HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Galella FdI-AN sui locali previsti sotto il nuovo ponte pedonale del parco fluvi

20/04/2017

Tra le tante magie di cui la burocrazia è capace, eccone una che fa improvvisamente sparire l’unica struttura ricreativa e ricettiva prevista all'interno del parco.

Circa un anno fa, infatti, nel corso di una Commissione Urbanistica, ci fu presentato il progetto di realizzazione del ponte pedonale nel Parco fluviale del Basento al di sotto del quale era prevista la realizzazione di bagni pubblici e di un locale da dare in gestione attraverso un bando.

Due settimane fa nel corso di un sopralluogo, invece, ci siamo accorti che non c’erano nemmeno le predisposizioni per eventuali bagni.

Solo oggi scopriamo dall'audizione degli uffici comunali che qualcuno avrebbe deciso di sacrificare i locali a causa dell’allargamento del ponte richiesto dall’Autorità di bacino in considerazione di una eventuale piena, cosa che si verifica ogni cinquecento anni. Forse.

Il parco fluviale dovrà rappresentare uno dei più importanti salti di qualità della vita dei potentini, che, ad oggi, non hanno molte aree idonee per la corsa e per andare in bici.

Per evitare però che questo parco diventi un ennesimo parco sporco, abbandonato, distrutto dagli incivili e mal frequentato, c'è assoluto bisogno di una struttura all’interno del parco che svolga il fondamentale ruolo di aggregatore e di controllore.

Per questo, se proprio non ci sarà il modo di realizzare il locale di oltre 50 mq previsto originariamente dal progetto, vuol dire che il Sindaco o gli Assessori competenti debbano prevedere immediatamente un bando che dia la possibilità ad un privato di realizzarlo e di utilizzarlo per diversi decenni.

Bisogna farlo subito, per permettere una inaugurazione complessiva della struttura che dia subito modo a tutti di vivere il parco nel migliore dei modi.

Finalmente il fiume Basento può tornare ad essere una risorsa per la città, contribuendo a dare una degna cornice che il ponte Musmeci merita, rendendolo visitabile e dandogli il prestigio che merita.

Inoltre, per rendere maggiormente fruibile il parco, bisognerebbe prevedere anche una zona vicina al ponte per l’organizzazione di eventi, come concerti, che godrebbero di uno sfondo magnifico, il Ponte Musmeci, struttura architettonica che potrebbe diventare patrimonio dell’UNESCO. Non tralasciando l’occasione di aprire il fiume alla pesca, rendendolo un attrattore naturalistico e sportivo, per pescatori ed appassionati.

Gli errori del passato fatti con strutture realizzate e poi abbandonate all’incuria e alla desolazione non devono assolutamente essere ripetuti. Per questo è necessario avere la massima attenzione e soprattutto prendere provvedimenti immediati.

Forza Potenza.

Potenza, 20 Aprile 2017

Alessandro Galella, Consigliere comunale Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale Città di Potenza



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
28/04/2017 - Tito, approvato il conto consuntivo con un avanzo amministrativo di 340mila euro

Il totale rispetto dei vincoli imposti dal patto di stabilità e un avanzo di amministrazione di 340mila euro: è quanto restituisce il conto consuntivo 2016 del Comune di Tito, approvato a maggioranza dalla seduta del Consiglio del 27 aprile. “Un risultato importante – ha dic...-->continua

28/04/2017 -  Sviluppo Basilicata: dopo le dimissioni di Maruggi quale sarà il suo futuro?

Le recenti dimissioni di Giampiero Maruggi da Amministratore Unico di Sviluppo Basilicata S.p.a. hanno indotto una serie di riflessioni sulla conduzione e sul bilancio della Società negli ultimi due anni.

Abbiamo presentato un’interrogazione al Presid...-->continua

28/04/2017 - Dichiarazioni di Mario Polese ad iniziativa romana sullo Spreco Alimentare

Il consigliere regionale Mario Polese ha partecipato a Roma assieme all’onorevole Gadda ed al sottosegretario all’Istruzione Vito De Filippo ad una iniziativa dell’ordine dei tecnologi nazionale sulle leggi proposte sia da Gadda che dallo stesso Polese contro ...-->continua

28/04/2017 - Napoli FI su spesa Farmaceutica Ospedaliera. Primi 10 mesi 2016 Basilicata +17ME

“Avremmo dovuto spendere 31 milioni di euro e ne abbiamo invece spesi 48 di milioni, cosi si è sforato il tetto di spesa, previsto dalla legge per la spesa dei farmaci erogati dalle strutture ospedaliere, di ben 17 milioni di euro “.
E’ il commento di Mich...-->continua

28/04/2017 - Finanza locale: Castelluccio (FI), aiuti a comuni non risolve il problema

Non saranno certamente i 2,5 milioni di euro concessi al Comune di Montalbano Jonico, il milione di euro al Comune di Tricarico e i 600 mila euro al Comune di Tursi a risolvere definitivamente i problemi della qualità dei servizi da garantire ai cittadini de...-->continua

28/04/2017 - M5S: Perrino su sentenza TAR che cancella diffide per serbatoi

Il TAR Basilicata ha annullato gli effetti delle diffide della Regione ad Eni perché a proporre alla Regione l'adozione delle diffide nei confronti della compagnia sarebbe dovuta essere l'autorità di controllo (ARPAB) e non poteva, quindi, la Regione esercitar...-->continua

28/04/2017 - PerrinoM5s su contributi a fondo perduto della Regione ai comuni meno virtuosi

Tra i pochi articoli della Legge di Stabilità regionale approvati nei giorni scorsi, Pittella ha trovato ancora il sistema per riproporre il suo “metodo” di contribuzione “a pioggia” a favore di comuni con le finanze disastrate (in dissesto o pre-dissesto): 6...-->continua







WEB TV

Warning: mysql_data_seek(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in D:\inetpub\webs\lasiritideit\canestro.php on line 628
Bullismo, al di là del fatto di cornaca
di Nino Cutro*

Picchiavano e violentavano coetanei e postavano le immagini sui social, quasi come un trofeo
Bulli quindicenni: sono loro i protagonisti di questo fatto di cronaca avvenuto a Vigevano (ma non è la location che interessa) che ripropone un problema purtroppo sempre più diffuso che, sebbene monitorato a più livelli, non trova ancora strategie idonee a circoscriverlo.

Perché questo accade?
Accade perché molte volte l’allarme scatta a cose fatte; perché non siamo riusciti a leggere per tempo i segnali premonitori di un disagio nell’adolescente che potrebbe sfociare, come spesso accade, nella violenza contro coetanei. Ovviamente coetanei più deboli, vittime scelte per “accreditarsi” con se stesso e con gli altri.
Viene spontaneo chiederc...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo