HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Rotonda: un fenomeno della maratona a 72 anni

20/10/2019



In questo periodo si parla tanto della maratona per via dell’impresa del keniota Eliud Kipchoge, il primo uomo nella storia a scendere sotto i due minuti in una delle discipline più antiche e nobili dell’atletica leggera.
Ma anche Rotonda può vantare un fenomeno che, a 72 anni, si cimenta ancora nella stessa specialità con risultati straordinari.
L’atleta rotondese si chiama Francesco La Regina, vive a Carmagnola ed è emigrato in Piemonte nel lontano 1969 per lavorare alla Fiat.
Francesco è reduce dall’ennesima impresa, per essere riuscito a conquistare il terzo posto nella recente maratona di Chicago: dove ha partecipato nella fascia d’età compresa tra i 70 e 75 anni, ma sempre sulla distanza olimpica di 42 chilometri e 195 metri.
“Non so da cosa dipenda, sarà un dono di natura, ma riesco a cimentarmi bene su questa distanza”, ci dice Francesco.
Una passione coltivata, ormai, da mezzo secolo. “Dopo essere emigrato ho cominciato a corricchiare insieme agli amici e, piano piano, ho anche iniziato a gareggiare e vincere”.
I suoi allori sono innumerevoli, ma il successo più prestigioso lo ha indubbiamente ottenuto nel 2014 quando è stato capace di trionfare nella maratona di New York.
Gli allenamenti sono tanti e duri, ma non lo spaventano minimamente. “Se bisogna preparare una mezza maratona si arrivano a fare diverse ripetute sui 20 chilometri, invece per quella lunga si arriva gradualmente quasi ai 40 chilometri. Mentre durante l’allenamento quotidiano si percorrono sui 10, 15 fino ai 20 chilometri”.
Ciò che meraviglia è che le sue performance sono sempre di altissimo livello. “Quando avevo 50 anni tenevo ritmi tra 3 e 45 fino 4 minuti al chilometro. Adesso, nelle gare lunghe, sono sceso fino a 4 minuti e 5 secondi al chilometro”.
“Devo dire la verità – aggiunge ancora Francesco – rispetto a tanti miei compagni, che avvertono tanti acciacchi, io non soffro di particolari problemi e infatti, ovunque vada, chiudo quasi sempre al comando”.
Nonostante l’imminente arrivo della stagione invernale, il maratoneta di origini lucane che torna ogni anno a Rotonda, non ha nessuna intenzione di fermarsi. “Le gare ci sono in tutte le stagioni, da dicembre fino a marzo si gareggia nella campestre, per poi tornare su strada”.

Gianfranco Aurilio
lasiritide.it


ALTRE NEWS

CRONACA

20/11/2019 - UILM-FISMIC: ritirate lettere di licenziamento lavoratrici Logistica Cassino
20/11/2019 - A San Severino lucano ha aperto l’asilo nido
20/11/2019 - Donna morta a Potenza. Era stata trovata in casa sepolta dai rifiuti
19/11/2019 - Castelluccio Sup.: uomo arrestato per spaccio di sostanze stupefacenti

SPORT

20/11/2019 - Rimonta Vultur, Rotonda ko: finale col Lavello. Sarà anche Oppido-Venosa
20/11/2019 - Il tecnico Inter, Simone Chinelli, in visita alla ASD Matheola Matera
20/11/2019 - Volley Lagonegro: il commento di Falabella dopo la vittoria a Reggio Emilia
20/11/2019 - Judo, a Policoro la finale di Coppa Italia A2 e A1

Sommario Cronaca                        Sommario Sport






    



NEWS BREVI

20/11/2019 Sospensione idrica oggi in Basilicata

Potenza: per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione, è in corso la sospensione dell'acqua potabile in via Sandro Pertini. Il ripristino è previsto alle ore 15:30 di oggi, salvo imprevisti.

Maschito: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 14:30 di oggi alle ore 07:00 di domani mattina, salvo imprevisti.

19/11/2019 COMUNICATO SOSPENSIONI IDRICHE

Tursi: a causa di un guasto improvviso, è in corso la sospensione dell'erogazione idrica in corso Vittorio Emanuele e zone limitrofe. Il ripristino è previsto al termine dei lavori di riparazione.

19/11/2019 COMUNICATO SOSPENSIONI IDRICHE

Potenza: per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa in contrada San Francesco e zone limitrofe dalle ore 12:00 di oggi fino al termine dei lavori.

EDITORIALE

Il fuoco del ghetto illumini le nostre coscienze
di Mariapaola Vergallito

Nessuno di noi dovrà più tornare indietro da quanto accaduto ieri. Nessuno di noi dovrà poter cancellare il capitolo nero marchiato col fuoco del ghetto della Felandina di Metaponto. Non che di vergogna e di indecenza prima di ieri non ce ne fossero abbastanza. Ma forse si doveva arrivare alla morte di una povera donna nigeriana resa irriconoscibile dal fuoco di un’alba lucana per accenderne un altro, di fuoco: quello dell’indignazione attiva, della coscienz...-->continua





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo