HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

Oriolo. Apre la Casa delle Arti e delle Idee

30/07/2018

Un interessante esperimento antropologico ha visto il borgo di Oriolo protagonista ieri sera (domenica). Il Comune, inserito tra “I Borghi più belli d’Italia”, si sta distinguendo negli ultimi anni per una programmazione tesa alla riscoperta del centro storico e al recupero dei Beni Culturali, grazie alle politiche inclusive dell’Amministrazione Comunale guidata dal sindaco Giorgio Bonamassa e in particolar modo con la spinta propulsiva del vicesindaco con delega alla Cultura, Vincenzo Diego. Ebbene, in questa ottica, è stato recuperato un antico palazzo gentilizio che dopo il taglio del nastro di ieri sera si è trasformato nella Case delle Arti e delle Idee dove troveranno ospitalità artisti, associazioni, giovani, artigiani, insomma un contenitore di creatività a disposizione non solo di Oriolo ma di tutto l’Alto Jonio. Un esempio concreto di lotta allo spopolamento mediante il riutilizzo di beni pubblici per la comunità. La passeggiata esperienziale è partita dal ponte Falce, recentemente ristrutturato. sotto il costone di roccia che sorregge Oriolo, per poi salire verso Porta San Giacomo nei pressi della quale è aperto un atelier del pittore Francesco Diego che ha acquisito la vecchia struttura recuperata dal Comune in comodato d’uso e l’ha arredata di tutto punto trasformandola in un vero laboratorio di pittura, dove si può osservare l’artista al lavoro e al contempo godere delle opere già realizzate e in esposizione.
Lungo la breve passeggiata che conduce alla nuova Casa delle Arti e delle Idee, altri edifici fatiscenti sono stati recuperati dall’Amministrazione Comunale, diventando affascinanti sotterranei a disposizione di mostre di ogni genere. Ha partecipato all’appuntamento anche il noto antropologo Luigi Maria Lombardi Satriani, calabrese di nascita e punto di riferimento internazionale nelle scienze antropologiche. Satriani, cittadino onorario di Oriolo (nella foto in basso con Diego), si è intrattenuto a disquisire su un argomento molto dibattuto oggi giorno e cioè il futuro dei piccoli borghi. «Oriolo è un esempio di buona politica a livello nazionale. Qui esiste una comunità che si sente tale – ha commentato il professore – che quotidianamente grazie al sostegno di amministratori attenti e capaci come Vincenzo Diego – lotta contro l’indifferenza». Al fatidico taglio del nastro, oltre all’antropologo, hanno partecipato anche il primo cittadino di Oriolo e il presidente della Provincia, Franco Iacucci (nella foto in alto) che ha ribadito come negli ultimi tempi si sta verificando un fermento importante attorno ai piccoli borghi, ricordando anche il recente bando in pubblicazione della Regione Calabria appunto per la valorizzazione dei centri storici.
Un esperimento antropologico quello di Oriolo, in quanto nel piazzale delle Casa delle Arti e delle Idee si sono ritrovati cittadini, artisti, istituzioni, turisti, associazioni dando metaforicamente alla nuova struttura il significato di laboratorio comune per lo sviluppo del territorio. Per il Comune di Oriolo, c’erano anche il responsabile dell’Ufficio Tecnico, Luigi Formichella; il presidente del Consiglio Comunale, Alfredino Acciardi e i consiglieri Domenico Bonamassa e Chiara Vivacqua. C’erano anche i ragazzi della Pro Loco e tanti volontari che l’Amministrazione Comunale, con il sostegno delle associazioni, con in prima linea l’Associazione per lo Sviluppo dell’Alto Ionio – guidata da Antonio Pagano e presente alla manifestazione con la vice presidente Franca Franca in compagnia di numerosi soci – è riuscita a mettere assieme, valorizzando in ognuno le proprie competenze. E’ giunta ad Oriolo anche la direttrice della Biblioteca Minnicelli di Rossano, Ombretta Gazzola. Con la loro presenza, hanno mostrato la loro vicinanza a questa importante azione di tutela dell’antico borgo illustri cittadini di Oriolo come il compositore Rocco Abate e il commissario ad acta per l’attuazione dei Decreti che prevedono la trasformazione del “Chidichimo” di Trebisacce da Casa della Salute in Ospedale di Zona Disagiata, Franco Laviola. Nella Casa delle Arti e delle Idee si possono già visitare laboratori di ceramica, di pittura. Al suo interno è ospitato anche un prezioso laboratori di liuteria, dove i maestri liutai realizzano strumenti che sono dei veri manufatti originali. Il regno della cultura, del riscatto di un territorio: la casa della bellezza, che, come diceva l’intellettuale russo, salverà il mondo. E i piccoli borghi.



archivio

ALTRE NEWS

ALTRE NEWS
19/08/2019 - Matera.Pali fioriti 2019:Se l'Arte fa Rete

La fèrula, pianta spontanea della Murgia con piccoli fiori gialli riuniti in ombrelli dai tanti raggi, è protagonista del logo di PALI FIORITI 2019 e racconta con grande efficacia la storia di un progetto di Arte e di Creatività in Rete. PALI FIORITI 2019 è infatti il risult...-->continua

19/08/2019 - A Rionero in Vulture si rinnova lo storico appuntamento col Vulcanica Live Festi

Si rinnova anche quest'anno lo storico appuntamento col Vulcanica Live Festival, uno dei principali eventi musicali del Sud Italia, che giunge alla sua ventunesima edizione. Il 23 e 24 agosto, nel cortile di Palazzo Giustino Fortunato a Rionero in Vulture (Pot...-->continua

19/08/2019 - Aliano: dal 21 al 25 agosto 8^edizione ''La luna e i calanchi''

Dal pomeriggio del 21 all’agosto all’alba del 25 agosto ad Aliano, nella montagna materana, c’è l’ottava edizione di La luna e i calanchi, la festa della paesologia ideata e guidata da Franco Arminio.
Questa edizione rinforza ulteriormente i caratteri molt...-->continua

19/08/2019 - Senise: torna 'Giochi senza barriere'

L’Associazione “Il Cielo nella Stanza” - Sede staccata di Senise, attraverso la referente Filomena Iannotta, è lieta di annunciare la III Edizione di “Giochi Senza Barriere” che si terrà a Senise (PZ) giovedì 22 Agosto 2019.
La manifestazione, che ormai da...-->continua

E NEWS





WEB TV



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo