Basilicata. Arrestato 43enne salernitan
26/02/2024 - Coldiretti Basilicata a Bruxelles per chiedere stop burocrazia e una nuova Pac

SPORT

27/02/2024 - Tricolore Formula Challenge 2024: si parte dal ''Magna Grecia''
26/02/2024 - Il Martina vuole Salvatore Novelli, talent scout del Rotonda Calcio
26/02/2024 - Convegno tecnico regionale dei giudici di gara della federcicliclismo di Basilicata e Calabria
25/02/2024 - Eccellenza Basilicata. Tutto invariato in testa dopo la 23^ giornata. I risultati e la Classifica

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

Non con i miei soldi. Non con i nostri soldi
di don Marcello Cozzi

Parlare di pace in tempi di guerra è necessario, ma è tardi.
Non bisogna aspettare una guerra per parlarne. Bisogna farlo prima.
Bisogna farlo quando nessuno parla delle tante guerre dimenticate dall'Africa al Medio Oriente, quando si costruiscono mondi e società sulle logiche tiranniche di un mercato che scarta popoli interi dalla tavola dello sviluppo imbandita solo per pochi frammenti di umanità; bisogna farlo quando la “frusta del denaro”, come ...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo