HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La città di Potenza si tinge di Rosa

27/01/2022

Nella notte di ieri, 26 gennaio, a 100 giorni dalla partenza della Corsa Rosa, le città che ospiteranno le 21 tappe del Giro d'Italia hanno illuminato i simboli che le rappresentano, dai monumenti alle piazze, passando per le vie e i luoghi più caratteristici.

All’iniziativa ha partecipato anche la città di Potenza dove il 13 maggio farà tappa la Carovana. Per questa ragione ieri sera è stato illuminato di rosa il Teatro Francesco Stabile.

“Abbiamo scelto il Teatro Stabile – afferma l’assessore allo Sport del Comune di Potenza, Patrizia Guma – perché rappresenta un simbolo della storia e della cultura della nostra città. In questo difficile periodo pandemico, la illuminazione a rosa di questo nostro monumento ha anche una forte valenza simbolica, una luce di speranza affinchè si esca definitivamente dal tunnel in cui il Covid ci ha fatto entrare. Quella di Potenza come città di tappa del giro non può che inorgoglire tutta la comunità ed è il risultato proficuo di un prezioso lavoro istituzionale condotto insieme da Comune di Potenza, Regione Basilicata e Apt”.

“L’avvicinarsi del Giro - commenta l’assessore regionale alle Politiche di sviluppo e allo sport Francesco Cupparo - si accompagna ad iniziative coordinate di promozione utili a far conoscere i nostri territori a una platea internazionale di appassionati. L’effetto del Giro d’Italia in termini di visibilità, è di rilevanza mondiale e ci consente di valorizzare la Basilicata non solo come luogo di turismo, ma anche di sport e di benessere”.

“Tutte le città di tappa – afferma il direttore generale Apt Basilicata, Antonio Nicoletti - domani sera illumineranno di colore rosa un monumento storico o architettonico per simboleggiare il percorso verso la partenza. La carovana Rosa farà tappa a Potenza il 13 maggio dopo un itinerario di 198 chilometri che partirà da Diamante per attraversare alcuni dei paesaggi piú suggestivi della Basilicata occidentale, dal Tirreno alla Val d’Agri alle vette dell’Appennino Lucano, con arrivo nel centro del capoluogo di regione, da cui i ciclisti ripartiranno il giorno dopo. Dopo due anni il Giro torna in Basilicata mostrando al mondo le sue meraviglie paesaggistiche e culturali.”

Il Giro d'Italia partirà da Budapest (Ungheria) il 6 maggio per terminare a Verona il 29 maggio. Quella dall’Ungheria, sarà la 14^ Partenza dall’estero per il Giro d’Italia e la prima da un paese dell’Est Europa.



archivio

ALTRE NEWS

ALTRE NEWS
27/09/2022 - Matera: venerdì conferenza sul tema 'Sud e magia'

Venerdì 30 prossimo, alle ore 17,30, il Centro Carlo Levi di Matera organizza, nella Saletta di Palazzo Lanfranchi, una Conferenza sul tema:
“SUD E MAGIA:
Naturale, preternaturale, sovrannaturale a Napoli e nell’Europa di età moderna”.

Nella sua dolorosa sco...-->continua

27/09/2022 - I beneficiari del centro Rotary giocano a bocce con i giovani dell' Erasmus

Continua il confronto esperienziale su scala europea, finalizzato all’inclusione sociale, del centro socio-educativo diurno per persone disabili Rotary del comune di Potenza, gestito dalla cooperativa sociale La Mimosa. Mercoledì 28 settembre, alle ore 10, al ...-->continua

27/09/2022 - Seconda edizione del “Premio Giovanna Pastoressa”

L’Ordine degli Psicologi della Basilicata ha promosso la seconda edizione del “Premio Giovanna Pastoressa”, dedicato alla memoria della giovane collega prematuramente scomparsa, ricordata per la sua professionalità e le sue spiccate doti umane, caratterizzate...-->continua

26/09/2022 - MATIFF: a Salvatores il premio “Luchino Visconti”

Sono stati svelati ieri sera, nel corso della cerimonia di premiazione al cinema Il Piccolo, i vinci-tori di questa edizione 2022 del Matiff – Matera International Film Festival del concorso “Moon-walk e la (sostenibile) leggerezza dell’essere”. Per la sezione...-->continua

E NEWS











WEB TV



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo