HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Galella FdI-AN sui locali previsti sotto il nuovo ponte pedonale del parco fluvi

20/04/2017

Tra le tante magie di cui la burocrazia è capace, eccone una che fa improvvisamente sparire l’unica struttura ricreativa e ricettiva prevista all'interno del parco.

Circa un anno fa, infatti, nel corso di una Commissione Urbanistica, ci fu presentato il progetto di realizzazione del ponte pedonale nel Parco fluviale del Basento al di sotto del quale era prevista la realizzazione di bagni pubblici e di un locale da dare in gestione attraverso un bando.

Due settimane fa nel corso di un sopralluogo, invece, ci siamo accorti che non c’erano nemmeno le predisposizioni per eventuali bagni.

Solo oggi scopriamo dall'audizione degli uffici comunali che qualcuno avrebbe deciso di sacrificare i locali a causa dell’allargamento del ponte richiesto dall’Autorità di bacino in considerazione di una eventuale piena, cosa che si verifica ogni cinquecento anni. Forse.

Il parco fluviale dovrà rappresentare uno dei più importanti salti di qualità della vita dei potentini, che, ad oggi, non hanno molte aree idonee per la corsa e per andare in bici.

Per evitare però che questo parco diventi un ennesimo parco sporco, abbandonato, distrutto dagli incivili e mal frequentato, c'è assoluto bisogno di una struttura all’interno del parco che svolga il fondamentale ruolo di aggregatore e di controllore.

Per questo, se proprio non ci sarà il modo di realizzare il locale di oltre 50 mq previsto originariamente dal progetto, vuol dire che il Sindaco o gli Assessori competenti debbano prevedere immediatamente un bando che dia la possibilità ad un privato di realizzarlo e di utilizzarlo per diversi decenni.

Bisogna farlo subito, per permettere una inaugurazione complessiva della struttura che dia subito modo a tutti di vivere il parco nel migliore dei modi.

Finalmente il fiume Basento può tornare ad essere una risorsa per la città, contribuendo a dare una degna cornice che il ponte Musmeci merita, rendendolo visitabile e dandogli il prestigio che merita.

Inoltre, per rendere maggiormente fruibile il parco, bisognerebbe prevedere anche una zona vicina al ponte per l’organizzazione di eventi, come concerti, che godrebbero di uno sfondo magnifico, il Ponte Musmeci, struttura architettonica che potrebbe diventare patrimonio dell’UNESCO. Non tralasciando l’occasione di aprire il fiume alla pesca, rendendolo un attrattore naturalistico e sportivo, per pescatori ed appassionati.

Gli errori del passato fatti con strutture realizzate e poi abbandonate all’incuria e alla desolazione non devono assolutamente essere ripetuti. Per questo è necessario avere la massima attenzione e soprattutto prendere provvedimenti immediati.

Forza Potenza.

Potenza, 20 Aprile 2017

Alessandro Galella, Consigliere comunale Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale Città di Potenza



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
19/08/2017 - Montescaglioso: attuazione Decreto Minniti festività patronali

In attuazione al Decreto Minniti (Circolare del 7 giugno 2017 del Ministero dell’Interno - Dipartimento della Pubblica Sicurezza, NR. 555/OP/0001991/2017/1 firmata dal Capo della Polizia Franco Gabrielli), con cui il Ministro dell’Interno, dopo i tragici fatti di Torino, h...-->continua

19/08/2017 - Fondi europei diretti: workshop base sulla progettazione in Basilicata

Da venerdì 29 Settembre 2017 a domenica 1 Ottobre 2017 Rosa D’Amato, Portavoce al Parlamento Europeo in collaborazione con il gruppo regionale M5S Basilicata, Organizza il Workshop Base sulla progettazione con i fondi europei diretti. L’Intervento di formazion...-->continua

19/08/2017 - Rosella (Idv): 'alzare qualità della concertazione sociale'

L’invito del consigliere regionale Pd Piero Lacorazza, a nome della componente del Pd Fronte Democratico, ad aprire quello che definisce un vero confronto con i sindacati, almeno per noi, sfonda una porta aperta e diventa un motivo in più per alzare la qualità...-->continua

18/08/2017 - Ugl e Cittadinanza Attiva sul carcere di Matera

“Conosciamo bene le problematiche e le difficoltà delle persone che quotidianamente lavorano nel carcere di Matera: è solo grazie alla dedizione che operatori socio-sanitari, educatori e agenti della polizia penitenziaria mettono nel loro lavoro che l’istituto...-->continua

18/08/2017 - Bolognetti su presentazione del libro di Nicodemo a Maratea

C'è del tragicomico nel confronto tra Pittella, Nicodemo e Puca, che si terrà questa sera in quel di Maratea. Lor signori parleranno di "Disinformazione" e lo faranno in compagnia di un giornalista che, nel dicembre del 2015, ebbe a scrivere un articolo su Vig...-->continua

18/08/2017 - Senise: sindaca chiede incontro urgente per problemi legati all'agricoltura

La sindaca di Senise Rossella Spagnuolo ha chiesto ufficialmente un incontro urgente al Commissario Unico dei Consorzi di Bonifica Giuseppe Musacchio e alla Regione Basilicata (assessore Braia e Presidente Pittella). Tema dell'incontro richiesto: "le gravi pro...-->continua

18/08/2017 - G.Rosa sulle selezioni interinali ARPAB

È un’agenzia privata, la Manpower, che chiede ad un’Agenzia pubblica, l’ARPAB, di non procedere alla ricezione delle candidature nel mese di Agosto. E già questo dovrebbe far suonare un campanello d’allarme.

Se a questo si aggiunge che era previsto un...-->continua







WEB TV

Warning: mysql_data_seek(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in D:\inetpub\webs\lasiritideit\canestro.php on line 628
Frana di Senise, 31 anni fa. Non crollò solo una collina
di Mariapaola Vergallito

Un anno fa, in occasione del trentesimo anniversario della frana di collina Timpone, a monte dell’abitato di Senise, la parrocchia intese commemorare le 8 vittime, tra queste 4 bambini, con una semplice e significativa immagine: ai piedi dell’altare della chiesa di San Francesco, dove anche oggi si commemoreranno le vittime, un telo bianco posto a più livelli e 8 candele, accese nei punti in cui vivevano, sulla collina, le persone che non ci sono più. Quelle candele accese devono continuare ad emanare luce e calore in chi resta. Soprattutto in tanti giovani, molti dei quali nel 1986 non erano neppure nati, che devono così essere accompagnati nel ricordo di quanto accaduto. Per dovere. E per necessità. L’intima necessità che tali tragedie non si ripetan...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo