HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Centrale Frido, Laghi: ‘Con mancata ultimazione, autorizzazione scaduta’

24/01/2020



Era il maggio del 2017 quando ci occupammo per la prima volta del progetto per la realizzazione di una mini centrale idroelettrica sul fiume Frido, in agro dei Comuni di Viggianello, San Severino Lucano e Chiaromonte.
La sollevazione da parte delle associazioni e dei comitati ambientalisti fu immediata e fortissima, sia per il progetto in sé che per degli sbancamenti durante i lavori.

Il progetto e lo stop del Parco – La vicenda dei danni all’ambiente fu portata in Consiglio da Ferdinando Laghi. L’Ente Parco Nazionale del Pollino, che in precedenza aveva dato parere favorevole, intervenne bloccando la ditta.
L’impianto, della potenza di quasi 1 MW (987 KW), fu autorizzato dalla Regione Basilicata nel 2013 con “l’obbligo di iniziare i lavori entro i successivi 12 mesi e di ultimarli entro 3 anni”. Termine che poi sarebbe stato prorogato.
La ditta incaricata fu stoppata dal Parco nel giugno del 2017 con una nota a firma dell’allora direttore Giuseppe Milione, nella quale era riportato che “l'impresa esecutrice dei lavori” aveva causato “degli sbancamenti non previsti, riversando anche detriti nel fiume e compromettendo la vegetazione circostante”. Con quel provvedimento erano stati bloccati i lavori ed era stato ordinato “il ripristino dello stato dei luoghi entro 90 giorni”.

Ultimazione e autorizzazione Ambientale – Ferdinando Laghi, oltre che tornare sugli sbancamenti, ha innanzitutto chiesto informazioni proprio sulla conclusione delle opere di realizzazione.
“La Giunta Regionale della Basilicata – ha osservato il presidente di Isde International, ponendo la questione all’attenzione dei vertici del Parco del Pollino – ha prorogato il termine di validità del giudizio favorevole di Compatibilità Ambientale al 8 gennaio del 2020, stabilendo che entro tale data dovranno essere ultimati tutti i lavori relativi al progetto sul quale nel 2017 anche l’Ente Parco Nazionale del Pollino aveva ordinato la sospensione dei lavori e la messa in pristino per l’evidente stravolgimento dell’ambiente e dei luoghi naturali del Parco Nazionale (Zona 1 di massima tutela)”.
Per questa ragione Laghi ha chiesto all’Ente di attivarsi per “una urgente verifica a conferma della non conclusione dei lavori e, dunque, della necessità di una eventualmente nuova richiesta autorizzativa”.
In proposito, lo stesso medico ambientalista, ha precisato che “occorre che un sopralluogo attesti, senza possibilità di dubbi e interpretazioni, se il progetto presentato dalla ditta sia stato completato o meno entro il termine dello scorso 8 gennaio”. Aggiungendo che “il suo non completamento (certificato!) costringerebbe la ditta a richiedere, ove volesse riprendere il lavoro, una nuova Autorizzazione ambientale”.

Gli sbancamenti – Per quanto concerne il ripristino dopo gli sbancamenti, l’intervento della ditta è risultato anche da una nota dei Carabinieri Forestali Parchi. “I lavori di ripristino sono stati ultimati – hanno scritto i forestali della Stazione di San Severino Lucano – e, considerato che in quella fase, causa le condizioni atmosferiche avverse, non era stato possibile mettere a dimora le specie vegetali preesistenti, la ditta esecutrice ha provveduto ad effettuare tali lavori durante la stagione autunnale 2018, così come nello stesso periodo ha provveduto a risistemare quei tratti di scarpate che erano franati”.
Ma Laghi, oltre a ricordare che la certificazione “fosse già stata fornita a suo tempo”, ha anche puntualizzato che il ripristino dello stato luoghi “non può che essere stato, purtroppo, parziale e richiede ancora molte decine d'anni”.
Inoltre, il componente del Direttivo dell’area protetta ha anche fatto sapere di aver chiesto all’Ente Parco “copia della relazione di verifica svolte dell'adempimento, dopo il gravissimo scempio perpetrato dalla ditta”.


Gianfranco Aurilio
lasiritide.it





ALTRE NEWS

CRONACA

23/02/2020 - Ciittadino cinese tornato in Basilicata: intervista al sindaco di Nova Siri
22/02/2020 - Coronavirus, task force: nessun contagio per lucani provenienti da Codogno
22/02/2020 - Scanzano: il 24 febbraio Commissione Antimafia in missione in Basilicata
22/02/2020 - Carabinieri: sorpreso alla guida di un’auto rubata. Sottoposto a fermo

SPORT

23/02/2020 - Futsal: il Senise batte in casa il Potentia calcio a 5
22/02/2020 - Serie D/H, Lazic: ‘Vittoria importante, ormai ogni partita vale 6 punti’
22/02/2020 - Serie D/H: il Francavilla espugna Agropoli e torna in zona play-out
21/02/2020 - Serie D/H: il Francavilla anticipa sul campo del fanalino di coda Agropoli

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

21/02/2020 Sospensioni idriche

TURSI Viale Sant'Anna, Via Cristiano, Via del Gelseto e zone limitrofe: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 09:00 di oggi fino al termine dei lavori.

Montemurro: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 19:00 di oggi alle ore 07:00 di domani mattina salvo imprevisti. MONTEMURRO: Contrade: Santissimo, Migliarino, Cifalupo, Madonna delle grazie, Castelluccio, Le Piane, Buttacarro, Romantica e zone limitrofe.

Lavello, Venosa, Montemilone, Genzano di Lucania, Banzi, Palazzo San Gervasio: per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 16:00 del giorno 25-02-2020 alle ore 08:00 del giorno 26-02-2020 salvo imprevisti. LAVELLO: contrade Finocchiaro, Santa Lucia e zone limitrofe; VENOSA: contrade Rendina, Inviso, Boreano, Sant’Angelo, Grotta Piana e zone limitrofe MONTEMILONE: contrada Macinali, Spina Amara e zone limitrofe GENZANO DI LUCANIA: contrade Basentello, Masseria Mastronicola, Spada, Monte Pote e Terre D’Apulia, Li Cugni, Cerreto e zone limitrofe BANZI: contrade Mattina Grande, Masseria dell’Agli, Silos Mancusi, Parco Cassano, Carrera della Regina e zone limitrofe PALAZZO SAN GERVASIO: contrada Piani, Terzo di Capo, e zone limitrofe.

Sant'Angelo Le Fratte: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 18:30 di oggi alle ore 06:30 di domani mattina salvo imprevisti. SANT'ANGELO LE FRATTE: intero abitato

20/02/2020 Sospensioni idriche

ROTONDELLA Contrada Trisaia-Rotondella 2 e zone limitrofe: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 09:30 di oggi fino al termine dei lavori.

Filiano: per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 13:30 di oggi fino al termine dei lavori. FILIANO: Corso Giovanni XXIII °.

19/02/2020 Sospensione idrica a Maratea

Maratea: per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 21:00 di oggi alle ore 06:00 di domani mattina salvo imprevisti. MARATEA: Loc. Massa via Prato e via Pizarrone

Sospendete il campionato di Eccellenza:per il lutto e per una umana riflessione
di Mariapaola Vergallito

Forse ancora non abbiamo capito bene quello che è accaduto domenica scorsa davanti al piazzale della Ferrovia dismessa di Vaglio Scalo. E non mi riferisco alla dinamica dei fatti, spiegata senza troppi giri di parole dal Procuratore, dal Questore e da chi ha indagato e sta indagando.
Forse ancora, però, non abbiamo compreso bene la portata di quanto accaduto. L’assurdità di questa tragedia che ha nomi e cognomi e, tra questi, forse ‘’Calcio’’ è uno di qu...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo