HOME Contatti Direttore WebTv News News Sport Cultura ed Eventi
 
Giro d’Italia Ciclocross, finalmente il fango

14/12/2020

FERENTINO – Missione compiuta nel lago di fango delle Molazzete. Il parco del comune di Ferentino si è trasformato in una distesa di terra morbida e acqua per accogliere al meglio il popolo del Giro d’Italia Ciclocross che, da amante del fango purosangue, ha ovviamente apprezzato e ha dato il meglio di sé. Oltre il valore puramente numerico degli oltre 750 atleti al via in 8 partenze (mancavano solo i giovanissimi) è quello tecnico a far brillare gli occhi a chi fa del ciclocross la sua passione. Si sono rivisti in gara tutti i grandi nomi del cross italiano del momento e ciascuno, a suo modo, ha dato spettacolo, rendendo spumeggiante la sesta tappa del GIC, con risultati spesso imprevedibili e numerosi outsider che hanno avuto modo di esprimersi al meglio su un percorso duro.
Quello messo in piedi dalla MTB Ferentino Bikers e dell’ASD Romano Scotti si è rivelato un banco di prova non solo per gli atleti, rimarcando l’importanza della corsa a piedi e dell’equilibrio, ma anche per i meccanici, che sono stati il vero anello forte della catena. Molte delle gare in programma si sono decise per aver azzeccato il cambio corretto ai box e per aver lavato e lubrificato al meglio i mezzi in un’autentica tempesta di acqua nebulizzata. La tappa di Ferentino era anche tappa del molto seguito Lazio Cross – Trofeo Romano Scotti Gruppo Forte e prova unica del campionato provinciale di Frosinone. «Ce l’abbiamo fatta. Per il quarto anno consecutivo abbiamo messo in piedi una grandissima festa con la grande collaborazione dell’ASD Romano Scotti – spiega Ornella Amantini (MTB Ferentino Bikers) - Vedere la felicità negli occhi di tutti e l’adrenalina nei ragazzi, affascinati dal fango, è un bellissimo successo. Grazie a tutti e un abbraccio particolare agli sponsor e all’amministrazione comunale che ci è stata particolarmente vicina».
La laboriosa opera dei team ai box e il grande senso di responsabilità mostrato nel rispetto delle norme anti-contagio non è sfuggito agli uomini dell’ASD Romano Scotti- Sergio Scotti, vicepresidente dell’ASD Romano Scotti ha dichiarato: «Non potevamo chiedere di meglio a Ferentino, al Lazio e al popolo del Giro d’Italia Ciclocross. Nonostante la situazione che stiamo vivendo siamo riusciti ad allestire un grande evento ciclistico, in cui non solo numericamente, ma anche qualitativamente, abbiamo sedotto il meglio del ciclocross italiano. Grazie alle società che fanno centinaia di chilometri per il Giro d’Italia Ciclocross, grazie agli atleti per il loro impegno anche su un percorso difficile come quello di oggi, un grazie grandissimo a Ornella, Aurelio e a tutta la MTB Ferentino Bikers per il grande cuore che hanno profuso nell’organizzare questa tappa». «Dal punto di vista tecnico – gli fa eco il CT della nazionale Fausto Scotti – oggi sono emersi valori molto interessanti e atleti con spiccate caratteristiche, anche outsider. Ma quello che vorrei sottolineare è il lavoro dietro le quinte svolto dai meccanici: è lì che bisogna prepararsi bene per primeggiare in gare come queste, non conta solo l’atleta ma soprattutto l’affiatamento con isuoi meccanici e il loro allenamento a resistere a gelo, acqua e vento e rendere impeccabile il mezzo in pochi minuto. Anche per questo ci si allena, così come un percorso come Ferentino porta alla ribalta un tema importante: è fondamentale abituare i ragazzi anche alla corsa a piedi, che è una componente essenziale di questa meravigliosa disciplina chiamata ciclocross»
8 gare al cardiopalma
UOMINI OPEN – Ci deve essere un legame speciale tra Ferentino, il Giro d’Italia Ciclocross e Cristian Cominelli (Scott). Un triangolo amoroso che giova al bresciano, che qui è particolarmente a suo agio: ne è dimostrazione la vittoria di classe che ha ottenuto sul percorso ciociaro, la terza in sue tre partecipazioni. E se è pur vero che la maglia rosa è particolarmente a suo agio quando c’è da correre a piedi (in fondo è nato podista), bisogna riconoscere che alle Molazzete ha vinto anche con l’asciutto e la velocità. Il successo della maglia rosa ha un sapore speciale, perché è il primo in questa edizione del GIC dopo una serie ininterrotta di (certamente fruttuosi) piazzamenti. «Tre volte che corro qui e tre vittorie – spiega Cominelli - Quando c’è così tanto da fare a piedi io emergo, ma avevo vinto anche sull’asciutto. Sono contento dopo tanti secondi posti di portare a casa la vittoria e conservare la maglia rosa; questo era l’obiettivo. Ora ho qualche punto in più, non era semplice in una giornata d’altri tempi ma ci siamo riusciti». Secondo a oltre un minuto si è piazzato il tricolore Jackob Dorigoni (Selle Italia Guerciotti Elite), ma la vera sorpresa di giornata è la sbalorditiva prestazione di Luciano Rota (Development Guerciotti), che per lungo tratto ha anche guidato la gara. Una gara strana (in cui al via c’era anche il rientrante Gioele Bertolini) che ha visto sovvertiti molti valori in campo e una partenza sprint sia del lombardo Rota che del trentino Andrea Martinelli (outsider anch’egli), entrambi molto a loro agio nei tratti podistici, come conferma il portacolori della Delopment Guerciotti: «Mi dicono sempre che ho sbagliato sport, ma a me piace il ciclismo ed eccomi qua. Sono partito un po’ male, mi sono incastrato con un collega e mi sono ritrovato nelle retrovie. La foga del momento mi ha fatto guadagnare subito, ho sentito di star bene e mi sono portato sulla testa della corsa. Poi è risalito fortissimo Cristian e dopo di lui Jackob, il loro ritmo era troppo forte e sono andato via del mio, cerando di mantenere il podio». Seppur ai piedi del podio (4°) una grande prestazione è stata quella di Luca Cibrario (Development Guerciotti), anch’egli particolarmente a suo agio sui terreni più difficili. Maglia rosa ancora sulle spalle di Marco Pavan (oggi meno brillante del solito).
DONNE OPEN – Giornata di grandi rientri: oltre alle consuete protagoniste del GIC si rivedono ai nastri di partenza delle vecchie conoscenze del ciclocross italico. Ci sono infatti Rachele Barbieri, Silvia Persico e Chiara Teocchi. È proprio la bergamasca a fulminare tutte in partenza e a dominare il primo giro, salvo poi essere ripresa dalla coppia scatenata di casa Guerciotti, Francesca Baroni e Gaia Realini, che hanno impresso alla gara un ritmo insostenibile per le altre. Solo Silvia Persico (Valcar) ha provato a tenere il ritmo per poi consolidarsi saldamente in terza posizione. Correndo per penultime e dopo ben sei gare le ragazze hanno trovato un percorso particolarmente impegnativo, non pochi i ritiri di spessore, come quello di Casasola e Rumac. Nelle fasi finali l’allungo decisivo della maglia rosa ci consegna questa classifica:1^ Francesca Baroni (Selle Italia Guerciotti Elite); 2^ Gaia Realini (Selle Italia Guerciotti Elite); 3^ Silvia Persico (Valcar). La Baroni ha commentato: «Sono partita male, non sono riuscita ad attaccare il pedale, ma horimontato subito, ho cercato di controllare le forze perché su un percorso così particolare dove c’era tantissimo da correre a piedi bisognava stare attenti. All’ultimo giro, con Gaia, ho pensato: o la va o la spacca. Mi è andata bene, ma è stata davvero una gara dura, dura dura. Sono contenta di aver vinto e desidero dedicare questa vittoria alla mia migliore amica Elena, con cui purtroppo non riesco a vedermi spesso, le avevo promesso una vittoria e poi vorrei salutare mia mamma che oggi mi ha seguita da casa». Si conferma maglia bianca Alice Papo.
JUNIORES – Altra gara decisamente imprevedibile è stata quella degli uomini juniores, con il primo e il secondo della generale (Cancedda e Carrer) che non sono mai riusciti a riemergere discretamente dal fango pesante, lasciando che la corsa generalmente più incerta del tabellone generasse il sesto vincitore diverso in sei appuntamenti. È infatti Matteo Siffredi (Development Guerciotti) a porre il sigillo, con una fuga solitaria durata metà gara e insidiata nel finale dallo strepitoso recupero del beniamino di casa Federico De Paolis (Race Mountain Folcareli). «É stata una gara dura, sapevo di dover tenere qualcosa per l’ultimo giro. Ci sono riuscito e si è rivelata una bellissima gara» ha commentato il vincitore, mentre De Paolis, gli ha fatto eco: «Ho corso in casa e con il percorso così fangoso ho ottenuto un secondo posto splendido, sospinto dal mio pubblico. Un’emozione indescrivibile». Il terzo gradino del podio è prezioso per Enrico Barazzuol (Rudy Project) che così torna in possesso del simbolo del primato. Ora la maglia rosa ha 9 e 17 punti sugli inseguitori. Vista l’imprevedibilità di questa categoria e del ciclocross in generale si può dire che sia tutto aperto: «Tornare in maglia rosa è una grandissima soddisfazione, ma adesso tocca mantenerla – ha commentato Barazzuol - Per questo vi do appuntamento a Sant’Elpidio a mare il 6 gennaio per il gran finale del Giro d’Italia Ciclocross».
ALLIEVI M/F – Non c’è storia, battere Ettore Prà (Hellas Monteforte) sta diventando alquanto difficile, nonostante l’imprevedibilità del cross il veronese riesce a emergere in tutti gli scenari, anche se si tratta di un lago di fango. La maglia rosa vince agevolmente (si fa per dire) in quel di Ferentino, precedendo Tommaso Cafueri (Acido Lattico Team) e Simone Vari (Race Mountain Folcarelli).
Molto bene le ragazze, con Federica Venturelli che si impegna con successo per riprendersi la maglia rosa dalle spalle di Arianna Bianchi, decisamente sottotono su un tracciato come quello odierno e fuori dal podio. La lombarda del team Fiorin centra l’obiettivo grazie al secondo posto al traguardo, ma i più calorosi applausi sono da tributarsi a una splendida Giulia Rinaldoni (Team Cingolani), che al termine di una gara condotta sempre in solitaria coglie a Ferentino il primo successo in una tappa del Giro d’Italia Ciclocross, facendo emergere doti da equilibrista nei tratti più impervi. Terza Valentina Corvi (Melavì Tirano Bike).
ESORDIENTI M/F – È un lampo neroverde quello che squarcia il liquido fango di Ferentino e regala alla Jam’s Bike Team Buja uno bellissimo successo tra i più piccoli: Ettore Fabbro coglie la sua prima perla al GIC dopo una gara di spessore, guidata sin dalle prime fasi. Fabbro ha sfumato il monocolore Da Rios che durava ormai da cinque tappe consecutive. Il veneto della Sanfiorese ha limitato i danni concludendo in seconda posizione, mentre terzo è Mattia Gagliardoni Proietti (Nestor Masciano).

Tra le ragazze emerge una inaspettata ma eccellente outsider proveniente dall’Emilia Romagna: vince Elisabetta Lunghi (Val D'Enza Aktiv Team) sulla maglia rosa Elisa Ferri (Olimpia Valdarnese), mentre Angelica Coluccini (San Miniato Ciclismo) conquista per la prima volta un podio nel Giro d’Italia Ciclocross.
MASTER – Folla di cicloamatori per il Parco delle Molazzete. Oltre 150 i partenti tra i master, divisi in due gare separate. Tra i master di seconda fascia continua il monocolore Folcarelli: il laziale Massimo ingrana la sesta e firma l’ennesimo successo consecutivo, precedendo Graziano Bonalda e Ezio Cameli. Incredibilmente fuori dalla top 15 il secondo in generale, Carrer, autore di una prestazione opaca. In prima fascia fa festa la maglia sempre più rosa Fabrizio Trovarelli, che riesce ad avere la meglio di Marco del Missier e Matteo Cancherini. Spettacolo puro tra le donne, con Ania Bocchini che, vincendo, è quasi riuscita nell’impresa di strappare la maglia dalle spalle di Sabrina di Lorenzo. La laziale si è difesa portando a casa l’unico risultato utile alla causa: il secondo posto in volata su Sara Maggiorana.
Il report generale di giornata
Coloro che non riuscissero a visualizzare le classifiche o qualsiasi altro documento da dispositivo mobile possono consultare il link esterno: CLASSIFICHE DI GARA (Ferentino).
Master Fascia 1 | Maglia Rosa-gialla: Fabrizio Trovarelli
Master Fascia 2 | Maglia Rosa-gialla: Massimo Folcarelli
Master Donne | Maglia Rosa-gialla: Sabrina Di Lorenzo
Esordienti Uomini  | Maglia Rosa-gialla: Riccardo Da Rios
Esordienti Donne  | Maglia Rosa-gialla: Elisa Ferri
Allievi Uomini  | Maglia Rosa-gialla: Ettore Prà
Allieve Donne  | Maglia Rosa-gialla: Federica Venturelli (NEW)
GARE DEL POMERIGGIO
Juniores Uomini  | Maglia Rosa: Enrico Barazzuol (NEW)
Donne Open  | Maglia Rosa: Francesca Baroni  – Maglia Bianca: Alice Papo 
Uomini Open  | Maglia Rosa: Cristian Cominelli – Maglia Bianca: Marco Pavana

 

 

ALTRE NEWS


Notizie dall'Italia e dall'Estero - Lasiritide OUT -
4/07/2022 - Eva Grimaldi ed Imma Battaglia ospiti del Bahke Boat Fest 2022

Torna l'attesissimo appuntamento con il Bahke Boat Fest. La quarta edizione della serie di eventi estivi "on boat" organizzati dall'associazione culturale PMP Keope Entertainmentcomincia col botto: venerdì 15 luglio alle 20 dal Piazzale Democrate di Taranto salperanno, insie...-->continua

4/07/2022 - Campania. Allarme Covid, oltre 10mila nuovi contagi

Sono 10.078 i nuovi contagi in Campania: lo ha reso noto l'Unità di Crisi della Regione. Di questi, 9.522 sono emersi dagli antigenici e 556 dai molecolari su 29.124 tamponi effettuati, di cui 25.131 antigenici e 3.993 molecolari. Zero decessi nelle ultime 24 ...-->continua

4/07/2022 - Operazione antimafia in Italia, arresti in Puglia, Calabria, Sicilia, Emilia Romagna e Friuli

Dalle prime ore di questa mattina, i carabinieri del Comando provinciale di Bari, a conclusione di indagini coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia della Procura della Repubblica del capoluogo pugliese, stanno eseguendo un’ordinanza di custodia caute...-->continua

1/07/2022 - Dopo 2 anni i Testimoni di Geova tornano a contattare le persone

I Testimoni di Geova, noti in tutto il mondo per la loro attività di evangelizzazione, tornano a contattare le persone nelle strade e nelle piazze di tutta Italia. La loro attività in presenza era stata sospesa nei luoghi pubblici nel marzo 2020 a causa della ...-->continua

1/07/2022 - Salerno. Estorsioni: eseguiti 38 arresti e sequestrati beni per 74.000 euro

Ieri mattina, nelle province di Salerno, Avellino, Frosinone, Caserta e Chieti, i Carabinieri del Comando Provinciale di Salerno, supportati da quelli dei reparti territorialmente competenti e da unità cinofile del nucleo di Pontecagnano, hanno eseguito un'ord...-->continua

1/07/2022 - Guardia di Finanza: oltre 6 milioni di euro di evasione nel settore informatico: arrestato 48enne a Scafati

Nelle prime ore di questa mattina, su disposizione del Gip del Tribunale di Salerno, la Guardia di Finanza ha eseguito, tra le province di Salerno ed Avellino, un’ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di V.C, indagato per una ...-->continua

30/06/2022 - LPN-Camorra: estorsioni e truffa allo Stato, 38 misure tra Campania, Abruzzo e Lazio

Trentotto misure cautelari di cui 14 in carcere, 21 ai domiciliari, 3 obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria sono state eseguite, all'alba, tra le regioni Campania, Abruzzo e Lazio. I carabinieri della compagnia di Salerno hanno eseguito, un provve...-->continua


CRONACA BASILICATA

4/07/2022 - Covid19 Basilicata: tasso di positività sopra il 40%, aumentano i ricoveri
4/07/2022 - Cersosimo, disagi per i prelievi in ambulatorio
3/07/2022 - Aql, Latronico: Regione ha finanziato tre milioni per la progettazione
3/07/2022 - Crisi idrica: ancora troppi i comuni con rete fatiscente o senza depurazione

SPORT BASILICATA

4/07/2022 - 17 Luglio la POLLINO MARATHON settima tappa del Trofeo dei Parchi Naturali e tappa Prestigio 22
4/07/2022 - Francavilla, Lazic: ‘Mi hanno chiamato tanti allenatori, ma non ho scelto nessuno perchè aspetto la società’
4/07/2022 - Serie D Lavello: conti in ordine. Inviate liberatorie, ora si attendono novità su assetto societario e staff
4/07/2022 - Futsal Senise: confermato mister Masiello. Patron Cappuccio: ‘Resta con noi nonostante le richieste’

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI
1/12/2021 Ultimo lotto Bradanica, domani alle 11.30 l’apertura al traffico

Come annunciato nei giorni scorsi verrà aperto domani, 2 dicembre, l’ultimo lotto “La Martella” della strada Statale “Bradanica”.
L’apertura al traffico è in programma alle ore 11.30 al km 135 lato La Martella.
Sarà presente l’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità, Donatella Merra.

28/11/2021 Poste Italiane: estesi orari apertura di tre uffici postali lucani

Poste Italiane comunica che a partire lunedì 29 novembre, gli Uffici Postali di Matera 5, Melfi e Moliterno saranno interessati da un potenziamento degli orari di apertura al pubblico.
In particolare, gli uffici postali di Melfi e Moliterno (PZ) saranno aperti dal lunedì al venerdì, dalle ore 8:20 – 19:05, il sabato dalle ore 8:20 alle 12:35. Matera 5 osserverà l’orario di apertura su 6 giorni lavorativi. Lun/ven 08:20 – 13:45, sabato  08:20 – 12:45.
Questi interventi confermano la vicinanza di Poste Italiane al territorio e alle sue comunità e la volontà di continuare a garantire un sostegno concreto all’intero territorio nazionale. Anche durante la pandemia, infatti, Poste Italiane ha assicurato con continuità l’erogazione dei servizi essenziali per andare incontro alle esigenze della clientela, tutelando sempre la salute dei propri lavoratori e dei cittadini.
L’Azienda coglie l’occasione per rinnovare l’invito ai cittadini a recarsi negli Uffici Postali nel rispetto delle norme sanitarie e di distanziamento vigenti, utilizzando, quando possibile, gli oltre 8.000 ATM Postamat disponibili su tutto il territorio nazionale e i canali di accesso da remoto ai servizi come le App “Ufficio Postale”, “BancoPosta”, “Postepay” e il sito www.poste.it. 

15/11/2021 Obbligo di catene o pneumatici da neve

E’ stata emessa questa mattina e trasmessa alla Prefettura ed a tutte le Forze dell’ordine, l’ordinanza firmata dal Dirigente dell’Ufficio Viabilità e Trasporti della Provincia, l’ing. Antonio Mancusi, con la quale si fa obbligo:“A tutti i conducenti di veicoli a motore, che dal 01 Dicembre 2021 fino al 31 Marzo 2022 transitano sulla rete viaria di competenza di questa Provincia di Potenza, di essere muniti di pneumatici invernali (da neve) conformi alle disposizioni della direttiva comunitaria 92/33 CEE recepita dal Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti 30/03/1994 e s.m.i. o a quelle dei Regolamenti in materia, ovvero di avere a bordo catene o altri mezzi antisdrucciolevoli omologati ed idonei ad essere prontamente utilizzati, ove necessario, sui veicoli sopraindicati.

Tale obbligo ha validità, anche al di fuori del pericolo previsto in concomitanza al verificarsi di precipitazioni nevose o formazione di ghiaccio”.





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo