HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

L'Abbate M5s su approvazione documento economia e finanza

11/10/2018

Apprezzamento per l’importanza conferita al settore agroalimentare da parte dell’Esecutivo a cui vengono, al contempo, forniti suggerimenti ed indicazioni di intervento per il futuro. Il commento del relatore in Commissione, il deputato pugliese L’Abbate (M5S)

La Nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza 2018, il testo che annuncia la linea economico-finanziaria del Governo Conte, trova l’accoglimento positivo della Commissione Agricoltura della Camera. I deputati, infatti, hanno condiviso l’orientamento del Governo di fornire una spinta propulsiva vigorosa all’economia italiana, lanciando un ingente programma di investimenti pubblici e di sviluppo delle infrastrutture, al fine di riportarli su livelli pari a quelli antecedenti la crisi economica. Inoltre, hanno valutato positivamente l’impegno del Governo ad intervenire sulle clausole di salvaguardia ereditate dal passato attraverso la totale sterilizzazione degli aumenti previsti per il 2019 e la loro riduzione per il biennio successivo. Ma, soprattutto, è stato considerato con particolare soddisfazione il ruolo strategico del comparto agroalimentare tanto che, tra i disegni di legge che l’Esecutivo di Giuseppe Conte dichiara collegati alla manovra di bilancio, figura quello per la modernizzazione e l’innovazione nei settori dell’agricoltura, dell’agroalimentare, del turismo e dell’ippico (che attende da tempo la riforma della governance per un rilancio).

“Una manovra che rappresenta una vera e propria sterzata in confronto al ‘lacrime e sangue’, condito dai soldi regalati alle banche, a cui ci avevano abituati i governi precedenti – commenta il deputato pugliese Giuseppe L’Abbate, relatore M5S in Commissione Agricoltura sul DEF – Non sono mancati, però, i suggerimenti all’azione governativa per quanto concerne il primo settore. Con i colleghi abbiamo infatti sottolineato l’importanza di intervenire, ai fini della semplificazione e della riduzione degli oneri burocratici a carico delle imprese, anche attraverso un provvedimento che riunisca in un testo unificato la normativa vigente nel settore, semplificandola ed evitando così duplicazioni e incongruenze dal punto di vista normativo. Inoltre – prosegue L’Abbate (M5S) – è stata ribadita la necessità di predisporre una normativa specifica per le imprese agricole che intendono avvalersi degli incentivi previsti da ‘Impresa 4.0’, considerando il particolare regime di tassazione a cui sono le stesse soggette. Poi un adeguato rifinanziamento della legge 499/1999 per il rafforzamento delle filiere agricole e degli strumenti di aggregazione, la necessità di riservare adeguate risorse alle azioni di contrasto alle fitopatie e alle epizoozie, la promozione dello sviluppo del biologico nonché la necessità di rivedere il sistema previsto in materia di acquisizione dell’informazione e della documentazione antimafia per i terreni agricole affinché sia garantito che l’onere di documentazione non ricada sulla possibilità delle aziende agricole di ricevere i contributi PAC. Infine – conclude il parlamentare pugliese 5 Stelle – è stata suggerito di attivare interventi compensativi, anche a valere sul Fondo di Solidarietà Nazionale per quelle aziende agricole danneggiate da eventi distruttivi e tuttavia non ricompresi nella fattispecie delle avversità atmosferiche assimilabili a calamità naturali quali gli incendi”.




archivio

ALTRI

La Voce della Politica
20/02/2019 - Mattia M5s:i 10 punti della svolta in distribuzioni alle famiglie

È in corso in tutti i comuni lucani la distribuzione di un pieghevole di quattro facciate e la presentazione nel corso di eventi pubblici, dei 10 punti principali del programma regionale del M5S.

La campagna di comunicazione del candidato presidente Antonio Mattia s...-->continua

20/02/2019 - Dissesto, Lezzi: da Regioni collaborazione per cooperazione rafforzata

“Oggi a Roma ho incontrato tutte le Regioni per avviare, insieme al Ministro Costa, una cooperazione rafforzata con la Commissione europea. Questo strumento è stato già efficacemente adottato per accelerare la spesa dei fondi strutturali europei e sono certa c...-->continua

20/02/2019 - Agricoltura sociale, coltivare valori e offrire servizi

Al lavoro per l’integrazione delle varie competenze al fine di creare percorsi virtuosi in Basilicata

L’articolazione della Legge regionale n. 53 "Disposizioni in materia di agricoltura sociale” è stata presentata presso la Coop. Sociale "Fratello Sol...-->continua

19/02/2019 - Consiglio regionale, riunione rinviata a mercoledì 27/2

La riunione del Consiglio regionale prevista per le ore 15,00 di oggi è stata rinviata a mercoledì 27 febbraio 2019, alle ore 10,00, e si svolgerà come sempre nell’aula Dinardo al piano terra del palazzo della Giunta regionale (Viale Verrastro n. 4 – Potenza)....-->continua

19/02/2019 - Po-Fse, a Potenza incontro su trattamento dati personali nel welfare

Il Workshop dal titolo “L’impatto del regolamento (GDPR) UE n.679/2016 sul trattamento dei dati nella gestione degli avvisi pubblici con valenza sociale del PO FSE Basilicata 2014/2020” si è tenuto oggi nella sala Inguscio della Regione


Il tratt...-->continua

19/02/2019 - ROSPI M5S.: Nuovi modelli di sviluppo sociale ed economico per costa ionica

Sabato prossimo 23 febbraio alle 10, nella Sala Consiliare del Comune di Policoro (Mt), il convegno “Nuovi modelli di sviluppo sociale ed economico per il rilancio della costa ionica lucana”. Sarà l’occasione per rimarcare che la Basilicata, negli ultimi due a...-->continua

19/02/2019 - Appalti, la Cisl propone un protocollo d'intesa alla Regione

La Cisl Basilicata lancia l'idea di un protocollo d'intesa con le stazioni appaltanti per la qualità e la tutela del lavoro negli appalti di lavori, servizi e forniture. La proposta sarà presentata venerdì 22 febbraio alle 9:30 nella sala Ugo Bianchi della Cis...-->continua







WEB TV
Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al saccheggio dell’ambiente naturale”.
All’indomani della frana che si è portata via mezzo quartiere nell’antico borgo di Pomarico e che, per fortuna, non ha causato vittime, ho recuperato un editoriale che la Gazzetta pubblicò quasi 33 anni fa, il 27 luglio del 1986. Ventiquattrore prima collina T...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo