HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

I boschi secolari del Parco del Pollino più resistenti ai cambiamenti climatici

14/09/2021



I boschi secolari del Parco del Pollino resistono meglio ai cambiamenti climatici: è il risultato di una ricerca italo spagnola, pubblicata sulla rivista “Science of the Total Environment”.


La notizia, pubblicata anche da Repubblica,  consente di conferire a queste antiche piante una sorta di immunità al riscaldamento globale acquisita con il tempo ma che non si tramanda alle nuove generazioni di alberi che corrono più veloce ma si consumano in fretta.


Alla base dello studio ci sono le foreste montane di vecchia crescita, che rappresentano un ambiente ideale per capire gli impatti a lungo termine dei cambiamenti climatici. 


I ricercatori si sono concentrati su pochi resti di foreste secolari situate all'interno del massiccio del Pollino, per valutare come la crescita di alberi giovani e vecchi conspecifici ha risposto ai cambiamenti climatici. 


Segnatamente, secondo quanto riportato nell’estratto, sono state due specie di conifere (Abies alba e Pinus leucodermis) e due specie di latifoglie (Fagus sylvatica e Quercus cerris) ed è stato campionato uno stand per specie lungo un gradiente altitudinale, che va da una foresta di latifoglie a bassa quota limitata dalla siccità a una pineta subalpina limitata al freddo. 


I ricercatori sostengono di aver utilizzato un approccio dendrocronologico per caratterizzare le dinamiche di crescita a lungo termine degli alberi anziani (età > 120 anni) rispetto ai giovani (età < 120 anni). Gli alberi più giovani sono cresciuti più velocemente dei loro conspecifici più vecchi durante la loro fase giovanile, indipendentemente dalla specie. 


I modelli lineari a effetto misto sono stati utilizzati per quantificare le recenti tendenze di crescita (1950-2015) e le risposte al clima per alberi vecchi e giovani. La sensibilità climatica, espressa come risposte di crescita radiale al clima negli ultimi tre decenni, differiva parzialmente tra le specie perché le alte temperature primaverili aumentavano la crescita delle conifere, mentre la crescita di F. sylvatica era influenzata negativamente dalle condizioni primaverili più calde. Inoltre, la crescita degli alberi è stata influenzata negativamente dalla siccità estiva in tutte le specie. La sensibilità climatica differiva tra alberi giovani e vecchi, con alberi più giovani che tendevano ad essere più sensibili in P. leucodermis e A. alba, mentre gli alberi più vecchi di F. sylvatica erano più sensibili. 


Nelle posizioni Q. cerris a bassa quota, la limitazione della crescita dovuta alla siccità non era correlata all'età degli alberi, suggerendo una competizione simmetrica dell'acqua. Abbiamo trovato prove di una tendenza di rapida crescita nei giovani individui rispetto a quella nei loro conspecifici più anziani. In particolare, i vecchi alberi tendevano ad avere tassi di crescita relativamente stabili, mostrando una notevole resistenza al riscaldamento climatico. Queste risposte ai cambiamenti climatici dovrebbero essere riconosciute quando si prevedono le dinamiche future delle foreste di vecchia crescita per la loro gestione sostenibile.


 


Lasiritide.it


 




ALTRE NEWS

CRONACA

18/09/2021 - Dissesto, l’assessore Merra in Val Sarmento
18/09/2021 - Covid: oggi 28 nuovi positivi e 39 guariti
18/09/2021 - Peperone Igp e Melanzana Rossa tra i 50 prodotti esposti ad agropirateria
18/09/2021 - Muro Lucano: Detenzione ai fini di spaccio. Un arresto dei Carabinieri

SPORT

18/09/2021 - Serie D/H: il Francavilla esordisce in campionato ricevendo il Brindisi
17/09/2021 - Volley Lagonegro: testa da archiviare; prestazione sottotono
17/09/2021 - Calcio: istituito il Fondo per le spese sanitarie, sbloccati 56 milioni
15/09/2021 - Futsal Senise: confermato il pivot De Fina

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

2/09/2021 Senise: posticipato evento religioso

L'amministrazione comunale di Senise di comune accordo con la parrocchia di Senise comunicano che, data la situazione pandemica in atto nel nostro paese, i festeggiamenti in onore della Madonna di Viggiano con il saluto al nostro parroco previsti per il 5 settembre, vengono posticipati al giorno sabato 11 settembre. Domenica 5 saranno comunque celebrate regolarmente le messe come ogni domenica. Al termine delle Sante messe domenicali verrà comunicato il nuovo programma dei festeggiamenti e del saluto al parroco del giorno 11 settembre.

31/08/2021 Da domani a Potenza vaccini solo alla tenda del Qatar

L’Asp Basilicata comunica che da domani, mercoledì 1 settembre 2021, le vaccinazioni anti Covid-19 per i cittadini-utenti di Potenza, saranno effettuate esclusivamente presso l’hub vaccinale ubicato nella tensostruttura del Qatar (parcheggio stazione - fermata “San Carlo” - Potenza).
Poste Italiane sta già provvedendo ad informare via SMS tutti i cittadini che avevano la prenotazione in via Roma (palestra “Rocco Mazzola) per comunicare loro il cambio del punto vaccinale.

18/07/2021 Rinviata seconda serata del Pignola in Blues

Causa maltempo, la serata di sabato 17 Luglio del Pignola in Blues è stata rinviata a martedi 20.
Le prenotazioni effettuate restano valide. Ancora posti disponibili, da riservare sempre sulla piattaforma eventbrite.

Abbiamo già vinto...e ad ognuno la sua storia
di Paolo Sinisgalli

Finalmente 11 luglio, la finale del campionato d'Europa di calcio è a poche ore.
Vinceremo. Abbiamo già vinto, tutti.
Sì, comunque vada sarà stato bello. Persino per chi è uscito al primo turno.

Da Italiano voglio che l'azzurro trionfi stasera. Sai che bello: battere in casa gli avversari e alzare al cielo le braccia e la coppa in quel tempio del calcio in quel quartiere londinese di Wembley.
Credo che può accadere, vi dico perché. Metti...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo