HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Cosimo Latronico (DI) su Banche Venete

15/07/2017

“Dalla vicenda delle banche venete emerge un comportamento irresponsabile da parte del Governo. Il copione è sempre lo stesso. Lo è stato con Mps e di seguito con Etruria, Marche, Cari Ferrara e Cari Chieti: siamo passati dal negare ogni problema, all'adozione di soluzioni tampone, inutili e dispendiose, sino all'esplosione delle situazioni ingestibili che hanno portato al decreto del Governo di liquidazione delle banche venete , ora all'esame del Senato dopo il passaggio della Camera, che costerà 17 md di euro tra iniezioni di liquidità e concessioni di garanzie statali. Un salasso carissimo per i contribuenti pari ad un punto di pil. Se si fosse intervenuti per tempo, si sarebbero avute più strade e si sarebbero evitate le scelte come quelle del fondo atlante che ha ottenuto l'unico risultato di aver finanziato un inutile aumento di capitale che è andato distrutto. Si deve rendere pubblica e trasparente la catena di responsabilità che ha permesso questa enorme dissipazione di risorse di fronte al Paese”. Lo ha dichiarato l’on. Cosimo Latronico, capogruppo di Direzione Italia alla Camera.



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
25/04/2018 - Monitoraggio: l’arma spuntata di Pittella, una commissione d’ indagine

Pittella non si è mai speso per rendere efficiente il sistema di monitoraggio e, oggi, fa finta di interessarsene. Quindi, quale migliore strumento per procrastinare la ricerca di responsabilità di una bella ed inutile commissione d’inchiesta?

Quando c’è un’emergenz...-->continua

25/04/2018 - Festa della Liberazione, il messaggio di Patriciello

“Il 25 aprile è una giornata di festa che appartiene a tutti gli italiani che tengono alla libertà. Una giornata di ricordo, certo, ma anche e soprattutto di impegno per il presente e per il futuro: l'emblema e la presa di coscienza dei valori fondanti della n...-->continua

24/04/2018 - PD Francavilla: il Commercio è morto

Gli ultimi anni in Italia, ma in particolare al Sud sono stati di crisi profonda, la realtà commerciale ed artigianale di Francavilla non ne è stata immune, anzi. Se prima la collocazione geografica ci avvantaggiava affidandoci il ruolo di “centro commerciale ...-->continua

24/04/2018 - G.Rosa su risparmio medicinali

Quanti soldi si potrebbero risparmiare facendo gare d’appalto a livello regionale per i farmaci? Molti. Ma per il centrosinistra i tagli alla spesa pubblica sono solo quelli che incidono sui diritti dei cittadini.

Il 20 dicembre 2017 abbiamo interroga...-->continua

24/04/2018 - Itrec Rotondella, le conclusioni di Pietrantuono

Intervenendo a chiusura del dibattito in Consiglio sull’impianto posto sotto sequestro l’assessore regionale all’Ambiente ha auspicato un approfondimento della questione evitando di creare confusione su temi complessi



In un nuovo intervento...-->continua

24/04/2018 - Comitato Jonico Acqua Pulita:emergenza rientrata ma noi andiamo avanti

Come ormai noto, l’emergenza acqua oggi è ufficialmente “rientrata” per Policoro, quantomeno per il serbatoio “Acinapura”, il che ci consente di tornare ad utilizzare regolarmente l’acqua potabile, e questo è un bene per tutti (mentre l’utilizzo del serbatoio ...-->continua

24/04/2018 - Erogazioni in agricoltura. Ieri incontro presso Agea

Il Presidente della Regione, Pittella e l’assessore all’agricoltura, Braia, assieme alle associazioni di categoria hanno partecipato nel pomeriggio di ieri ad un incontro a Roma con i vertici di Agea per rintracciare soluzioni tese a velocizzare il sistema de...-->continua






WEB TV
Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal suo corso naturale, immette un bottino idrico di 80 milioni di metri cubi in più all’anno nel grande invaso di Montecotugno. Serve a completare lo schema idrico del Sinni, per un progetto cominciato negli anni Settanta, quando la Democrazia Cristiana e il Partito Comunista erano i due grandi partit...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo