HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Asili nido e servizi per l’infanzia: l’Istat fotografa la situazione

11/01/2017

L'Istat presenta per la prima volta i risultati del Censimento delle unità pubbliche e private che offrono servizi socio-educativi per la prima infanzia. L'indagine colma un rilevante vuoto informativo integrando le statistiche su questa tipologia di servizi con i dati relativi alla dotazione delle strutture sia nel settore pubblico sia nel settore privato.Nell'anno scolastico 2013/14 sono state censite sul territorio nazionale 13.459 unità che offrono servizi socio-educativi per la prima infanzia, il 35% è pubblico e il 65% privato. I posti disponibili, in tutto 360.314, coprono il 22,4% del potenziale bacino di utenza, ossia i bambini sotto i tre anni residenti in Italia.
Per i servizi socio-educativi rivolti alla prima infanzia i Comuni hanno impegnato nel 2013 circa 1 miliardo 559 milioni di euro: il 3% in meno rispetto all'anno precedente.
Pressoché invariata, fra il 2012 e il 2013, la cifra incassata dai Comuni per la compartecipazione alla spesa da parte delle famiglie che è pari a circa 310 milioni di euro. Nell'arco del decennio 2003-2013, la quota a carico delle famiglie aumenta dal 17,5% al 20% della spesa comunale complessiva per gli asili nido.
Le differenze territoriali nella quota di bambini presi in carico dai servizi pubblici o finanziati dal settore pubblico sono ancora forti. Al Centro-nord i posti censiti nelle strutture pubbliche e private coprono il 28,2% dei bambini sotto i 3 anni, mentre nel Mezzogiorno si hanno 11,5 posti per cento bambini residenti. Oltre il 17% dei bambini del Centro-nord è accolto in servizi comunali o finanziati dai Comuni. Nel Mezzogiorno è meno del 5%.
Notevoli anche le differenze nella spesa comunale in rapporto al potenziale bacino di utenza. Confrontando i Comuni capoluogo di Provincia, la spesa più alta si ha a Trento, con 3.560 euro per bambino residente, seguono Bologna con oltre 3.400 e Roma con quasi 2.950 euro pro-capite; sul versante opposto si trovano i Comuni di Reggio Calabria (31 euro per bambino), Vibo Valentia (57 euro), Catanzaro (67 euro).
“In Basilicata – dichiara Lina Bonomo, presidente regionale di Federsolidarietà-Confcooperative – l’indicatore di presa in carico degli utenti è tra i più bassi del Paese. Sono necessarie – aggiunge Bonomo - misure di sostegno alle famiglie per l’accesso agli asili nido e, ancora più urgenti, misure di sostegno per l’accessibilità dei bambini con disabilità anche relativamente alle scuole materne”.




archivio

ALTRI

La Voce della Politica
13/12/2017 - G.Rosa sull’individuazione delle ZES

Continua l’incessante delegittimazione del Consiglio regionale da parte di Pittella&Co.. Lo abbiamo ribadito oggi durante la seduta consiliare chiedendo che la individuazione delle zone economiche speciali lucane passi attraverso il dibattito nella massima Assise.

N...-->continua

13/12/2017 - Presentazione del coordinamento cittadino FdI di Filiano

Si svolgerà a Filiano, presso il Centro sociale ‘Prof. Lorusso’ della biblioteca comunale, giovedì 14 dicembre alle ore 18, la presentazione del coordinamento cittadino filianese di Fratelli d’Italia.

Sarà altresì l’occasione per discutere, con il Con...-->continua

13/12/2017 - Pittella ha incontrato delegazione Consiglio Montescaglioso sulla vicenda frana

Nella giornata di martedì 12 dicembre, presso la Sala Giunta della Regione Basilicata, il Governatore Marcello Pittella ha ricevuto la delegazione del Consiglio Comunale di Montescaglioso, del Cottam e della Confapi - Matera, al fine di garantire una risoluzio...-->continua

13/12/2017 - M5s Venosa sul futuro dell’Ospedale di Venosa

A seguito dell’interrogazione presentata nei giorni scorsi dal Movimento 5 Stelle Venosa sulla situazione dell’Oculistica e, più in generale, sulle prospettive future del nosocomio venosino, ieri sera si è tenuto un consiglio comunale aperto che ha visto la pa...-->continua

13/12/2017 - Montescaglioso:convocazione Consiglio Comunale

Si avvisa che il Consiglio Comunale è convocato in seduta STRAORDINARIA ed in prima convocazione, nella sala consiliare per le ore 9,30 del giorno 16/12/2017 per discutere gli argomenti di cui al presente Ordine del giorno.
Nel caso che l’adunanza andas...-->continua

13/12/2017 - UilFpl: bene la contrattazione al San Carlo

Nel corso dell’incontro della Delegazione trattante dell’AOR San Carlo tenutasi ieri, si è fatto il punto sulla riorganizzazione della rete ospedaliera e si è dato il via ad una nuova fase della contrattazione integrativa. L’Azienda ha dichiarato di aver concl...-->continua

13/12/2017 - Sanità, Pittella su ospedale Venosa e sanità lucana

“E’ stato un incontro molto positivo: più occasioni di confronto e di merito ci sono e più riusciamo ad avere la verità delle informazioni. Siamo riusciti, questa sera, anche a recuperare stimoli, proposte ed idee che oggettivamente un dibattito a più voci può...-->continua







WEB TV

Warning: mysql_data_seek(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in D:\inetpub\webs\lasiritideit\canestro.php on line 628
Se la tecnologia aumenta il baratro tra le generazioni
di Mariapaola Vergallito

Poco tempo fa mi ha fatto riflettere lo slogan usato a chiosa di una pubblicità della Samsung sulla realtà virtuale. Per intenderci: quello spot (molto bello, per la verità) in cui si vedono alcuni studenti correre su una pianura in mezzo ai dinosauri ma, in realtà, sono nella loro classe. Alla fine di quello spot lo slogan recitava più o meno così: quello che per la generazione precedente era impossibile, la generazione successiva lo ha già realizzato. Vero e inquietante.

Sono nata all’inizio degli anni Ottanta. Ho vissuto la mia infanzia e la mia adolescenza, periodi cruciali per la vita di ognuno, tra gli anni Ottanta e gli anni Novanta, anni in cui gli strumenti che avevamo per approcciarci al mondo e, soprattutto, per far entrare il mon...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo