HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

“Jack&Rozz”,il disco di un quintetto di musicisti lucani e campani

29/06/2016

“Jack&Rozz” è il disco di cinque musicisti lucani e campani dal primo Luglio su tutte le piattaforme digitali. Un progetto nato per far dialogare jazz e rock. Il tour di lancio è già in programmazione, con alcune date previste per quest’estate in preparazione di un tour invernale più lungo e articolato.
Giovanni Francesca alla chitarra, Frank Lacapra al basso, Pasquale Fiore alla batteria Alessandro Tedesco al trombone e Pino Melfi alla tromba, questo il quintetto per un’idea di reinterpretazione e contaminazione.
Nonostante le radici comuni, tra i due generi non è sempre corso buon sangue, anzi. Pur nascendo da una tradizione popolare marginalizzata come quella afro-americana, già dagli anni Venti il jazz aveva attirato l’attenzione di musicisti colti europei come Ravel e Stravinsky, così, quando il rock emise i primi vagiti, il jazz era già un genere che poteva guardare negli occhi i più raffinati compositori provenienti dall’ambiente accademico.
La nascita di un disco come “Jack&Rozz” che reinterpreta in chiave jazz i maggiori successi rock, è sembrata fin da subito un esperimento con una storia ben definita alle spalle, nonché di grossa portata storica.
La storia narra che gli interpreti bianchi, infatti, ebbero un’importanza almeno pari ai neri nell’affermazione del rock, mentre il jazz ebbe, dalla nascita fino all’emancipazione degli afro-americani, una forte connotazione razziale. Tutti gli esponenti di culture emarginate attraverso il jazz volevano affrancarsi dalla subalternità. Nel rock le rivendicazioni erano invece generazionali. Fortemente introspettivo il jazz quanto edonista il rock, ma entrambi indirizzati ad una sorta di commercializzazione culturale di massa.
La track-list di “Jack&Rozz” gioca su questi due livelli, affidandosi in alcuni brani a reinterpretazioni soliste quali quella di Marco Zurzolo al sax, approfondendo uno studio sulle contaminazioni che oltrepassa i confini tra generi.
E proprio la reinterpretazione prosegue fedelmente nella parabola di questo percorso a due tra jazz e rock.
A metà degli anni Sessanta, infatti, alcuni giovani musicisti s’interessarono al rock delle origini. Sull’altro versante, l’attenzione di un jazzista fondamentale come Miles Davis verso il rock psichedelico di Jimi Hendrix e il soul-funky di Sly Stone e James Brown, portò alla creazione di un nuovo genere jazz-rock affrontato da una prospettiva jazzistica.
Due mesi fa è stata avviata una crowfunding per la realizzazione del disco e si è conclusa da pochissimo con successo. L’interesse attorno al progetto ha infatti coinvolto appassionati e neofiti del genere che lo hanno sostenuto sulla piattaforma MusicRaiser rendendone possibile, di fatto, la realizzazione.



archivio

ALTRE NEWS

ALTRE NEWS
14/08/2022 - A Grumento Nova il jazz de The Young Stoumpers

Dieci brani, una passione forte e smisurata per il jazz, quello puro, raffinato e incantato. Note celesti a Grumento Nova sabato sera nel corso del concerto jazz svoltosi nella sede del Castello che ha sostituito il Parco Archeologico Romano dopo le piogge del pomeriggio. Th...-->continua

14/08/2022 - Latronico: dopo Capossela, il Parco delle Terme accoglierà Nicola Piovani

Dopo aver ospitato il concerto del grande Vinicio Capossela, il Parco delle Terme di Latronico sarà l’incantevole scenario di un altro straordinario evento.
Domenica 28 agosto, a Latronico, si esibirà anche Nicola Piovani le cui melodie e colonne sonore ve...-->continua

14/08/2022 - A Castronuovo di Sant'Andrea torna la Serata della Cultura

A chiusura dell’anno dedicato al V CENTENARIO DELLA NASCITA DI SANT’ANDREA AVELLINO (Castronuovo di Sant'Andrea, 1521 – Napoli, 10 novembre 1608), domenica 21 agosto 2022, alle ore 18.30, in Piazza della Civiltà Contadina, XLI SERATA DELLA CULTURA, organizzata...-->continua

14/08/2022 - U strittul ru zafaran: i ringraziamenti del Presidente dell'Assa

A conclusione di questi giorni di manifestazione, voglio esprimere un personale giudizio e ringraziamento. Sono stati giorni intensi, faticosi, giorni in cui l'evento "U strittul ru zafaran" è diventato la sola occupazione e il solo pensiero. Giorni di duro la...-->continua

E NEWS











WEB TV



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo