HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

Protagonisti e retroscena di una classe politica in crisi in un libro di Fontana

1/12/2018

“Un paese senza leader -Storie, protagonisti e retroscena di una classe politica in crisi” mette in rilievo che nessun vero leader può emergere: lo hanno impedito le diverse leggi elettorali (maggioritari sempre mascherati) il sistema di finto premierato che ci ha accompagnati in questi venticinque anni, l’assenza di un meccanismo di sfiducia costruttiva (un governo cade quando c’è una proposta alternativa già pronta).
E ad aggiungere ostacoli è arrivata la novità di una selezione della classe dirigente affidata a qualche centinaia di click in rete.
Tutto era già chiaro dai primi anni novanta con la dissoluzione dei partiti storici della Prima Repubblica, investiti e travolti da Mani Pulite per quanto riguarda la DC ed il PSI; schiacciati dalla caduta del Muro di Berlino e dal sistema dei paesi comunisti per quanto concerne il PCI.
Le antiche leadership scompaiono, le nuove devono misurarsi con una legge elettorale il Mattarellum basato per i 2/3 su collegi uninominali in cui vince il primo classificato), che spingono ad una spartizione preventiva dei seggi tra i partiti partitini alla vigilia del voto.
Persino Silvio Berlusconi come riportato nel testo, leader televisivo per antonomasia, che vincerà le elezioni del 1994 è costretto ad allearsi con la Lega di Bossi al Nord e con Alleanza nazionale di Fini al Sud.
Ma anche quelli dello schieramento opposto della sinistra, sono stati costretti ad aggregarsi per dare un governo al paese, e non è emersa la figura del vero leader.
Alle elezioni del 4 marzo 2018 non ci sono stati né vincitori né vinti e si sono dovuti alleare i due maggiori partiti Lega Nord e Movimento a 5 stelle, per dare al paese un governo capeggiato da un docente universitario della facoltà di Giurisprudenza di Firenze prestato alla politica.
Per quanto riguarda i partiti, rispetto alla prima repubblica non sono diminuiti, ed i governi continuano ad essere instabili, come dimostrano i casi di governi che sono caduti e ricreati, mentre sarebbe opportuno che fossero più stabili e duraturi, e quindi meno partiti e più governabilità.
Il nostro sistema dovrebbe essere bipolare in cui il leader del partito di maggioranza andrebbe al potere e quello di minoranza all’opposizione e viceversa, come si verifica in molti stati esteri.



Biagio Gugliotta



archivio

ALTRE NEWS

ALTRE NEWS
18/07/2019 - Senise: due liceali diplomati con lode

Siamo nel pieno dell’estate, gli esami sono ormai un ricordo ma la scia delle soddisfazioni è ancora lunga. Come il caso di due studenti del liceo classico ‘Isabella Morra’ di Senise che alla fine di un brillante esame, che ha fatto seguito ad un percorso scolastico altretta...-->continua

18/07/2019 - Coop Alleanza 3.0 presenta la restituzione della statua di Santa Lucia a Matera

Si terrà domani, 19 luglio, alle ore 11 la restituzione della statua di Santa Lucia della Chiesa Rupestre di S. Lucia alle Malve al Museo Diocesano di Matera. Il capolavoro locale è stato restaurato mediante il voto dei soci Coop Alleanza 3.0 per l’edizione 20...-->continua

18/07/2019 - Passaggio di testimone al Rotary Senise Sinnia. Calderaro nuovo presidente

Si è svolta ieri pomeriggio la cerimonia del passaggio del martelletto nella splendida cornice dell’agriturismo masseria l’Olivia Casata del Lago a Senise,nuovo presidente per l’anno 2019 del Rotary Club Senise Sinnia è l’imprenditore Francesco Calderaro.
...-->continua

18/07/2019 - Pro Loco di Maratea La Perla - Premio La Perla 2019

Per il terzo anno torna il Premio La Perla nell’incantevole scenario del Porto turistico di Maratea. E ci torna rilanciando il valore dell’effetto comunicativo e della sua prospettiva, utile alla valorizzazione della terra di Basilicata e del Golfo di Policast...-->continua

E NEWS





WEB TV



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo