HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Metapontino: sequestri per depositi abusivi di rifiuti

14/08/2018



Controllo straordinario del territorio della Compagnia di Pisticci nell’ambito della campagna sulla gestione dei rifiuti promossa dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri. I militari delle Stazioni della fascia costiera del Metapontino, Pisticci, Marconia, Bernalda e Metaponto, hanno setacciato il territorio rinvenendo diverse aree, alcune delle quali lungo le arterie stradali di riferimento, quali la S.S. 106 “Jonica”, dove i soliti ignoti, in barba alle leggi contro l’inquinamento del suolo e degli sforzi dei Comuni per creare le isole ecologiche dove far confluire i rifiuti speciali voluminosi, hanno abbandonato di tutto, dai copertoni alle lavatrici, dai materiali di risulta al mobilio dismesso. In particolare: i militari di Bernalda hanno scoperto, in contrada “Cupa” due grossi cumuli di immondizia, dell’estensione di circa 20 m2, dove sono stati abbandonati materiali plastici e di risulta; la Stazione di Metaponto, sotto il cavalcavia della S.S. 106 Jonica, al km. 452+600, hanno rinvenuto una vera e propria discarica in cui, i soliti ignoti hanno conferito materiali plastici, sanitari in ceramica, materassi, elettrodomestici e pneumatici in disuso; analoga scoperta è stata fatta, sempre dagli stessi militari lungo la SP 175, ove i militari hanno constatato, oltre alla presenza dei soliti materiali di risulta e carcasse di elettrodomestici, anche sacchetti di R.S.U.; La Stazione di Marconia, lungo la S.P. Pisticci Mare, percorsa dai tanti turisti che d’estate affollano le spiagge di San Basilio e dintorni, hanno rinvenuto, lastre in fibra di cemento, residui di potatura, materiali plastici e, anche qui, sacchetti di R.S.U., sicuramente conferiti da cittadini che non hanno voglia di attenersi alla raccolta differenziata. Il sito che ha destato maggiore meraviglia, da parte dei Carabinieri è stato però quello di Pisticci, a pochi metri da quello che dovrebbe essere il rione di riferimento della città, vale a dire il “rione dirupo”. Nella vicina pineta, infatti, i militari hanno localizzato un’area di circa un migliaio di metri quadrati, dove, in mezzo agli alberi, è stato abbandonato di tutto, carcasse di elettrodomestici, materiali di risulta, vetro, legname, sacchetti di R.S.U., residui di vegetazione provenienti da potature di giardini. Le aree, in ossequio al decreto Ronchi, sono state segnalate ai rispettivi sindaci per l’emissione delle ordinanze di sgombero e il ripristino dello stato dei luoghi per riportarli alla loro naturale bellezza.



ALTRE NEWS

CRONACA

16/09/2019 - Carabinieri. Pisticci : controlli nei bar del centro, 2 persone denunciate
15/09/2019 - Pomarico: come va avanti il lavoro di ricostruzione e monitoraggio
15/09/2019 - Un anno dalla tragedia di Cersosimo
15/09/2019 - Potenza. Coltivava e confezionava droga in casa, arrestato

SPORT

15/09/2019 - Il Potenza espugna il campo del Bisceglie con un secco 3-0
15/09/2019 - Primo squillo del Castelluccio che batte il Senise per 5-2
15/09/2019 - La Pielle Matera al Mennea Day
15/09/2019 - Eccellenza, riepilogo: in quattro a punteggio pieno

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

16/09/2019 Sospensione idrica a Matera

Matera: per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione, l'erogazione dell'acqua potabile al borgo Picciano A sarà sospesa dalle ore 08:00 alle ore 16:00 di oggi, salvo imprevisti.

15/09/2019 Promozione: risultati 2^ giornata

Avigliano – O.Venosa 0-2
Banzi – Miglionico 1-0
Oppido – Elettra Marconia 1-3
Paternicum – San Cataldo 1-2
RAF Vejanum – A.Montalbano 1-3
Santarcangiolese – Tito 5-1
S.Lavello – A. Rapone 0-3
Viribus Potenza – Marmo Platano 0-2

15/09/2019 Eccellenza: risultati 2^ giornata

Brienza – Latronico 5-1
Castelluccio –Real Senise 5-2
Ferrandina – Montescaglioso 2-0
Melfi – Atletico Lauria 3-1
Moliterno – Rotonda 1-4
Policoro – Vultur 0-0
Pomarico – Lavello 0-2
Ripacandida – Real Tolve 4-1

Il fuoco del ghetto illumini le nostre coscienze
di Mariapaola Vergallito

Nessuno di noi dovrà più tornare indietro da quanto accaduto ieri. Nessuno di noi dovrà poter cancellare il capitolo nero marchiato col fuoco del ghetto della Felandina di Metaponto. Non che di vergogna e di indecenza prima di ieri non ce ne fossero abbastanza. Ma forse si doveva arrivare alla morte di una povera donna nigeriana resa irriconoscibile dal fuoco di un’alba lucana per accenderne un altro, di fuoco: quello dell’indignazione attiva, della coscienz...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo