HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

''A proposito di intitolazioni a Falcone e Borsellino''

13/03/2018

Il consiglio comunale di Senise, e direi l’intera comunità, ha ricordato gli eroi dell’antimafia, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino in una seduta del consiglio comunale del 12 giugno 1993, ad appena un anno dalla scomparsa dei due magistrati antimafia.
Nella delibera consiliare n.33, resa esecutiva l’8 luglio 1993, approvata con voto unanime, un solo consigliere assente, denominata “approvazione toponomastica comunale”, tra le altre nuove denominazioni, viene individuato la piazza sovrastante l’allora pescheria, recentemente ristrutturata e portata ad un uso sociale, ricreativo, religioso e civile a seguito dell’intervento dell’amministrazione Castronuovo.
L’approvazione della toponomastica fu frutto di una ampia partecipazione.
Ricordo bene quel lavoro perché essendo assessore per il patrimonio, il personale e la legalità, su impulso del sindaco Andrea Virgallita, e usufruendo della competenza, dell’abnegazione e della profonda conoscenza geostorica di Biagio Fucci, si riuscì a coinvolgere un gruppo di lavoro coordinato dal compianto Egidio Melfi.
Molti cittadini fecero arrivare proposte di nuove intitolazioni. Si discusse diffusamente, si fece un lavoro dettagliato di ricognizione di tutto ciò che non era intitolato, e si portò tutto in consiglio comunale, che approvò unanimemente.
Fra le proposte più sentite dalla popolazione ci quella dei magistrati siciliani.
Era una fase convulsa della storia politica e civile della nostra nazione. Il sistema politico della prima repubblica stava per essere spazzato via da tangentopoli. E si scatenò una contrapposizione mortale tra stato e antistato.
La comunità di Senise si strinse in quel modo ai due magistrati, diventati “santi” civili dell’Italia Repubblicana.
Per memoria storica, ma anche a conferma della pratica attuazione del deliberato in questione, ricordo che più recentemente, in prossimità dei 150 anni dell’Unità, l’allora sindaco Castronuovo, con analoga procedura di partecipazione e di coinvolgimento convocò me, la Prof.ssa Maddalena Marcone, l’ex sindaco Antonio Corizzo, il prof. Pasquale Totaro Ziella, ed altre personalità colle quali mi scuso per la mancata citazione, per modificare Piazza Galilei (intitolata così nella stessa deliberazione del 1993) in piazza Unità d’Italia.
Questi i fatti.

Alla luce di questa ricostruzione mi permetto di invitare il Sindaco e l’amministrazione intera a riconsiderare la decisione di procedere ad una nuova intitolazione del complesso monumentale storico di San Francesco, considerato che quella che è diventata la piazza più bella di Senise è già intitolata da 25 anni ai due eroi dell’antimafia italiana. (delibera a cui non ha fatto seguito attuazione ma che, nel contempo, non è stata annullata, ndr)
E, più sommessamente, ritenendo che il complesso monumentale ha un nome che la storia gli ha attribuito.


Filippo Gazzaneo
assessore comunale all'epoca della delibera oggetto del comunicato



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
12/12/2018 - Precisazione Syndial (Eni): nessuna rinuncia all’impianto Blue Water a Viggiano

Syndial, società ambientale di Eni, precisa che le notizie circa l’impianto Blue Water di Viggiano riportate dai media in questi giorni vanno integrate e completate alla luce della presentazione della nuova istanza del 27 novembre scorso.
Infatti, Syndial non ha rinunci...-->continua

11/12/2018 - Bolognetti sul 'Caso Pittella'

Alla luce di quanto afferma la Suprema Corte di cassazione, verrebbe nuovamente da chiedersi su quale base sia stato disposto l’arresto del Presidente della Giunta regionale di Basilicata, Marcello Pittella.
Per quanto mi riguarda, posso solo ribadire qua...-->continua

11/12/2018 - Servizi socioassistenziali, gestione associata al via entro primi mesi 2019

Nel corso di un incontro con i comuni capofila dei nuovi Ambiti Socio-Territoriali è stato fatto il punto sullo stato di avanzamento dell’implementazione degli Uffici di Piano Sociale previsti dalla nuova governance. Notevole l’impegno finanziario profuso dall...-->continua

11/12/2018 - Centro agroarcheologia Metaponto: Castelluccio, accogliere appello prof. Carter

Il Consiglio e la Giunta raccolgano l’appello del prof. Joseph Coleman Carter per mantenere in vita e potenziare il Centro di Agroarcheologia di Metaponto, un prestigioso centro di ricerca archeologica che fornisce una base per studiosi italiani e stranieri c...-->continua

11/12/2018 - Tempa Rossa, Cgil Cisl Uil bacchettano Total:'Confronto sia senza pregiudiziali'

Total torni al tavolo di confronto senza porre condizioni e pregiudiziali. È la richiesta che Cgil, Cisl e Uil di Basilicata recapitano alla compagnia petrolifera francese dopo la decisione di quest’ultima di disertare il negoziato in corso sulle problematich...-->continua

11/12/2018 - Quirinale: inaugurazione presepe, incontro tra Mattarella e Franconi

Sarà inaugurato oggi, alle ore 18, nella Sala D’Ercole del Palazzo del Quirinale, alla presenza del Capo dello Stato, Sergio Mattarella, il presepe dell’artista lucano Franco Artese.

A rappresentare la Regione Basilicata sarà la vice presidente Flavia...-->continua

11/12/2018 - FdI:riunione del Coordinamento provinciale di Matera

Si è riunito, ieri, il Coordinamento provinciale di Matera con la presenza del Coordinatore regionale, Gianni Rosa.

Il voto a Maggio non ferma Fratelli d’Italia dal programmare le prossime mosse per le elezioni regionali ed europee. Anzi, la nuova fas...-->continua






WEB TV
La vita raccolta in due ore e divisa in dieci scatoloni
di Mariapaola Vergallito

Chissà in che misura le nostre case sono fatte di oggetti accumulati che non guardiamo più e dei quali, forse, ci ricordiamo soltanto quando dobbiamo spolverare. Eppure c’è stato un momento, vicino o lontano non importa ma preciso, in cui la nostra mano ha posato quell’oggetto su quella mensola, nel cassetto, in un armadio, su un comò. Ci pensavo in queste ultime ore, guardandomi intorno nella casa in cui vivo appena da quattro anni; ma guardando anche i particolari della casa dei miei genitori, per esempio. O ricordando la stanza che ho vissuto a Roma da universitaria. Ci pensavo mentre ascoltavo le parole dei cittadini di Genova che sono costretti a fare inumana sintesi di quegli oggetti. Limitando una vita intera nel tempo e nello spazio. Il tempo ...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo