HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

I risultati degli ultimi studi sul lago piccolo di Monticchio

25/10/2018

Dici Monticchio e pensi ad un’oasi incontaminata in cui la bellezza della natura, la religiosità della bianca Badia dedicata a San Michele Arcangelo, lo splendore dei due laghi vulcanici ed il contesto meraviglioso del Vulture fanno del luogo un forte attrattore turistico per il nord Basilicata ma ancor non del tutto “totalmente espresso” mancando di un apposito progetto che porti a crescita, sviluppo e lancio definitivo in termini turistico ambientali. Ma anche qualcosa che è patrimonio di una intera comunità che attende il suo rilancio e vuole farne occasione di occupazione, economia verde, futuro per tanti giovani dell’area. Il tutto, poi, con un gruppo di appassionati che, in questi giorni, hanno reso noti gli ultimi risultati di un loro apposito studio sui laghi, frutto dell’amore per la zona e per tenere alta l’attenzione generale sull’area a livello di istituzioni ricercatori e tutti coloro che, prima o poi, dovranno sedersi a un tavolo per un apposito “progetto Monticchio”, non più procrastinabile. Il gruppo, definitosi “Astrofili del Vulture” capeggiato dall’arzillo 83enne Rocco Summa, zio Rocco per tutti, è composto anche da Antonio Innocenti, la dottoressa Giuseppina Del Prete, l’Università Popolare di Melfi, la Gaudianello, altri amici, a cui non manca la passione per l’osservazione delle stelle e dei pianeti, oltre che un amore smisurato per Monticchio. “E’ un po’ che studiamo il lago piccolo e la sua flora – ha detto Rocco Summa illustrando i risultati degli ultimi studi in un video postato su Fb e YouTube – ma anche le sue caratteristiche e il cambio di colore in alcuni periodi freddi dell’anno”. La curiosità crescente dei presenti ha invogliato Zio Rocco a proseguire la sua disamina “è una caratteristica specifica del lago piccolo che, a differenza del grande le cui acque restano azzurre, vede le sue acque cambiare colore e divenire giallo ruggine quando la temperatura superficiale, d’inverno, scende sotto la temperatura dell’acqua che si trova sul fondo, che risale ed, al contatto con l’aria, si ossida e dà origine ad un colore scuro. Quindi l’ossido di ferro, che è più pesante – ha aggiunto ancora – precipita sul fondo e l’acqua poi torna al suo colore naturale”. La conferma anche col prelievo di alcuni campioni di acqua, in superficie e poi sul fondo, analizzati dalla Fonte Gaudianello lì presente, con i campioni presi al fondo ossidatisi dopo solo 24 ore per il contatto con l’aria esterna. “Ma vi sono anche fenomeni di bolle di gas che salgono in superficie per le scosse sismiche – ha detto ancora l’esperto – e questo è il C02 presente che si libera e fa l’effetto ebollizione del lago, come quando si apre una bottiglia di acqua o bibita gassata, senza dimenticare che abbiamo scoperto la presenza anche di una pianta, il Ceratophyllum submersum, lunga anche decine di metri e quindi molto concatenata, che dà C02 al lago, permette la sua maggiore crescita tra giugno e settembre, anche se è strana averla qui visto che è d’origine europea – nordafricana ed in Italia si è scoperta lungo i canali intorno ad Este”. Insomma l’area di Monticchio merita di essere definitivamente e in modo organico, scoperta, studiata, analizzata per la sua unicità, da università, ricercatori, studiosi, esperti come i tedeschi visti di recente, come Hartig che qui scoprì la Bramea e come hanno fatto questi appassionati, visto che si deve scoprire ancora tanto di questa meraviglia!!!



archivio

ALTRE NEWS

ALTRE NEWS
17/07/2019 - San Giorgio Lucano: le iniziative per la stagione estiva

Il Commissario Prefettizio del Comune di San Giorgio Lucano (Mt), Dottoressa Emilia Felicita Capolongo, nel salutare la popolazione a seguito del suo insediamento, fa presente che è intendimento della stessa realizzare varie attività ed iniziative che possano arrecare vantag...-->continua

17/07/2019 - Fondazione Nitti e Comune di Maratea promuovono la serata teatrale a Villa Nitti

Domenica sera 21 luglio a Villa Nitti ad Acquafredda di Maratea rivivranno temi, atmosfere, tensioni, speranze, problemi che cento anni fa ebbero come protagonista Francesco Saverio Nitti che proprio nel 1919 ricevette l’incarico di formare il governo dell’Ita...-->continua

17/07/2019 - A Santa Maria di Anglona la Campagna di scavi luglio 2019

Si sta realizzando a Tursi, in località Santa Maria d'Anglona, la quarta campagna di scavi archeologici della Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici di Matera (SSBA) dell'Università degli Studi della Basilicata. I lavori di ricerca hanno avuto inizio ...-->continua

16/07/2019 - ASD OLTREDANZA - Al via da domani la stagione estiva con Metamorfosi del sé

Dal 17 luglio al 30 settembre 2019, spettacoli e performance di danza contemporanea a Matera, Montescaglioso e San Brancato.
In calendario cinque nuove produzioni con la collaborazione di danzatori, coreografi e registi lucani e internazionali.

Ci...-->continua

E NEWS





WEB TV



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo