HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Lettera aperta al direttore della Nuova del Sud.

12/09/2010


Di Maurizio Bolognetti, Direzione Nazionale Radicali Italiani
Caro Mimmo,
provo a seguire il filo del tuo ragionamento e mi chiedo se siano i numeri a stabilire se una decisione sia sensata e presa nell’interesse della collettività. Negli anni ’20 e ’30 gli antifascisti non erano tantissimi e molti di coloro che si opponevano al regime venivano spediti al confino, alcuni di questi anche nella nostra terra. Ora, premesso che i Radicali, il sottoscritto ed Elisabetta Zamparutti hanno aderito e non organizzato la manifestazione, alla quale aderirei altre cento volte, consentimi di affermare che il tuo argomentare presenta più di qualche falla. Al di là del numero di coloro che hanno aderito alla marcia, c’è il merito delle questioni sollevate. E’ stato sensato consentire estrazioni petrolifere in prossimità di invasi, di corsi d’acqua, di parchi, in un territorio delicatissimo dal punto di vista idrogeologico? I monitoraggi nella Val D’Agri sono stati adeguati in questi anni? Sono queste le domande alle quali dobbiamo dare una risposta. Scendere in piazza in una mattinata uggiosa e feriale, sotto la pioggia, non è facile. Il numero dei favorevoli e dei contrari non da necessariamente ragione al sindaco di Marsicovetere e torto al solitario consigliere Mazziotta. Se così fosse si potrebbe affermare che le folle di piazza Venezia davano ragione a Benito Mussolini. Si discuta nel merito della decisione e non del numero di coloro che la sostengono. Se il Parlamento dovesse votare anche all’unanimità a favore della legge bavaglio, questo non farebbe di quella legge una buona legge, una decisione degna di uno stato che voglia definirsi democratico. Il voto favorevole del Consiglio comunale di Villa d’Agri e la mancata partecipazione dei cittadini della valle alla manifestazione di venerdì scorso non trasformano una decisione scellerata in una perla di saggezza. Così come la mancata attuazione del protocollo d’intenti tra Eni e Regione o l’assenza di seri studi epidemiologici non diventano un fatto positivo solo perché mai nessuno ha organizzato un’oceanica manifestazione di piazza. I cittadini della valle sono rassegnati e forse abituati a subire le decisioni imposte dall’alto, ma questo non cancella, non può cancellare, 12 anni di mancata attuazione degli accordi stipulati con l’Eni, il saccheggio della nostra terra, gli avvelenamenti, la presenza di pozzi in prossimità di dighe e sorgenti, in zone a rischio frana, i mancati monitoraggi e l’aumento esponenziale nell’area della Val D’Agri dell’incidenza delle malattie tumorali. Ally2 è un simbolo. Il pozzo vicino all’ospedale sta a simboleggiare il disprezzo che in tutti questi anni si è avuto nei confronti di una popolazione che, d’accordo o meno, sta pagando a caro prezzo l’incapacità di reagire adeguatamente. Non sempre le maggioranze, anche bulgare, hanno ragione e non sempre le minoranze hanno torto. Personalmente tornerei a marciare anche in compagnia del solo Ulderico. Guai se rinunciassimo ad esprimere anche un dissenso inespresso e che a volte, anche per paura, resta solo chiacchiericcio di bar e di piazza. In ogni caso, una sessantina di persone che marciano sotto la pioggia di un’uggiosa giornata feriale sono, a mio avviso, un fatto eccezionale, soprattutto se consideriamo gli interessi in ballo e la forza con la quale ci stiamo scontrando. Infine, vorrei ricordarti l’eccezionale convegno del 24 agosto, dove in una sala stracolma si è parlato di quella strage di legalità che, per dirla con Marco Pannella, ha sempre per corollario, nella storia, la strage di popoli. Caro Mimmo, non so tu, ma io nelle piazze, e quotidianamente, percepisco un dissenso montante, che troppo spesso non riesce ad esprimersi in reazione pubblica. Siamo quattro gatti ostaggio di enormi interessi. Il vero dramma è che siamo diventati il costo che qualcuno è disposto a pagare.



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
16/10/2018 - Polese su misura a sostegno famiglie con malati gravi

“Ottima notizia la decisione di aiutare economicamente le famiglie lucane con malati gravi. La Basilicata guidata dal centrosinistra si dimostra ancora una volta attenta ai bisogni reali della comunità con azioni concrete. Misure reali a favore dei cittadini, senza distinzi...-->continua

16/10/2018 - Flavia Franconi scrive a Rai Com su Capodanno

In una lettera indirizzata oggi all’Amministratore delegato di Rai Com, Gianpaolo Tagliavia, la vice presidente della Regione Basilicata, Flavia Franconi, ha preso atto della volontà dei vertici della televisione di Stato di trasmettere da Matera l’evento “L’a...-->continua

16/10/2018 - Capodanno Rai a Matera, Franconi scrive a Rai Com

L’assessore ha partecipato alla cerimonia di apertura al traffico della strada, che “rappresenta per la Basilicata una porta verso la Campania”

In una lettera indirizzata oggi all’Amministratore delegato di Rai Com, Gianpaolo Tagliavia, la vice presi...-->continua

16/10/2018 - A Montescaglioso partirà il servizio di refezione scolastica

Nella giornata di lunedì 22 ottobre parte ufficialmente il servizio di refezione scolastica ed, allo stesso tempo, il servizio di assistenza agli alunni diversamente abili. Grazie allo sforzo dell’Assessore Francesca Fortunato e del Consigliere Pietro Buonsant...-->continua

16/10/2018 - Salvini, 'in Basilicata 33 nuovi agenti'

In Basilicata l'organico effettivo della polizia di Stato è di 678 unità. Il progetto di potenziamento 2018-2019 del ruolo organico prevede entro febbraio 2019 l'invio di 33 nuovi agenti, parte dei quali già operativi. In tutta la Regione sono presenti 1.580 ...-->continua

16/10/2018 - Covella (Venosa Pensa): i cittadini di Venosa sono stati ingannati

La decisione della Rai di spostare l’evento di Capodanno “L’Anno che Verrà” nella città di Matera è una vera ingiustizia che risponde a logiche politiche aberranti. I cittadini di Venosa e di tutto il Vulture ancora una volta vengono penalizzati da una classe ...-->continua

16/10/2018 - Valvano risponde a Pisani: Autonomia vera per Psi lucano

"Non ci sono frizioni negli organi del partito regionale ne ci sono divergenze tra i socialisti di Basilicata e la segreteria nazionale". Così Livio Valvano, segretario regionale del Psi lucano, risponde con un comunicato alle osservazioni della Portavoce del ...-->continua






WEB TV
L'eredità di Angela
di Mariapaola Vergallito

Angela Ferrara viveva in un paese, Cersosimo, che siamo abituati a raccontare soltanto spulciando le colonnine infinite dei dati sullo spopolamento. Un paese incastonato tra le montagne del Pollino, in una valle bellissima; uno di quei borghi che non vedi da lontano, ma solo quando esci dalla statale per aggrapparti nei tornanti che collegano l’entroterra lucano a quello calabrese. Negli anni saranno stati tanti i giovani che hanno guardato questo paese con un presentimento di sconfitta. Angela Ferrara no. Lo dimostrava con i fatti, non con le parole. Anche se le parole erano compagne preziose. Quelle con le quali Angela amava giocare per raccontare il mondo attraverso la bellezza della poesia e attraverso i suoi racconti. Quelle che, in queste ore, ...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo