HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Salvabanche: basta alle banche di partito, sì alle banche degli italiani

15/02/2017

Il M5S boccia il decreto salva-banche voluto dal Governo Gentiloni e chiede che il credito torni a servire e sostenere l’economia reale

Il Movimento 5 Stelle è pronto a dare battaglia e ribadire il “no” proprio nel giorno in cui Montecitorio dovrebbe dare la sua approvazione al provvedimento “salva-banche”. “Un decreto imposto a colpi di fiducia che stanzia fino a 20 miliardi di euro con l’obiettivo, teorico, di stabilizzare altre porzioni del sistema bancario, a cominciare dal Veneto, e garantire le emissioni di liquidità per gli istituti in difficoltà – dichiara il deputato pugliese Giuseppe L’Abbate (M5S) – Contabilmente, si tratta di una misura temporanea, che incide solo sul debito e non sull’indebitamento e non modifica il percorso verso il pareggio di bilancio. Il problema è che il Governo si muove nell’ambito delle regole comunitarie sugli aiuti di Stato e quindi sarà costretto, a fronte di possibili ricapitalizzazioni precauzionali, ad imporre perdite agli investitori privati”.

Per quanto concerne la vicenda del Monte dei Paschi di Siena, il Movimento 5 Stelle utilizzerebbe soldi pubblici per stabilizzare l’istituto senese e il sistema bancario, ma nell’ottica di un addio al principio della banca universale e di una separazione netta tra istituti di credito d’affari e banche commerciali, perseguendo obiettivi come la tutela del risparmio e il sostegno all’economia reale.

“A differenza del Governo – prosegue Giuseppe L’Abbate (M5S) – avremmo fatto chiarezza sui prestiti deteriorati della banca del Pd e avremmo fatto pagare il conto ai manager per le loro responsabilità: tutti principi che in questo decreto non esistono. Il M5S non vuole sperperare i soldi dei contribuenti, poiché siamo consapevoli del loro valore e lo dimostriamo ogni giorno con i tagli agli stipendi. Siamo però favorevoli alla nazionalizzazione di pezzi del sistema bancario – spiega il parlamentare pugliese – in caso di opportunità e necessità, allo scopo di stabilizzarlo, di dare tranquillità ai risparmiatori, ai mercati e di mantenere in Italia asset e aziende strategiche. Tuttavia, tutto ciò non può prescindere da un’opera di pulizia radicale rispetto alle classi manageriali che hanno ridotto il sistema del credito in questa situazione, grazie anche alla connivenza della politica e alle ‘distrazioni’ dei regolatori. In tal senso – conclude L’Abbate – gli amministratori degli istituti nazionalizzati andranno scelti su basi di trasparenza e merito. Basta alle banche di partito, sì alle banche degli italiani. Il credito deve tornare alla sua funzione pubblica fondamentale: servire e sostenere l'economia reale”.




archivio

ALTRI

La Voce della Politica
21/02/2017 - "Agri-cultura è futuro", intervento di Pittella a Matera

"Ci sono fattori diversi da gelo e neve che possono incidere sul raccolto. L'autostima é uno di questi".
Lo ha detto oggi pomeriggio a Matera, il presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella, intervenendo nel corso di "Agri-cultura è futuro", un incontro tenuto...-->continua

21/02/2017 - Ferrandina: Zizzamia su conclusione lavori metano in area industriale

Da giorni le imprese insediate nell’ area industriale di Ferrandina possono approvvigionarsi di gas metano direttamente dalla rete grazie al completamento della metanizzazione dell’area realizzata nel 2016 dal Consorzio industriale di Matera con un finanziamen...-->continua

20/02/2017 - Leggieri M5s su corruzione e malaffare in Basilicata

Si è aperta in Basilicata una vera e propria questione morale che coinvolge politica, amministrazione pubblica e imprenditoria.
Le notizie delle ultime settimane creano grandi perplessità e non possono essere certamente sottovalutate.
Prima la notizi...-->continua

20/02/2017 - Reddito minimo d'inserimento, incontro in regione

In vista dell’avvio del Programma Reddito Minimo di Inserimento si è fatto il punto in Regione, con le agenzie di formazione, i sindacati e i lavoratori coinvolti

Proroga di due mesi dei tirocini extracurriculari per l’inserimento e il reinserimento a...-->continua

20/02/2017 - Lagopesole,Ass..ne politica culturale su trasloco centro smistamento poste

L’intervento del Segretario Generale della CIGL, Angelo Summa, a questa associazione appare eticamente e moralmente scorretto.
I fatti. Dai quotidiani abbiamo appreso che ad Avigliano (città di residenza del segretario Generale), Poste Italiane ha deciso ...-->continua

20/02/2017 - Oggi incontro tra Regione e Cgil Cisl Uil su reddito minimo

Si è tenuto in mattinata l'incontro tra Regione Basilicata e Cgil Cisl Uil sul tema del Reddito minimo di inserimento.

Dopo il primo risultato ottenuto, i Segretari Generali di Cgil Cisl Uil hanno sospeso il presidio e nella giornata di oggi si sono r...-->continua

19/02/2017 - G.Rosa: Lo spettacolo Fa'fafine viola la decisione del Consiglio regionale

Da padre di un bimbo di 9 anni, io rivendico il diritto di priorità nella scelta del genere di istruzione da impartire ai miei figli, così come l'articolo 26 terzo comma, della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, dove per istruzione si intende non ...-->continua







WEB TV

Warning: mysql_data_seek(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in D:\inetpub\webs\lasiritideit\canestro.php on line 628
Tra i mali dell’umanità le tossicopatie
di Sac. Don Camillo Perrone – Parroco emerito di San

Basilicata immune dalle contaminazioni della droga? Niente affatto!
Spacci di droga si sono registrati recentemente da Melfi a Senise, da Avigliano a Maratea. Imperversano gli stupefacenti. Retate e manette a raffica. Occorre ben riflettere e agire con vigore.
L’umanità oggi soffre di molti mali fisici, psichici e sociali. Col crescere del progresso scientifico e tecnico aumentano i beni della terra, si dilata il benessere della gente, ma divampa sempre più la brama del piacere, sollecitata dalla pubblicità irresistibile del consumismo, e il disordine dei costumi non ha più freno. I valori vengono disattesi o falsati se non addirittura rigettati, particolarmente il valore della vita e dell’amore. La civiltà dei consumi non risparmia neppure l’a...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo