HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Salvabanche: basta alle banche di partito, sì alle banche degli italiani

15/02/2017

Il M5S boccia il decreto salva-banche voluto dal Governo Gentiloni e chiede che il credito torni a servire e sostenere l’economia reale

Il Movimento 5 Stelle è pronto a dare battaglia e ribadire il “no” proprio nel giorno in cui Montecitorio dovrebbe dare la sua approvazione al provvedimento “salva-banche”. “Un decreto imposto a colpi di fiducia che stanzia fino a 20 miliardi di euro con l’obiettivo, teorico, di stabilizzare altre porzioni del sistema bancario, a cominciare dal Veneto, e garantire le emissioni di liquidità per gli istituti in difficoltà – dichiara il deputato pugliese Giuseppe L’Abbate (M5S) – Contabilmente, si tratta di una misura temporanea, che incide solo sul debito e non sull’indebitamento e non modifica il percorso verso il pareggio di bilancio. Il problema è che il Governo si muove nell’ambito delle regole comunitarie sugli aiuti di Stato e quindi sarà costretto, a fronte di possibili ricapitalizzazioni precauzionali, ad imporre perdite agli investitori privati”.

Per quanto concerne la vicenda del Monte dei Paschi di Siena, il Movimento 5 Stelle utilizzerebbe soldi pubblici per stabilizzare l’istituto senese e il sistema bancario, ma nell’ottica di un addio al principio della banca universale e di una separazione netta tra istituti di credito d’affari e banche commerciali, perseguendo obiettivi come la tutela del risparmio e il sostegno all’economia reale.

“A differenza del Governo – prosegue Giuseppe L’Abbate (M5S) – avremmo fatto chiarezza sui prestiti deteriorati della banca del Pd e avremmo fatto pagare il conto ai manager per le loro responsabilità: tutti principi che in questo decreto non esistono. Il M5S non vuole sperperare i soldi dei contribuenti, poiché siamo consapevoli del loro valore e lo dimostriamo ogni giorno con i tagli agli stipendi. Siamo però favorevoli alla nazionalizzazione di pezzi del sistema bancario – spiega il parlamentare pugliese – in caso di opportunità e necessità, allo scopo di stabilizzarlo, di dare tranquillità ai risparmiatori, ai mercati e di mantenere in Italia asset e aziende strategiche. Tuttavia, tutto ciò non può prescindere da un’opera di pulizia radicale rispetto alle classi manageriali che hanno ridotto il sistema del credito in questa situazione, grazie anche alla connivenza della politica e alle ‘distrazioni’ dei regolatori. In tal senso – conclude L’Abbate – gli amministratori degli istituti nazionalizzati andranno scelti su basi di trasparenza e merito. Basta alle banche di partito, sì alle banche degli italiani. Il credito deve tornare alla sua funzione pubblica fondamentale: servire e sostenere l'economia reale”.




archivio

ALTRI

La Voce della Politica
25/03/2017 - Pittella a Venosa per #BasilicatainComune

La quinta tappa del tour #BasilicatainComune del Governatore Marcello Pittella arriva nella città oraziana. Dopo i comuni della Val d’Agri e le tappe di Bella, Viggianello e Tursi, il Governatore arriva nell’area Nord della Basilicata. Il Sindaco Tommaso Gammone a fare gli o...-->continua

24/03/2017 - Latronico (DI):la risposta di Delrio su tratta Taranto Sibari

“Ho letto con interesse la tua lettera relativa alla tratta ferroviaria Taranto-Sibari, le tue segnalazioni sullo stato di vetustà del materiale rotabile e la criticità dei collegamenti insufficienti”. Così il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Gra...-->continua

24/03/2017 - Grassano:Lavori di manutenzione strade centro abitato

Nei prossimi giorni molte vie del centro abitato saranno interessate da lavori di ripristino del manto stradale. Circa ottantamila Euro suddivisi sia per interventi di asfalto viale rimembranza, via Matera, via dei caduti, e sia ripristino nel centro storico ...-->continua

24/03/2017 - G.Rosa su intervista Pietrantuono a Striscia

“Continueremo a lavorare sulle cose concrete, per tutelare la salute dei lucani e salvaguardare l’ambiente” dice Pietrantuono dopo l’intervista a Striscia la Notizia. E dopo la figura in ‘diretta nazionale’ l’Assessore ci tiene a precisare che l’intervista fat...-->continua

24/03/2017 - Montescaglioso,lettera aperta del vice sindaco ai commercianti Montesi

Facendo seguito al fattivo e proficuo rapporto di collaborazione intrapreso con le attività commerciali di Montescaglioso, il Vice Sindaco Rocco Oliva scrive loro chiedendo di unire le sinergie per realizzare qualcosa di importante per il futuro.
“Carissim...-->continua

24/03/2017 - Pittella su reumatologia al San Carlo

"La firma dei contratti da parte dei cinque ricercatori dell'Irel è un segnale di speranza che come Basilicata diamo ai giovani". Marcello Pittella, presidente della Regione, introduce così il Report Reumatologia 2016, il tradizionale appuntamento annuale al S...-->continua

24/03/2017 - Braia intervento assemblea AREFLH

“Conferma delle risorse e Pac almeno a 2 pilastri, unico organismo di certificazione del biologico o regole uguali per tutti, più risorse per l’Ocm ortofrutta ma anche e, soprattutto, più rigore perché la spesa sia non solo efficace ma efficiente per lo svilup...-->continua







WEB TV

Warning: mysql_data_seek(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in D:\inetpub\webs\lasiritideit\canestro.php on line 628
Bullismo, al di là del fatto di cornaca
di Nino Cutro*

Picchiavano e violentavano coetanei e postavano le immagini sui social, quasi come un trofeo
Bulli quindicenni: sono loro i protagonisti di questo fatto di cronaca avvenuto a Vigevano (ma non è la location che interessa) che ripropone un problema purtroppo sempre più diffuso che, sebbene monitorato a più livelli, non trova ancora strategie idonee a circoscriverlo.

Perché questo accade?
Accade perché molte volte l’allarme scatta a cose fatte; perché non siamo riusciti a leggere per tempo i segnali premonitori di un disagio nell’adolescente che potrebbe sfociare, come spesso accade, nella violenza contro coetanei. Ovviamente coetanei più deboli, vittime scelte per “accreditarsi” con se stesso e con gli altri.
Viene spontaneo chiederc...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo