HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Senise: quando Nadia Toffa raccontò la storia di Antonietta

14/08/2019



‘’Sole made in Basilicata per combattere l'inverno! Fantastico!’’. Era il 22 gennaio del 2015 quando Nadia Toffa, la ‘’dolce guerriera’’, giornalista e conduttrice che ora tutta l’Italia piange, sul suo profilo facebook pubblicò una foto con quella didascalia. Alle sue spalle uno specchio d’acqua riconoscibilissimo dai senisesi: il lago di Montecotugno. Qualche giorno dopo, durante una puntata de Le Iene, i telespettatori conobbero a livello nazionale la storia di Antonietta Mileo. Ancora oggi nell’ufficio della sezione Cisl a Senise, in corso Giuseppe Garibaldi, chi è solito frequentare quelle stanze, sa che in quello che era un tempo il suo ufficio, c’è ancora una cornice con una fiore di stoffa appoggiato alla sua fotografia. Antonietta, racconta chi la conosceva, era la vera anima del sindacato. Svolgeva il proprio lavoro proprio come ci si aspetta che sia. Aveva cominciato a lavorare per la Cisl giovanissima, a 19 anni. «Credeva in quello che faceva - avevano detto i familiari proprio a Nadia Toffa - e spesso, quando era malata, era anche capace di portarsi il lavoro a casa. Qui tutti la cercavano, anche in orari non di ufficio».
Ma Antonietta, per il suo lavoro, era sfruttata proprio da chi esiste in virtù dei diritti dei lavoratori che dovrebbe tutelare. Non lo dice la famiglia, non lo dicono i giornali. Lo dice la legge: il tribunale di Potenza, con sentenza del 2011, aveva condannato la Fai Cisl di Basilicata a pagare le mancate retribuzioni alla giovane per un totale di 140mila euro. Il sindacato era stato condannato in seguito ad una vertenza intentata dalla famiglia di Antonietta, seguita dall’avvocato Pierluigi Ferrara, dopo la prematura scomparsa della ragazza, avvenuta nel 2002 in seguito ad una brutta malattia.

«Per 8 anni - ricordano i genitori - l’hanno illusa dicendole che l’avrebbero messa in regola. Ma ciò non è mai avvenuto. La sfruttavano, pagandola di rado e poco, la maggiorparte delle volte in nero. Lei ha sempre detto che, un giorno, avrebbe fatto prevalere i suoi diritti da lavoratrice. Ora che non c’è più, abbiamo intrapreso noi questa battaglia per lei. La legge ci ha dato ragione, ma il sindacato, nonostante le sentenze, non ha mai pagato».

Nadia Toffa, con la passione e l’impeto per la ricerca della verità che la contraddistingueva, aveva incalzato il segretario della Cisl Lapadula.
E proprio alla Toffa Lapadula, nel suo ufficio, aveva prima risposto dicendo di non sapere nulla della vicenda e dunque della sentenza, poi aveva tentato di difendere il lavoro svolto dal sindacato, che è «dalla parte dei lavoratori» e, in merito alla protagonista della vicenda, che «Antonietta era una persona squisita», «se le è dovuto pagheremo», «prima di pagare occorre preparare tutti gli atti», «noi siamo con la giustizia, sempre». La Toffa, però, più volte aveva fatto notare al segretario che il pagamento è dovuto già in virtù dell’esistenza di sentenze che intimano il sindacato a pagare.
Pochi giorni dopo erano arrivate rassicurazioni sul fatto che la sentenza sarebbe stata, finalmente, rispettata.


lasiritide.it



ALTRE NEWS

CRONACA

17/08/2019 - Metaponto: donna di 26 anni muore annegata
17/08/2019 - Incidente mortale nei pressi di Grassano
16/08/2019 - Potenza e provincia:Controlli dei Carabinieri a Ferragosto. 8 persone denunciate
16/08/2019 - Depuratore di Maratea: ‘’un problema vecchio non risolto’’

SPORT

17/08/2019 - Serie C, Picerno: il patron Curcio saluta la squadra. ‘Obiettivo salvezza’
17/08/2019 - Francavilla – Grumentum. Primo turno di coppa Italia
16/08/2019 - Viggianello: tra i pali arriva Sosnovskyy
15/08/2019 - Serie D/H: Conte lascia il Grumentum

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

17/08/2019 Sosensione idrica oggi 17 agosto in Basilicata

Policoro: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in via Trieste resterà sospesa fino al termine dei lavori di riparazione.
San Fele: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 18:00 di oggi alle ore 08:00 di domani mattina, salvo imprevisti, nelle seguenti località: Difesa, Civita, Armatiedi, Radito e zone limitrofe.
Filiano: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile resterà sospesa fino alle ore 18:00 di oggi, salvo imprevisti. Acquedotto lucano ha attivato il servizio sostitutivo mediante autobotte che stazionera nei pressi di Villa Mancini.
Nova Siri: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in via Colombo resterà sospesa fino al termine dei lavori di riparazione.

16/08/2019 Sospensioni idriche 17 agosto 2019

Venosa: a causa di un guasto improvviso all'impianto di sollevamento, nell'intero abitato potrebbero verificarsi cali di pressione o la sospensione dell'erogazione idrica, fino al termine dei lavori di riparazione.
Francavilla in Sinni, Chiaromonte: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica potrebbe subire cali di pressione o essere sospesa dalle ore 08:30 alle ore 14:00 di oggi, salvo imprevisti.
Vietri di Potenza: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 11:00 di oggi fino al termine dei lavori di riparazione
Savoia di Lucania: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica nella frazione Santa Maria delle Grazie e Via dell'Acquedotto sarà sospesa dalle ore 11:00 di oggi fino al termine dei lavori di riparazione.

15/08/2019 Sospensione idrica oggi in Basilicata

Vietri di Potenza: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile in contrada Musileo sarà sospesa dalle ore 19:30 di oggi alle ore 07:30 di domani mattina, salvo imprevisti.

Il fuoco del ghetto illumini le nostre coscienze
di Mariapaola Vergallito

Nessuno di noi dovrà più tornare indietro da quanto accaduto ieri. Nessuno di noi dovrà poter cancellare il capitolo nero marchiato col fuoco del ghetto della Felandina di Metaponto. Non che di vergogna e di indecenza prima di ieri non ce ne fossero abbastanza. Ma forse si doveva arrivare alla morte di una povera donna nigeriana resa irriconoscibile dal fuoco di un’alba lucana per accenderne un altro, di fuoco: quello dell’indignazione attiva, della coscienz...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo