HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

'Nelle sorgenti di Montemurro contaminazioni da attività industriali'

9/02/2016



Dopo aver letto lo studio della Prof.ssa Albina Colella intitolato: “Anomalous deep waters gurgling to the surface and impacting soils in the Val d'Agri oil field, Southern Italy. International Journal of Ecosystems and Ecology Science, pp. 533-542, (2014)” siamo tornati nelle zone d’indagine del medesimo studio, raccogliendo le segnalazioni di abitanti locali che riferivano di colorazioni anomale in due sorgenti situate nei pressi delle celebri polle studiate dalla Prof.ssa Colella.

Come desumibile dal materiale fotografico ed audio-visivo raccolto, queste sorgenti mostrano una colorazione anomala e purtroppo anche marcate anomalie chimico-fisiche. Le analisi chimiche svolte presso un laboratorio accreditato hanno rilevato, per due dei tre campioni prelevati nell’ottobre 2015, a circa 2 km dal pozzo ENI-Costa Molina 2 e denominati ( 17 – 18 – 19 ), quanto segue.
Il campione 17 prelevato direttamente dalla sorgente, aveva idrocarburi a 100 mcg/l, ed una pesantissima contaminazione da fenoli (12 mg/l) a fronte di un limite di 0,5 mcg/l; quindi i fenoli erano 24 mila volte superiori alla soglia di legge, l’alluminio sforava di 15 volte il livello previsto dal dlgs 31/2001 per le acque potabili, così come il ferro a 7 volte la soglia di legge per le acque di sorgente. Sforavano i limiti di legge anche: selenio, solfati, stagno, sodio e nitrati nonché l’indice di alcalinità SAR, che secondo la legislazione europea era per questo campione di quarta fascia, ossia l’acqua era così alcalina da non poter essere usata neanche a scopo irriguo.
Gli altri due campioni, 18 e 19, sono stati prelevati da un’altra vicina sorgente, il primo al punto di affioramento, l’altro nell’alveo che da essa si formava. Come per il campione 17, anche il 19 aveva diverse contaminazioni, sia secondo il dlgs 152-06 che secondo il dlgs 31/2001 per ferro oltre soglia, manganese 13 volte i limiti di legge, arsenico poco oltre soglia (10,5 mcg/l), solfati oltre il doppio del limite e nitriti oltre quattro volte la soglia. Strana la presenza dello stronzio, oltre 70 mcg/l, ma sicuramente preoccupanti i fosfati rinvenuti che non dovrebbero proprio comparire nell’acqua di sorgente eppure a Contrada La Rossa arrivano a 33 mg/l, come anche pesantissima è la contaminazione anche qui da fenoli, 12 mg/l a fronte di un limite di 0,5 mcg/l; quindi la concentrazione di fenoli anche in questo campione sarebbe 24 mila volte la soglia di legge lì dove prevista. Nel campione 18 invece non sono apparse contaminazioni in termini di legge, tuttavia degna di approfondimento è la presenza sempre di stronzio, e le tracce di: arsenico, bario, boro e fosfati ( quest’ultimi non dovrebbero comparire neanche in traccia ) eppure anche questo campione sembra conservare l’alone della medesima impronta chimica del campione del suo alveo, il 19: questo fenomeno fa pensare ai casi già documentati nel mondo, di inquinamento, anche ad intermittenza, causato da attività petrolifere, per esempio la re-iniezione, che nel suo corso può intercettare corpi idrici sotterranei che a causa dopo di numerosi fattori, dalla pressione antropica alla conformazione idrogeologica, si trova poi costretta a sfogare i suoi effluvi in superficie oppure intercettando nel suo flusso gli stessi bacini idrici da cui poi sgorgano le acque sorgive.
Le analisi sono state finanziate da cittadini organizzatisi nella raccolta fondi “Analizziamo la Basilicata”, e tutta le documentazione prodotta è stata consegnata alle autorità competenti affinché si faccia luce su un fenomeno che desta forti sospetti non sull’inquinamento, ormai accertato per l’area in questione, ma sulla lentezza ed apparente negligenza delle autorità preposte ai monitoraggi ambientali ed alla prevenzione sanitaria: anche queste negligenze, dolose o no, saranno al centro delle nostre iniziative legali.


Giorgio Santoriello – Associazione Cova Contro



Link video ( fonte Prof.ssa Albina Colella ):









ALTRE NEWS

CRONACA

15/06/2021 - Maratea, revoca assessori: anche il Consiglio di Stato dà ragione al sindaco
15/06/2021 - Il Prefetto di Potenza riunisce l’Osservatorio regionale sull'usura
15/06/2021 - Covid: 28 nuovi positivi su 734 tamponi molecolari
15/06/2021 - Matera.Truffa dell'arrotino, denunciato pregiudicato in trasferta

SPORT

15/06/2021 - A Policoro nasce una scuola calcio femminile
15/06/2021 - Sesta ed ultima giornata del campionato regionale di Eccellenza Femminile
15/06/2021 - Serie D/H: le dichiarazioni di mister Palo alla vigilia di AZ Picerno-Casarano
15/06/2021 - Picerno: al 'Curcio' test per certificazione 'Fifa Quality Pro'

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

15/06/2021 Sospensione idrica a Potenza

Potenza: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 11:00 alle ore 13:00 salvo imprevisti. POTENZA: Via dei Gerani

13/06/2021 Sospensione idrica a Oppido

Oppido Lucano: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 20:45 di oggi alle ore 08:00 di domani mattina salvo imprevisti. OPPIDO LUCANO: Via Appia, dal civico n.55 in poi.

12/06/2021 Sospensioni idriche

Potenza: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 12:30 alle ore 14:30 di oggi salvo imprevisti. POTENZA: Via Bertazzoni, via San Vito e parte di via Appia.

Le parole sono pietre
di Mariapaola Vergallito

Le parole sono pietre. E così capita che in Basilicata, in un fazzoletto di territorio nemmeno troppo grande, nel giro di pochi giorni accadano due episodi, che abbiamo raccontato, e che devono necessariamente provocare una riflessione con conseguenti prese di posizione.


-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo