HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Selezione Tempa Rossa: la rabbia di due giovani lucane

13/09/2018



Sono arrabbiate. Deluse. Sono due delle centinaia di persone che, a febbraio scorso, avevano creduto nella selezione che avrebbe portato a 30 nuove assunzioni a Tempa Rossa. Il loro racconto è importante perché pone una lente di ingrandimento su uno dei mali della nostra epoca: la paura (e, a volte, la certezza) che il sistema premi non per merito ma per santi in Paradiso. E, così, diventa tutto inutile: studiare, tentare, restare. E quando il verbo restare si coniuga con le difficoltà di una regione che soffre lo spopolamento, il tempo dovrebbe poter essere il presente. Questa lente è tanto più grande e profonda quanto sono le storie che ne vengono fuori. Come quelle di due donne: Francesca e Claudia (per loro useremo nomi di fantasia), entrambe di un paese lucano ma al di là dei confini delle concessioni Total (Corleto Perticara, Gorgoglione e Guardia Perticara). La rabbia di Francesca e Claudia (entrambe poco più che trentenni, una ingegnere chimico con diverse specializzazioni e l’altra con un diploma in un Istituto Tecnico Industriale) esplode dopo aver letto l’articolo sulla Gazzetta, in cui si parlava di ‘’anticipazioni’’ rispetto ai nomi dei 30 nuovi assunti a Tempa Rossa. “Monitorando le possibili offerte di lavoro attinenti con la mia laurea- spiega Francesca- ho visto questo annuncio di selezione per 30 tecnici per un anno di formazione e poi, nel caso, per l’assunzione. Mi sono candidata perché tutti i requisiti dell’avviso corrispondevano a quelli del mio percorso, sia nei titoli di studio che nei dati anagrafici. Nel mese di aprile, dalla Manpower, che si occupava dei test, ci comunicano tramite email la data della prima selezione, che si tenne a Tito”. E sono stati davvero tanti i giovani che hanno scommesso su questa selezione, divisa in più giorni e in più turni quotidiani. “Non ricordo quanti esattamente, ma prima e dopo di me c’erano altri turni”. Francesca racconta di aver notato un clima non esattamente ‘’blindato’’ come ci si aspetterebbe in una selezione. “Una volta finito ci hanno detto di aspettare una loro comunicazione- spiega Francesca- e dopo una decina di giorni ho chiamato alla Manpower ma mi è stato risposto che avevano consegnato le risposte alla Total che avrebbe fatto sapere l’esito del test”. Poi più nulla. “Ho avuto la risposta con un’email datata 30 agosto da parte della Manpower- dice- in cui mi è stato detto che le mie competenze non corrispondevano a tutti i requisiti richiesti. Girava voce, però, già dall’inizio dell’estate, che i 30 fossero già stati individuati e che già si parlava di fasi successive”. “Non avevo la presunzione che prendessero me- dice- ma almeno la serietà di comunicare il tutto rispettando i tempi”. “Tra l’altro- spiega Claudia- sinceramente troviamo a dir poco sminuente e triste che i sindaci della valle se la siano presa perché non erano state ripartite adeguatamente le quote di assunti nei loro tre comuni. La selezione valeva per tutti i residenti in Basilicata e i criteri di scelta sarebbero dovuti essere altri”. Il risultato? Almeno due: almeno due professioniste disilluse nei confronti della loro terra; nuovi interrogativi sulla trasparenza di una selezione, per la quale perlomeno si dovrebbe valutare la reale esistenza dei requisiti e dei titoli di studio di tutti i selezionati, perché è vero che sarà prevista la formazione ma è pur vero che se sono musicista, per esempio, non posso scavalcare un ingegnere per lavorare in un indotto petrolifero. “Evidentemente puoi essere brava quanto vuoi- dicono- ma se venissero confermate le ombre su questa selezione vorrebbe dire che vanno avanti solo quelli che hanno amicizie e santi in Paradiso. Come facciamo a non andare via?”.

Mariapaola Vergallito




ALTRE NEWS

CRONACA

26/01/2020 - Incidente su SS 407 , auto si ribalta
26/01/2020 - Policoro: spari nella notte contro studio notarile
26/01/2020 - Morte Ielpo, 8 indagati che parteciperanno agli accertamenti non ripetibili
25/01/2020 - Sp 3: auto finisce dentro un canale

SPORT

26/01/2020 - Premier League di Parigi, argento per le azzurre con la lucana D'Onofrio
26/01/2020 - Serie D/H: spettacolare pareggio tra Francavilla e Team Altamura
26/01/2020 - Volley: solo un punto per il Potenza contro Eulogic Acquaviva
26/01/2020 - Futsal: Alma Salerno - Bernalda Futsal: 2-13

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

24/01/2020 SOSPENSIONI IDRICHE

Tramutola: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 11:00 di oggi fino al termine dei lavori. TRAMUTOLA: Via Mazzini , largo mercato , piazza della repubblica, zona San Vito e zone limitrofe

20/01/2020 Sospensioni idriche 20 gennaio 2020

--Lavello: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 07:30 di oggi fino al termine dei lavori.
--Sant'Arcangelo: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 14:00 alle ore 18:00 di domani salvo imprevisti. SANT'ARCANGELO: Zona bassa Centro storico
--Irsina: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 10:00 di oggi fino al recupero del livello. IRSINA: C.da Notargiacomo e zone limitrofe
--Scanzano Jonico: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 10:00 di oggi fino al termine dei lavori. SCANZANO JONICO: Via Campania

19/01/2020 Inaugurazione plesso scolastico rinviata per morte tifoso

La manifestazione in programma domani a Tramutola per l’inaugurazione del nuovo plesso scolastico, è stata rinviata a data da destinarsi per rispetto del dolore della famiglia della giovane vittima di oggi condannando la violenza bieca che ha portato al triste evento. Si tratta, di dare un senso profondo ai valori della vita come quelli che si incarnano nel mondo della scuola, ed esaltare i valori dello sport come momento esclusivo di unione e non di divisione .
La decisione è stata assunta di concerto con il presidente della regione Basilicata Vito Bardi .

Sospendete il campionato di Eccellenza:per il lutto e per una umana riflessione
di Mariapaola Vergallito

Forse ancora non abbiamo capito bene quello che è accaduto domenica scorsa davanti al piazzale della Ferrovia dismessa di Vaglio Scalo. E non mi riferisco alla dinamica dei fatti, spiegata senza troppi giri di parole dal Procuratore, dal Questore e da chi ha indagato e sta indagando.
Forse ancora, però, non abbiamo compreso bene la portata di quanto accaduto. L’assurdità di questa tragedia che ha nomi e cognomi e, tra questi, forse ‘’Calcio’’ è uno di qu...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo