HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Rubavano il rame nei parchi eolici, 10 arresti

25/05/2023



Sette persone arrestate su un totale di 18 indagati, sei tonnellate di rame trafugato da parchi eolici del Basso Molise, Puglia, Basilicata e Campania e 615 kg recuperati, raffica di perquisizioni con 100 carabinieri impegnati tra le Compagnie di Campobasso e Larino, i provinciali di Barletta, Andria, Trani, Bari, Foggia, Cerignola con i nuclei cinofili di Chieti e Modugno (Bari); quattro persone ricercate per l'esecuzione delle misure cautelari sono risultate irreperibili.


 


Questi i numeri dell'operazione 'Vento Rosso' illustrata a Larino dal procuratore capo di Larino Elvira Antonelli, dal tenente colonnello Luigi Dellegrazie, dal sostituto procuratore Marianna Meo e dal comandante della locale compagnia Christian Petruzzella.


Il blitz è scattato all'alba e ha permesso di bloccare tre gruppi criminali dediti al furto e ricettazione di rame nei parchi eolici del centro-sud Italia.


 


Le indagini, cominciate a febbraio 2022 e durate circa un anno, hanno accertato 13 furti ai danni di impianti per la produzione di energia rinnovabile.


L'inchiesta, coordinata dal sostituto procuratore Meo, è partita all'indomani di un furto avvenuto ai danni di torri eoliche a San Martino in Pensilis (Campobasso) e ad Ururi (Campobasso). L'indagine si è poi estesa dal Basso Molise a diverse città della Campania, Basilicata e Puglia arrivando a identificare i tre gruppi di malviventi che operavano in associazione tra loro. Un primo 'team' era specializzato nel rubare il rame che veniva poi trasportato in alcuni luoghi organizzati dove veniva sguainato in tempi brevi attraverso un attrezzo specifico.


 


Terminata questa operazione, entrava in azione una seconda 'squadra' con i mediatori che contattavano i ricettatori per piazzare la refurtiva sul mercato nero dove il prezzo di 4-5 euro al kg permette guadagni rilevanti. Il danno arrecato dai ladri ai parchi derubati si aggira su un milione di euro, mentre quello complessivo, considerando l'energia sottratta alla produzione e distribuzione, supera i tre milioni di euro. La base operativa dei malviventi era a San Ferdinando di Puglia (Bat). Qui operavano undici romeni, un albanese e sei pugliesi tra cui tre donne. (ANSA).




ALTRE NEWS

CRONACA

21/06/2024 - Basilicata. Rischio eruzione Campi Flegrei, riunione in Prefettura a PZ
21/06/2024 - Matera: eseguito un complesso intervento di cesareo ed asportazione di un tumore
21/06/2024 - Stato di agitazione lavoratori Aias di Potenza
21/06/2024 - Marsiconuovo: ciclista si perde tra i boschi, recuperato dopo allerta al 112

SPORT

20/06/2024 - A Lorica il primo raduno tecnico interappenninico Fisi
20/06/2024 - Nuovo innesto in casa Rinascita: è Filippo Franza
19/06/2024 - Tenta di aggredire tifoso della Juve Stabia, 5 anni di Daspo a ultrà del Potenza
18/06/2024 - Il Gorgoglione si aggiudica anche la dodicesima edizione del Torneo del Sauro

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

Non con i miei soldi. Non con i nostri soldi
di don Marcello Cozzi

Parlare di pace in tempi di guerra è necessario, ma è tardi.
Non bisogna aspettare una guerra per parlarne. Bisogna farlo prima.
Bisogna farlo quando nessuno parla delle tante guerre dimenticate dall'Africa al Medio Oriente, quando si costruiscono mondi e società sulle logiche tiranniche di un mercato che scarta popoli interi dalla tavola dello sviluppo imbandita solo per pochi frammenti di umanità; bisogna farlo quando la “frusta del denaro”, come ...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo